John Lewis: vestiti per bambini gender-neutral

vestiti bambini gender-neutral

Nei negozi per bambini la divisione per i vestiti è abbastanza rigida: da una parte quelli per i maschietti, e da un'altra parte quelli per le femminucce. John Lewis, popolare marchio britannico che vende vestiti per bambini, ha deciso di rompere gli schemi realizzando etichette unisex per gli abiti. Tutti i vestiti saranno etichettati "Boys&Girls" oppure "Girls&Boys", proprio per eliminare ogni barriera tra maschietti e femminucce.

John Lewis, una decisione politically correct

In Gran Bretagna il dibattito sull'identità di genere è molto sentito, quindi John Lewis ha fatto questa scelta per contrastare ogni pregiudizio. Anche alcuni negozi di giocattoli hanno fatto questa scelta, per abbattere paletti e restrizioni nelle scelte dei bambini. Addirittura un'azienda canadese ha lanciato sul mercato Sam, il giocattolo transgender per capire la disforia di genere.

La scelta dei vestiti gender-neutral divide i social

Come è stata presa la scelta di John Lewis? Su un argomento così delicato era lecito aspettarsi reazioni e commenti molto diversi. Alcuni genitori disapprovano totalmente la scelta di John Lewis ed invitano al boicottaggio. Altri genitori invece hanno accolto con favore la scelta dell'azienda britannica, ritenendo che i giocattoli maschili possano piacere anche alle femminucce, e quelli femminili ai maschietti.

3 comments

  1. Alfonso Longobardi 6 settembre, 2017 at 15:08 Rispondi

    Buongiorno,per cortesia potreste bannare l utente Angelo Russo? Per nulla togliere alla vostra meravigliosa pagina ma da quando il soggetto in questione la frequenta ha iniziato inspiegabilmente ad assumere atteggiamenti poco virili che ledono palesemente la sua eterosessualità
    La moglie è disperata e non sa più che fare
    Grazie,saluti

Lascia un commento