In Danimarca passeggini fuori ai ristoranti in inverno

passeggino fuori danimarca

In Danimarca c'è una consuetudine piuttosto anomala, almeno vista dagli occhi di italiani: lasciare i bambini nei passeggini completamente incustoditi fuori ai ristoranti, ai bar, ai supermercati, ai locali, ecc. Questa pratica non viene interrotta neanche in caso di pioggia o di neve, poiché come dicono i danesi "Il freddo fa bene e fortifica i bambini".

Passeggini all'esterno dei bar: la storia di una danese a New York

Comprendere questa pratica al di fuori dei confini nazionali però non è così facile. Una donna danese, Anette Sørensen, racconta la sua disavventura capitata circa 20 anni fa. Mentre cenava in un ristorante di New York col marito aveva lasciato la figlia fuori del locale nel carrozzino, come faceva abitualmente in Danimarca. Alcuni passanti però denunciarono la cosa alla polizia come abbandono di minore, che arrestò i genitori. La donna però fece causa e vinse, ottenendo 66mila dollari come risarcimento danni.

passeggini danimarca

Intervistati su questa bizzarra pratica, i danesi hanno risposto che si fidano l'un l'altro, che in Danimarca non si è mai verificato nessun rapimento e che c'è un grande senso di solidarietà. Sentimenti sicuramente molto positivi, a cui però fa da contraltare una grande chiusura mentale verso gli stranieri, considerati i veri e principali responsabili della criminalità presente sul territorio.

104 comments

    • Giovanna Moras 1 dicembre, 2017 at 19:28 Rispondi

      Di figli ne ho!!!! Stanno benissimo e non manca nulla né a loro, né a me!!!! Questo tipo di sarcasmo (speriamo tu non abbia figli…) è fine a se stesso e non è indice di molta classe! Ma va bene così!!! Il mondo è bello perché è vario….ed io nei paesi nordici ho ancora mangiato all’aperto….. Dimenticavo: anche sulle piste da sci ho mangiato all’aria aperta anche con i figli piccoli e non si sono mai ammalati, anzi sempre stati in ottima salute!!!! Tante buone cose!!!!!

    • Claudia Helena 1 dicembre, 2017 at 20:52 Rispondi

      Si infatti Sara Chiolo e’ questo il punto..una mamma come puo’ mangiare al caldo con 22 gradi e lasciare fuori il figlio magari di pochi mesi con 2 gradi??? E veramente da pazziiiii!!!E’ questo nn e’ sarcasmo ma verita’!!!

    • Alice Canu 2 dicembre, 2017 at 12:21 Rispondi

      Oltre che per non farli ammalare per gli sbalzi,li lasciano fuori perché così assorbono il più possibile la vitamina D che a causa della poca luce è carente nei paesi nordici.quindi tengono molto i bimbi all’aperto anche per questo.è vitale li

    • Alice Canu 2 dicembre, 2017 at 13:50 Rispondi

      La vitamina D è fondamentale per lo sviluppo osseo,ecco perché tengono i bambini all’aperto.non sono mamme degenere che lasciano i bimbi al ghiaccio ,c’è una ragione anche medica.la carenza di vitamina D porta a gravi problemi di salute,dello sviluppo osseo e addirittura se molto molto bassa alla morte.oltre a tenere i bimbi all’aperto per assorbirla tramite la poca luce vengono anche somministrati dalla nascita integratori a base di vitamina D.

    • Claudia Helena 2 dicembre, 2017 at 14:50 Rispondi

      Bhe’ come dici tu ci sono altri metodi nn solo il lasciarli fuori al gelo. Ma quello che mi irrita e il fatto che ci sono mamma anche qui che lo fanno,e non siamo in danimarca,e non c e il problema della luce e della vitamina d!! Qua il problema x cui ” Alcune” non lo fanno e perche’ c e pericolo rubino il bambino ..bhe’ x me queste sono mamme degenerate. 😣

    • Alice Canu 2 dicembre, 2017 at 14:59 Rispondi

      Io parlavo relativamente ai paesi del nord Europa che visto così il gesto può sembrare crudele non conoscendo la realtà e le motivazioni che ci sono dietro.ma vale per quei paesi qui non sarebbe applicabile in un minuto sparirebbero i bambini con tutto il passeggino.

