Alimentazione infantile ed emergenza terremoto: come essere d'aiuto?

terremoto-bambini-solidarietà

Il terremoto del 24 agosto ha fatto emergere un problema importante che riguarda l’alimentazione infantile in situazione di emergenza. 

Per i neonati e le neomamme è indispensabile l’assunzione del latte durante i primi mesi di vita. In una situazione di emergenza, come quella del terremoto che ha colpito il centro Italia a fine agosto, molte famiglie sono rimaste coinvolte dal problema alimentazione.

Come è possibile aiutare i bambini che, ignari della situazione, hanno necessità di latte e alimenti nutrienti?

Il reperimento del latte in situazioni di emergenza

Dalle linee guidate stilate dopo la Settimana Mondiale per l’Allattamento al Seno (Sam) nel 2009, tra i diversi punti stilati, si è focalizzata l’attenzione sull'importanza di dare sostegno e assistenza alle mamme dei neonati.

Tra le indicazioni più utili per le emergenze, inoltre, leggiamo che è necessario evitare l’utilizzo e quindi anche le donazioni di biberon o di tettarelle in plastica, che per ovvie ragioni non è possibile lavare e sterilizzare e preferire invece i cucchiaini e le tazze.

I bambini già svezzati al sesto mese di vita, oltre al latte artificiale non facilmente reperibile dopo un terremoto, possono ingerire anche altri alimenti complementari al latte materno. In questo modo è più facile rispettare le norme igieniche derivanti dall'incolumità.

Queste sono solo alcune delle indicazioni per fronteggiare l’urgenza di non avere abbastanza latte per i bambini.

Lascia un commento