Bambini troppo rumorosi: una donna vince la causa contro i vicini

È accaduto nel quartiere londinese di Kensington, dove Sarvenaz Fouladi, una banchiera 38enne di origine iraniana, dopo 7 anni di notti insonni ha deciso di intentare una causa contro i rumorosi bambini dei vicini. Il tribunale le ha dato ragione: la donna ha così ricevuto un risarcimento di 107 mila sterline.

Bambini e vicinato: 7 anni di rumori

È iniziato tutto sette anni fa, quando i coniugi Ahmed e Sarah El Kerrami si sono trasferiti al piano superiore insieme ai loro tre bambini. Da quel momento, per Sarvenaz Fouladi e sua madre sono cominciati i problemi: i vicini hanno ristrutturato l’appartamento e rifatto il pavimento, ma senza provvedere a insonorizzarlo. I giorni e le notti di Sarvenaz sono state costellate da pianti di neonati, che con il passare del tempo si sono trasformati nel rumore di salti, grida, rincorse — negli anni i bambini crescevano, e così anche i loro giochi.

Non solo: attraverso il parquet del piano di sopra filtravano il ronzio dello scaldabagno e della lavastoviglie, le discussioni dei coniugi e persino il loro ritmico russare. Per sette anni, però, le proteste di Sarvenaz sono rimaste inascoltate, e il "parco giochi per bambini" al piano di sopra, come lei lo ha definito, ha continuato a renderle la vita difficile.

La decisione del tribunale

La donna ha cominciato a registrare tutti i suoni provenienti dal piano di sopra; poi, ha portato le registrazioni in tribunale. E qui è cominciata la causa, durata per mesi fra perizie e controperizie all’interno degli appartamenti. L’avvocato della controparte, affermando che il baccano non fosse dato da altro che i normali rumori di una vita famigliare, ha definito "ipersensibili" Sarvenaz e sua madre; ma il giudice, in conclusione, l’ha pensata diversamente.

I coniugi Ahmed e Sarah El Kerrami, insieme a loro i tre figlioletti, sono stati ritenuti responsabili di grave disturbo alla pace della vicina. Alla fine, i sette anni di mancato riposo di Sarvenaz sono stati valutati 107 mila sterline — 40 sterline per ogni notte passata in bianco. Con l’aggiunta di 40 sterline per ogni giorno di ritardo nell’isolamento acustico del "parco giochi per bambini" al piano superiore.

40 comments

  1. Carmen Trafuoci 12 marzo, 2018 at 20:14 Rispondi

    Dai noooo…ma i bimbi che colpa ne hanno se x loro il mondo é tutto un gioco….e quando piangono pazienza…. credo non sia ammesso le urla e le discussioni di notte dei genitori ad un certo orario…..

    • Vitalia Mela 12 marzo, 2018 at 23:32 Rispondi

      Certo se un bimbo piange non puoi tappargli la bocca, ho un bimbo di un anno e mezzo e lo so..Ma ad esempio i miei ex vicini di sopra ogni pomeriggio mettevano il bimbo sul pavimento dove correva e lanciava roba a terra nell’ unica ora in cui potevo riposare prima di andare a lavoro..dopo una settimana sono salita e ho chiesto per favore di mettergli calzini per correre e un tappeto sotto quando giocava..diritto suo d stare sveglio e mio di poter dormire nelle proprie case.

  2. Carla Olla 12 marzo, 2018 at 20:47 Rispondi

    Il mio inquilino di sotto dovrebbe morire😂😂 per fortuna lui essendo una persona anziana mi dice che mio figlio gli fa compagnia 😂😂🤣🤣🤣 cmq scherzi a parte io cerco di limitare i rumori perché è giusto rispettare anche il prossimo nn far fare quello che vogliono però delle volte e impossibile

  3. Cristina Campanale 12 marzo, 2018 at 22:01 Rispondi

    Io penso che la nostra libertà termina dove inizia il rispetto altrui . Urla e schiamazzi tali da portare all’esasperazione dei vicini non sono concepibili . I bambini sono bambini ma esiste anche una cosa chiamata educazione soprattutto se si vive in condominio. Non è possibile giustificare tutto col fatto che “sono solo bambini “ perché i bambini vanno anche educati. Idem per i cani che abbaiano dalla mattina alla sera (ps : ho entrambi , bambini e cani )

    • Andreea Turtureanu 13 marzo, 2018 at 04:54 Rispondi

      Ora in tribunale si sono giudicati per cauza dei bimbi che fanno troppo rumore quando giocano e corrono per casa .
      Non so ma secondo me … , un po hanno ragione anche i vicini . Anch’io sono mamma e so che e difficile non puoi tapparli la bocca a un bimbo di 2 3 anni … ma certe volte bisognia ricordarci che non abito solo io in questo palazzo . Abitano anche altri . E giustamente anche gli’altri hanno bisognio di un po di rispetto da parte mia .
      Sono bimbi ma non e che stanno in giungla , un po almeno bisognia impararli … io glu dico sempre al mio figlio di urlare piu piano certe volte gli dico di non correre … ! E un casino con i bimbi ma purtroppo non possiamo essere capite solo noi mamme , dobbiamo anche noi capire !!!

