Arriva Lightcharge, e la batteria dello smartphone si ricarica pedalando

Ecologia e tecnologia è il binomio vincente su cui si punta, soprattutto negli ultimi anni, per dare concretezza al sogno dello sviluppo sostenibile. La rivoluzione avanza a piccoli passi, o a suon di pedalate: succede così che da oggi per assicurarsi di avere con sé smartphone e iPhone sempre carichi basterà concedersi una passeggiata in bicicletta. 

Sul mercato arriva infatti un dispositivo che farà la gioia dei ciclisti incalliti: si tratta di Lightcharge, un caricabatterie universale, al 100% ecologico, che si collega alla dinamo di qualsiasi bicicletta e utilizza l'energia della pedalata per alimentare cellulari, smartphone, lettori mp3 e iPod. Con un peso di appena 23 grammi, Lightcharge sta nel palmo di una mano, è piccolissimo e poco ingombrante, facile da installare (basta agganciarlo al manubrio), e oltre che sulla bici funziona anche in auto, in barca o sulla moto (usando un adattatore per accendisigari).

Ok, dirà qualcuno, energia verde e mobilità sostenibile, bella trovata ma... per ricaricare il cellulare tocca correre come dei velocisti? Decisamente no, perché il dispositivo funziona già a una velocità di 13 chilometri orari. Come dire, per i pigri ormai non ci sono davvero più scuse. 

In molte città europee l'uso della bicicletta si sta espandendo al di là della sfera del tempo libero, diventando il mezzo preferito non solo per le scampagnate del week end ma anche per raggiungere il posto di lavoro. Quante volte arriviamo stressate in ufficio o ad un appuntamento di lavoro perché (fra le altre cose) ci accorgiamo all'ultimo secondo di avere lo smartphone scarico?

Forse allora è il caso di lasciare la macchina in garage e mettersi in sella, anche per andare dal capo: usciremmo dal traffico cittadino e potremmo ricaricare le batterie, in tutti i sensi...

 

Lascia un commento