Come gestire un bambino “urlatore”

bambino urla educazione

Molto spesso capita di vedere in giro dei bambini che urlano e strillano a pieni polmoni seguiti da poveri genitori spazientiti che cercano in qualunque modo di calmarli. Non tutti sanno che la gestione di queste situazioni per una mamma, soprattutto quando ci si trova in ambienti pubblici, risulta essere estremamente complicata. Far calmare un bambino urlatore può essere un'impresa ardua ma sicuramente non impossibile. Tutto ciò che bisogna fare è armarsi di pazienza e seguire alcuni semplici accorgimenti.

Bambino urlatore: capire la causa del suo problema

Il primo quesito che un genitore deve porsi prima di poter risolvere il problema consiste indubbiamente nel riuscire a capire le cause che spingono il bambino ad urlare. Queste ultime possono essere di varia natura e possono dipendere da diversi fattori. Una delle causa più frequenti è il fatto che il bambino stia cercando di richiamare l'attenzione del genitore quando si sente trascurato.

Un'altra possibile causa è il desiderio di comunicare qualcosa: quando il bambino ha bisogno di qualcosa ma è ancora troppo piccolo per comunicare il messaggio con le parole tende frequentemente ad urlare. Se un bambino poi è eccessivamente vivace ed estroverso ed ha bisogno di esprimere appieno la propria energia, probabilmente sarà portato a strillare in modo più frequente rispetto agli altri bimbi.

Consigli per gestire un bambino urlatore nel migliore dei modi

Dopo aver appurato quale sia la causa scatenante del problema è necessario cercare la soluzione più appropriata. La prima cosa da fare quando il bambino strilla è quella di prestargli attenzione: bisogna dunque lasciare qualsiasi attività si stia svolgendo e dedicarsi completamente al proprio piccolo.

In questa fase bisogna evitare di urlare o chiedere ripetutamente al bambino di smettere con le urla in quanto la maggior parte delle volte si finirà per ottenere esattamente l'atteggiamento contrario. È consigliabile invece prendere in braccio il bambino oppure sulle proprie ginocchia e cercare di aiutarlo capendo quale sia il suo bisogno.

Anche l'elemento del divertimento risulta essere fondamentale in questi casi: provate a far divertire il bambino con qualche gioco divertente da fare insieme come ad esempio il canto oppure il ballo. In questo modo il piccolo dimenticherà il motivo per il quale ha strillato e si calmerà in breve tempo.

Se il bambino tende ad urlare spesso in pubblico un ottimo consiglio è quello di tenerlo occupato con qualche gioco o qualche distrazione che possa evitare le eventuali urla. È inoltre preferibile evitare i luoghi molto silenziosi e optare per quelli più affollati in modo tale da non sentirsi in imbarazzo nel caso in cui il piccolo dovesse urlare improvvisamente.

Lascia un commento