    • Andreea Turtureanu 13 marzo, 2018 at 04:57 Rispondi

      Ora in tribunale si sono giudicati per cauza dei bimbi che fanno troppo rumore quando giocano e corrono per casa .
      Non so ma secondo me … , un po hanno ragione anche i vicini . Anch’io sono mamma e so che e difficile non puoi tapparli la bocca a un bimbo di 2 3 anni … ma certe volte bisognia ricordarci che non abitiamo solo noi in questo palazzo . Abitano anche altri . E giustamente anche gli’altri hanno bisognio di un po di rispetto da parte nostra .
      Sono bimbi ma non e che stanno in giungla , un po almeno bisognia imparargli … io gli dico sempre al mio figlio di urlare piu piano certe volte gli dico di non correre … ! E un casino con i bimbi ma purtroppo non possiamo essere capite solo noi mamme , dobbiamo anche noi capire !!!

    • Cristina Campanale 13 marzo, 2018 at 06:39 Rispondi

      Pamela Pomposi il post non si riferisce a dei neonati ma a dei bambini più grandi (dopo 7 anni mi pare impossibile parlare ancora di neonati?). La
      Signora che ha denunciato si è scocciata dopo anni e non dopo qualche mese (un ipotetico periodo di coliche )

    • Cristina Campanale 13 marzo, 2018 at 06:42 Rispondi

      Marialisa Lisi il post non si riferisce a dei neonati ma a dei bambini più grandi (dopo 7 anni mi pare impossibile parlare ancora di neonati?). La
      Signora che ha denunciato si è scocciata dopo anni e non dopo qualche mese (un ipotetico periodo di coliche )

    • Cristina Campanale 13 marzo, 2018 at 09:32 Rispondi

      Andreea Turtureanu invece penso che leggano e che credano sia tutto normale …per loro “sono solo bambini, facciamoli urlare come pazzi , correre per i ristoranti etc “ e poi ci stupiamo della maleducazione dilagante nei bambini

    • Marialisa Lisi 13 marzo, 2018 at 09:57 Rispondi

      Cristina Campanale beh bimbi più grandi si educano, come hai detto tu. Su questo ti do perfettamente ragione.
      Al cane fino ad un certo punto perchè è istinto , sopratturto se averte qualcosa che non va
      io ho una bimba di 18 mesi e 2 cani. Vivo in un luogo dove tutti abbiamo il cane. è strano nn averlo.
      se parte uno partono tutti con il concerto.
      Quando Vittoria aveva il pianto inconsolabile a 20 giorni. uhh Attila era un pianto anche lui.
      Capisco i vicini e loro hanno capito me.

    • Andreea Turtureanu 13 marzo, 2018 at 10:04 Rispondi

      Appunto ! Di gia io non so piu come fare per educare al meglio il mio figlio sembra un terremoto . Ed e difficile non dico di no … ma cosa si puo fare … ! Se per loro sono bambini ok ho capito . Ma io ad es se non avevo bimbi un po reagivo anch’io .
      Come gli altri pago anch’io l’affitto e non mi sembra giusto che per poter vivere in una casa devo sopportare i tuoi bimbi dalla mattina alla sera perche son bimbi . Ma questo mi sembra piu che mal’educazione .

    • Lorena Amariti 13 marzo, 2018 at 10:15 Rispondi

      Ma che cavolo dici????😱io sono stata per un anno in questa stessa situazione…ho due bimbi uno di quasi sei anni che va all’ asilo uno di due…e quello di due da fastidio al mio vicino che abita sotto di me da quando gattona….prima lavorava fuori e se ne veniva con la scusa lavoro otto ore al giorno quando rientro ho bisogno di riposo…poi ha iniziato a lavorare da casa e non vi dico…un incubo mio filgio non poteva neanche andare in bagno la sera dopo le dieci che mi bussava al tetto…io non potevo passare l aspirapolvere…un pazzo se nel corridoio parlavo con i miei lui bussava alla sua porta impazzito per dire state zitti….siamo andati avanti e i tribunale abbiamo vinto noi…ma skerziamo finché un bambino aha dieci anni e fa casini allora ma non dai pianti e il gattonare dei neonati…

