Confezioni regalo per il prossimo Natale: incominciamo a metterle da parte ora

Scartare un regalo, semplicemente non ha prezzo: il rumore della carta che si strappa, il contenuto che si intravede, mille pensieri che affollano la testa e, infine, l'apertura definitiva, quella che fa emergere il dono in tutta la sua bellezza. Ogni anno, tuttavia, non si contano i rotoli di carta che, letteralmente, vengono gettati nel cestino per ricoprire i regali: è possibile, però, rinunciare alla carta regalo, senza perdere la sorpresa dello scartamento?

La risposta, fortunatamente, è sì. Di alternative alla solita carta regalo ce ne sono a decine e, già da adesso, possiamo iniziare a mettere da parte tutto il necessario. Infatti, da buone mamme green, possiamo riutilizzare le tante scatole, ceste e cartoni che abbiamo ricevuto quest'anno per confezionare i doni non solo del Natale venturo, ma anche dei regali che strada facendo faremo quest'anno.
Basterà un semplice ritocchino, un po' di decoupage e la latta dei biscotti da the, il cartone del pandoro o la scatola con la regalia dell'ufficio si presteranno ad accogliere nuovi contenuti.

Se queste idee vi sembrano un po' scontate, Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli imballaggi a base cellulosica, ha diffuso un decalogo ben più fantasioso: ad esempio, avreste mai pensato di staccare quelle antiquate cartine geografiche in cui c'era ancora l'URSS e due Germanie per fare un bel pacco regalo? O perchè non utilizzare i plateau della frutta del supermercato, magari imbottita con il cartoncino ondulato delle fette biscottate, per una scatola dono? Insomma, vietato rinunciare ad incartare i regali, ma vietato anche produrre nuovi e inutili rifiuti!

Lascia un commento