Latte di mamma, come conservarlo per fare scorte

Chi allatta al seno e lavora inevitabilmente si porrà la domanda «Quando riprenderò a lavorare come farò con l'allattamento? Dovrò interrompere?» In realtà no, non è necessario.

Certo molto dipende da quando pensiamo di rientrare al lavoro e a quanti mesi avrà il nostro piccolo, ma generalmente il periodo concesso per l'allattamento può essere sufficiente per avviarlo al meglio.

Con piccole accortezze e un po' di organizzazione, garantiremo al nostro bambino il suo alimento perfetto, il latte di mamma.

Quando dovremo rientrare al lavoro non saremo impreparate perché avremo fatto una bella scorta del nostro latte che potremo far dare al bambino da chi si occuperà di lui.

Il latte si può tirare sia manualmente, con quella che appunto viene definita spremitura manuale, sia col tiralatte, elettrico o manuale. Il metodo migliore è quello che ci fa sentire più a nostro agio. Il tiralatte elettrico è più veloce e pratico, ma potrebbe causare ragadi. La spremitura manuale è sicuramente molto più lenta e impegnativa, ma il nostro seno risentirà meno dello stress a cui verrà sottoposto.

Il latte va conservato nel modo corretto per non rischiare di doverlo buttare e inficiare tutte le nostre fatiche.

Per prima cosa, il latte tirato nell'arco delle 24 ore può essere messo tutto in un unico contenitore, avendo l'accortezza di far raffreddare quello appena tirato prima di unirlo a quello che abbiamo nel frigorifero. Il latte materno può infatti essere conservato nel frigorifero per circa 4 giorni, ma la temperatura deve essere costantemente di 4°C, per cui se non si è certi di avere questa temperatura, teniamolo per un max di 24 ore per essere più sicure.

Nel freezer compatto del frigorifero invece può durare per un paio di settimane, se il comparto ha uno sportello separato anche dai 3-4 mesi. Nel freezer separato dal frigo, o a pozzetto, possiamo conservarlo per 6-12 mesi.

Il latte tirato va riposto dentro appositi contenitori, vasetti o sacchetti in plastica o vasetti di vetro, l'importante è apporre sopra il contenitore la data in cui abbiamo tirato il latte.

Una volta tolto dal freezer non scaldiamolo mai al microonde, perderebbe tutte le sue proprietà nutrizionali e non congeliamolo una seconda volta, ciò che avanza andrà buttato.

Lascia un commento