Il Dynamo Camp: esempio unico di terapia ricreativa

A quale bambino non piace l’estate? Sole, passeggiate, corse nei prati, giochi spensierati…

Non tutti i bimbi, però, sono così fortunati da poter gustare a pieno delle vacanze e della bella stagione. Per i piccoli pazienti malati o in terapia tutto ciò rischia spesso di rimanere un sogno irrealizzabile. Per fortuna, da qualche anno, ci pensa il Dynamo Camp.

L’associazione Dynamo Camp Onlus non ha fini di lucro e opera in un’ottica di solidarietà sociale e assistenza medica. Prima in Italia, l’area attrezzata del Dynamo Camp si trova in un’oasi affiliata WWF, nell’Appennino Tosco Emilano. È una struttura di “terapia ricreativa”, appositamente pensata per ospitare gratuitamente, per una settimana di vacanza, bambini e ragazzi italiani ed europei, ricoverati per lunghi periodi in ospedale, o nel periodo post-ospedaliero (che, ogni anno, sono circa 10.000). È rivolto a pazienti tra i 6 e i 17 anni e ha come obiettivo primario quello di stimolare l’allegria e la creatività dei piccoli ospiti con molte attività sportive e ricreative, per tornare ad essere semplicemente “bambini”.

Naturalmente, trattandosi di pazienti, al Dynamo Camp sono garantite l’assistenza medica e la presenza costante di personale qualificato. E dal momento che per un bambino affetto da patologie anche gravi è importante il sostegno della famiglia, il Camp offre programmi specifici rivolti a mamme, papà e fratelli.

Per visualizzare una giornata tipo all’interno della settimana al Camp, clicca qui.

Dal 2011, inoltre, è stato introdotto il programma LIT (Leaders in Training), per ragazzi di 18,19 e 20 anni, che, da ex ospiti del Camp, vogliono diventare volontari. Con una formazione costante e un affiancamento mirato a responsabili con esperienza, anche i giovanissimi mostrano il lor interesse nel sostegno della bellissima realtà del Dynamo Camp.

Tutti possono sostenere le attività del Camp, con una donazione da cellulare (sms) o da rete fissa al 45502.

Lascia un commento