Doula, un sostegno emotivo per le mamme

doula

Quando si aspetta un bambino, soprattutto il primo, il momento della gravidanza e quello successivo al parto possono essere, per molte mamme, difficili da gestire. Spesso, oltre a un aiuto concreto in casa, anche un supporto emotivo può fare la differenza e aiutare le mamme, o le future tali, ad affrontare gravidanza e parto nel modo più sereno possibile. 

Arriva la doula

Non tutte però sanno che esiste una figura professionale in grado di assolvere questo compito: la doula.

La doula è una figura che esiste fin dall'antichità, infatti il termine è di origine greca, e indica una donna che si prende cura della mamma, che la sostiene e supporta nelle sue scelte.

Doula NON è ostetrica!

La figura della doula non va confusa con quella dell'ostetrica che ha ben altri compiti. Infatti, la doula non interferisce in quelle che sono le procedure sanitarie o mediche, ma si limita a offrire sostegno soprattutto emotivo e pratico, come un massaggio rilassante, un ascolto di eventuali sfoghi della mamma o anche un aiuto per gestire i primi periodi in casa col bambino.

La professione in Italia

Questa figura è molto diffusa in diversi paesi, soprattutto in quelli che mostrano una particolare attenzione verso la maternità, ma anche in Italia, da qualche anno, sta prendendo piede: la professione è regolamentata dalla legge per le professioni non ordinistiche del 04/2013 del 14 gennaio 2013.

Questo significa che per fare la doula non ci si può improvvisare, ma bisogna studiare, seguire un corso di formazione e mettere in pratica quanto appreso. 

Nel nostro paese si può contattare la doula più vicina alla propria residenza e assieme alla mamma verrà pianificato quello che è un vero e proprio percorso verso la nascita e l'accudimento di mamma e figlio. Soprattutto in quei casi in cui la donna presenti un disagio, anche solo fisico, questa figura è particolarmente indicata e può essere di grande aiuto, perché ci si ritrova con un'amica che è sempre pronta a sostenere le tue ragioni senza mai giudicare le tue scelte.

8 comments

Lascia un commento