    • Lorena Amariti 13 marzo, 2018 at 10:17 Rispondi

      P.s sotto c’è una signora cn un canne…tutto tranquillo tutto apposto non da nessun fastidio anche se abbia… purtroppo viviamo in una società dove gli animali vengono favorito ai bambini

    • Cristina Campanale 13 marzo, 2018 at 10:31 Rispondi

      Marialisa Lisi anche io ho i cani, ma loro non abbaiano o abbaiano il giusto.
      Senza entrare pure nel merito dell’educazione del cane , ma se il cane abbaia tutto il giorno c’è qualcosa che non va bene . Comunque sull’avere un po’ di tolleranza concordo , ma il caso descritto nell’articolo mi pare si riferisca a persone incivili (non ordinari rumori di bambini e famiglie )

    • Pamela Pomposi 13 marzo, 2018 at 14:34 Rispondi

      Cristina Campanale l’educazione e il rispetto sono alla base di tutto …e fin qui siamo tutti d’accordo!Ma purtroppo viviamo in una società che non si tollera più nulla …nemmeno un pianto o una risata di un bambino.credo che ogni genitori insegni la buona educazione ai propri figli ma a volte l situazione scappa di mano (chi è genitore mi capirà ) come si tollera un cane che abbaia tutto il giorno credo si deve debba tollerare un pianto di un bambino. Poi sicuramente sta all’intelligenza delle persone avere Buon senso. ..Nel mio caso quando avevo il mio bimbo piccolissimo e piangeva spesso anche la notte non mi sono mai venuti a dire niente. ..Ed io ho ricambiato nel non dire niente sul cane che abbaiava spesso e sul ricordino che mi lasciano davanti al cancello di casa …È un dare e un avere secondo me!

    • Cristina Campanale 13 marzo, 2018 at 18:06 Rispondi

      Pamela Pomposi sono d’accordo , un po’ di tolleranza va bene . Sicuramente tu insegni l’educaZione ai tuoi bimbo ma non tutti lo fanno . Ad esempio in piscina con mio figlio (bambini dai 3 ai 5 anni )ci sono due fratellini che fanno letteralmente cosa vogliono , entrano ed escono , non aspettano il loro turno , non seguono la maestra …sono piccoli capisco , non è facile seguire una lezione . Però nei limiti del possibile , riprendo mio figlio quando vedo che tende a non dare retta , la mamma dei bambini sopra fa letteralmente gli affari suoi e ride pure quando i suoi figli fanno casini disturbando tutti (la maestra purtroppo può intervenire fino ad un certo punto ) . Ecco questo intendo

    • Pamela Pomposi 13 marzo, 2018 at 18:15 Rispondi

      Sì sì capisco …Infatti è nostro dovere riprenderli quando sbagliano 👍 comunque in generale secondo me c’è poca tolleranza….che poi alla fine noi mamme che siamo più rigide e diciamo anche qualche no passiamo sempre da cattive …vabbe!!!

  4. Rossella Chiarella 13 marzo, 2018 at 02:25 Rispondi

    Ma qualcuno ha realmente letto l’articolo o vi precipitate a sparare sentenze solo leggendo il titolo? Durante i lavori di ristrutturazione i vicini hanno rifatto il pavimento senza provvedere ad un’insonorizzazione adeguata. Gli schiamazzi, i rumori molesti e le urla sono durati 7 ANNI e un bambino non resta neonato così a lungo! E per chi tira sempre in ballo i cani: si, l’abbaio è il loro modo di comunicare, vanno solamente educati a gestire modo e tempi per quanto possibile! …ma educare la gente ad astenersi dalla superficie e poi ergersi anche a pontificatori…questa sì che è utopia!

  5. Andreea Turtureanu 13 marzo, 2018 at 04:58 Rispondi

    Ora in tribunale si sono giudicati per cauza dei bimbi che fanno troppo rumore quando giocano e corrono per casa .
    Non so ma secondo me … , un po hanno ragione anche i vicini . Anch’io sono mamma e so che e difficile non puoi tapparli la bocca a un bimbo di 2 3 anni … ma certe volte bisognia ricordarci che non abitiamo solo noi in questo palazzo . Abitano anche altri . E giustamente anche gli’altri hanno bisognio di un po di rispetto da parte nostra .
    Sono bimbi ma non e che stanno in giungla , un po almeno bisognia imparargli … io gli dico sempre al mio figlio di urlare piu piano certe volte gli dico di non correre … ! E un casino con i bimbi ma purtroppo non possiamo essere capite solo noi mamme , dobbiamo anche noi capire !!!

Lascia un commento