  1. Silvia G Spring 1 dicembre, 2017 at 15:12 Rispondi

    Veramente li lasciano fuori per abituarli al freddo ed evitare malanni. Ma non credo per cena. Piuttosto lo fanno quando vanno nei bar. Scelta discutibile…soprattutto da noi Italiani. Io piuttosto non concepisco il lasciarli da soli…fuori ci stanno anche per passeggiare considerando che li da loro l’inverno la luce quasi non c’è

  2. Claudia Helena 1 dicembre, 2017 at 17:22 Rispondi

    Ma xke allora non metteno fuori i tavoli e stanno anche i genitori fuori a mangiare in pieno inverno?? O fanno l opposto?? Cosi si mamtemgono giovani e lasciano i bimbi al caldo?? Questi sono deficentiiii punto e basta!! Quindi li potrebbero lasciarli anche in macchina?? Bella roba va!!!!

  3. Vania Marchi 1 dicembre, 2017 at 21:25 Rispondi

    Noi non li lasciamo fuori al freddo e troviamo la cosa strana
    Altri invece trovano strano l’abitudine di non dormire con i propri figli o non portarli in fascia

    Questione di culture

  4. Allie Aliena 1 dicembre, 2017 at 21:44 Rispondi

    Bè a pensarci bene, in totale assenza di pericoli e in assoluta sicurezza, forse è meglio lasciarli all’aperto che ” imbacuccati ” in un locale affollato e magari surriscaldato. Lo sbalzo di temperatura sarebbe molto più dannoso del freddo. Infondo dentro le carrozzine c’è un bel calduccio….

  5. Alice Canu 2 dicembre, 2017 at 12:23 Rispondi

    Tengono i bambini all’aperto per due ragioni,la prima evitare gli sbalzi di temperatura e quindi i malanni,e la seconda è l’assorbimento della vitamina D che è fondamentale è avviene attraverso la luce solare.li è carente questa vitamina a causa della scarsa luce solare soprattutto nei mesi invernali,si usa anche fare lunghe passeggiate per sfruttare le poche ore di luce per assorbire la vitamina .è vitale la vitamina D.

  6. Alice Canu 2 dicembre, 2017 at 14:06 Rispondi

    Li lasciano all’aperto anche per la vitamina D che assorbono con la poca luce solare specialmente nei mesi invernali,e dalla nascita somministrano la vitamina D tramite integratore.La carenza della vitamina di determina ritardo nello sviluppo soprattutto osseo,e se è molto molto bassa può portare alla morte.Non sono mamme snaturate che fanno congelare i bambini al freddo.

  7. Marco Pressi 2 dicembre, 2017 at 16:46 Rispondi

    Non è solo per la luce ma anche per il fatto che all’esterno ci sono molti meno agenti patogeni tipici dei luoghi al chiuso e affollati.
    E poi da quelle parti non ci sono le zingare in giro indisturbate.

  8. Alessandra Nacci 5 dicembre, 2017 at 10:21 Rispondi

    Se è una loro usanza c’è poco da dire..saranno fatti loro..però credo che questa usanza sia più radicata nei paesini..almeno credo. .io le volte.che sono stata là non ho visto nessun passeggino o carizzina fuori con bebè. ..anche perché al di là della sicurezza..non è che loro non abbiano traffico o che i loro marciapiedi siano immensi. .quindi anche sti poveri piccoli si rafforzeranno pure..ma di smog ne prendono…

  9. Camilla Verni 5 dicembre, 2017 at 22:46 Rispondi

    Sono per metà norvegese e ho vissuto in Norvegia per un qualche anno. È una pratica molto comune e salutare al contrario di quanto si pensi. Primo perché evita lo sbalzo termico, l’aria fresca evita i malanni portati dagli agenti patogeni che si trovano nei luoghi chiusi. I bambini sono ben coperti e posso assicurarvi che sono ben attrezzati per affrontare l’inverno.

Lascia un commento