Banche del latte: un gesto d'amore per i bimbi nati pre termine

banche-del-latte

Conoscete le banche del latte? Si trovano in quasi tutte le regioni d’Italia, e sono diretta emanazione dell’AIBLUD, associazione sorta il 22 marzo 2005 con sede a Milano.

Ci sono bambini nati prematuri in condizioni di salute precarie per cui il latte umano donato fa parte di un vero e proprio percorso terapeutico. E ci sono mamme che ne hanno davvero così tanto, che potrebbero pensare di donarne un po’ senza nulla togliere ai loro cuccioli.

Quali sono le mamme che possono diventare donatrici?

Quelle sono in buona salute, che hanno uno stile di vita corretto e che allattano da meno di sei mesi: e che ovviamente hanno una quantità di latte superiore a quella di cui il figlio ha bisogno.

Come si fa a diventare donatrice?

Dovete contattare innanzitutto il centro più vicino a voi, dove sarete sottoposte ad uno screening semplice e veloce, con esami per verificare la presenza di epatite B, epatite C, infezione da HIV.

Qual è la quantità di latte da donare? E ogni quanto si dona?

Le donatrici possono ad esempio decidere di raccogliere piccole quantità dopo la poppata del bambino, cosa che aiuta a produrre ancora più latte. Ricordate che un neonato pre-termine si alimenta con 20 cc di latte al giorno, che è davvero poco.

Ognuno dona quello che può: ogni goccia di latte è preziosissima. Dopo il sesto mese invece è il caso di smettere con la donazione, perché le caratteristiche del latte sono adatte al bimbo cresciuto ma non più al neonato.

Il latte raccolto va conservato in contenitori sterili, in frigorifero (a +4°C) per un periodo non superiore alle 24 ore. Se lo conservate più a lungo, va messo in congelatore a -18°.

Insomma, donare il latte è possibile ed è un grande gesto d’amore: controllate dove si trova la banca del latte più vicina a voi e magari pensateci!

14 comments

  1. Ilaria Liut 11 aprile, 2016 at 11:04 Rispondi

    Io ne avrei avuto bisogno, ma conosco mamme che ne avevano litri da donare… peccato che qua a Trieste non sia possibile, il centro più vicino ho scoperto essere appena a Bologna…

  2. Sabrina Cavini Benedetti 11 aprile, 2016 at 13:44 Rispondi

    A Firenze la banca del latte c’è al Mayer. Io ho avuto la fortuna di poterlo donare per 4 mesi sia col primo che col terzo figlio. La professionalità e la delicatezza di chi segue anche le donatrici è unica! Se qualcuna è titubante si convinca!!

  3. Sarah Naomi Castiglione 11 aprile, 2016 at 16:24 Rispondi

    Avrei tanto voluto donare il mio latte! Ne avevo tantissimo.. avrei potuto tranquillamente allattare 2 bimbi.. purtroppo la banca del latte più vicina a casa mia dista circa 2 ore di auto! Quindi ho dovuto abbandonare l’idea!

  4. Ale Fiore 11 aprile, 2016 at 20:24 Rispondi

    Il mio bimbo nel 2014 è nato prematuro e il mio latte non ha mai coperto tt le poppate, ne avevo poco e mi è durato un mesetto, a qnt ho capito in sardegna qst cose nn si fanno più ma prima andava molto

Lascia un commento