Il caso dei genitori-nonni: nuova speranza di ritorno della bimba

genitori nonni speranza riaffido

Gabriella e Luigi De Ambrosis hanno rispettivamente 63 e 75 anni e da sette combattono per riavere la loro bambina con loro. La piccola era stata sottratta ai genitori perché considerati troppo anziani e incapaci di accudirla dopo la denuncia di una vicina di casa che li incolpava di aver lasciato la piccola in auto da sola. La Procura Generale ha riaperto il caso dopo l'assoluzione di Luigi dall'accusa di abbandono di minore e ha dichiarato che la bimba deve tornare a casa perché "adottata in una situazione la cui genesi non è legale".

Qual è il bene della bambina data in adozione?

Dietro a questo calvario di due genitori c'è una bambina, nata 7 anni fa grazie alla fecondazione eterologa, che però ha da sempre vissuto da sola in varie case famiglia tra udienze e sentenze che l'hanno dichiarata adottabile solo qualche mese fa. Adesso la sua vita potrebbe di nuovo cambiare e probabilmente ritornare dalla sua mamma biologica, ma qual è il suo bene? Chi le ridonerà un'infanzia felice? Chi pagherà per le sue sofferenze e gli anni trascorsi lontani dai suoi genitori biologici?

31 comments

  1. Katia Mannino 1 dicembre, 2017 at 19:10 Rispondi

    Non è stato giusto levare una figlia ai propri genitori…solo per pregiudizio…ma chi è l’uomo a giudicare e fare una cosa così spregevole….anche la Carmen Russo è diventata mamma grande….la legge in ITALIA VA PER I CAVOLI PROPRI…adesso dopo 7anni..dove i genitori hanno perso i primi dentini…i primi passi ecc…adesso che la bambina conosce per suoi genitori quelli adottivi…adesso ….dico adesso….

  2. Mary Ricca 1 dicembre, 2017 at 19:32 Rispondi

    Ppuuuaaaaa…togliere una figlia ai propri genitori….animali..
    Dopo 7 anni le fanno conoscere i veri genitori…un bel trauma…
    siete da ricovero….giudici, assistenti sociali e tutti quelli che hanno fatto parte di questo orrore…

  3. Michela Bezzo 1 dicembre, 2017 at 20:37 Rispondi

    Però poi a chi li violenta li droga li uccide nessuno glieli toglie a loro due poverini gli hanno spezzato il cuore solo perché una stronza di vicina che non si fa i cazzo suoi ha detto che avevano lasciato la bimba in macchina che dormiva salendo per pochissimi minuti a prendere il biberon l ho fatto anch’io non sono ne vecchia ne una madre snaturata se il bimbo dorme e tu scendi 2 minuti dalla macchina senza toglierlo dal seggiolino per non svegliarlo e non fargli prendere freddo non vedo dove sta la cosa grave certo in un posto sicuro no a 40 gradi con finestrini su
    Se penso a quei poveri genitori sono felice se gli far5anno la piccola ma se penso alla bimba immagino che trauma può avere a ritrovarsi con 2 estranei

  4. Giulia Medros 1 dicembre, 2017 at 21:37 Rispondi

    Meno male che gli assistenti sociali devono fare il bene del bambino. Lo tolgono ai genitori naturali, lo affidano ad un altra famiglia e ora lo vogliono affidare ai genitori naturali. Ma che trauma avrà questo bambina?

  5. Rosa Lisi 2 dicembre, 2017 at 15:12 Rispondi

    Qui è colpevole anche la signora che a telefonato agli assistenti sociale prima doveva accertarsi che era vero tutto quello che a dichiarato non si fanno telefonate tanto per fare 😬😬ora a subire le consequente è la piccola. È i genitori non vorrei trovarmi nei loro panni per una telefonata stupida

  6. Mariarosaria Veneruso 3 dicembre, 2017 at 11:45 Rispondi

    ma come vi permettete di togliere un figlio ai propri genitori solo perché avanti con gli anni?la signora l ha voluta fortemente e voi colpevoli stupidi non potete neanche immaginare il dolore che le avete provocato separandola dalla sua piccolina !!! Dovreste pagare per questo !!!!

Lascia un commento