Idrolati: un concentrato naturale di bellezza!

In fatto di bellezza, c’è sempre da imparare. Oggi scopriamo insieme le proprietà benefiche e le virtù preziose degli idrolati, un vero concentrato di bellezza e salute.

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di idrolati! Quasi sicuramente l’80% delle donne e mamme in ascolto non ha mai nemmeno sentito pronunciare il termine.

Gli idrolati, infatti, sono un prodotto beauty poco conosciuto e popolare, ma davvero efficace e naturale.

Nascono dalla distillazione di piante officinali dalle celebri proprietà curative e benefiche, partendo dalla pianta fresca, non essiccata, e mantenendone quindi intatti i principi attivi.

Quali sono gli idrolati più potenti e più utilizzati?

Idrolato di salvia

L’idrolato di salvia è noto per le sue proprietà astringenti e purificanti, ed è particolarmente indicato nei casi di pelle acneica o seborroica e nei casi di cuoio capelluto impuro e soggetto alla formazione di forfora.

Idrolato di lavanda

Le pelli più delicate, invece, troveranno sollievo dall'utilizzo dell’idrolato di lavanda: un concentrato dallo spiccato potere lenitivo, calmante, rinfrescante e riequilibrante, ideale per combattere arrossamenti, irritazioni e distendere corpo e mente.

Idrolato di cipresso

Chi vuole provare una soluzione alternativa alle solite creme anticellulite, può contare sull’idrolato di cipresso: dalle intense proprietà astringenti e tonificanti per i vasi sanguigni, questo prodotto è un potente trattamento di bellezza indicato per pelli adipose e caratterizzate da ristagno di liquidi e da scarsa circolazione sanguigna.

Un prodotto ricco di benefici e versatile nell'utilizzo: gli idrolati si possono usare puri o diluiti.

Sul viso e sul corpo, data la sensibilità e la delicatezza dell’epidermide, si consiglia sempre un utilizzo diluito, anche con maschere ed impacchi di bellezza.

Sui capelli, invece, gli idrolati possono essere vaporizzati puri oppure utilizzati diluiti con altri shampoo dalle medesime proprietà benefiche, per massimizzare l’effetto.

Lascia un commento