Lettera alla mamma di un bimbo autistico: “Tuo figlio è molesto”

mamma bimbo autistico non verbale

Jessica Green è la mamma di un bimbo autistico rimasta sconvolta per aver ricevuto una lettera dai vicini in cui definiscono suo figlio una cosa molesta.

La lettera dei vicini alla mamma di un bimbo autistico

Nella periferia di Berkeley, nel Regno Unito, i vicini di casa non sono molto solidali tra loro, tanto che hanno inviato una lettera comunitaria alla mamma di un bimbo autistico.  Chiedono a mamma Jessica di occuparsi di più del figlio e di non lasciarlo mai più in giardino a giocare perché dà fastidio. Sottolineano proprio che il ragazzino è una molesto e che se la situazione non cambia saranno costretti a chiamare i servizi sociali.

lettera mamma bimbo autistico

Un bimbo autistico ha diritto a giocare come gli altri

La mamma ha condiviso questa lettera sconvolgente con i suoi amici su Facebook e il post è diventato subito virale. La donna ha voluto così sensibilizzare le persone a non giudicare un bambino autistico, ma a provare a capire e a informarsi sul problema prima di parlare. Suo figlio è un soffre di autismo non verbale e comunica solo attraverso i rumori: anche lui ha diritto a giocare fuori casa come tutti gli altri bambini.

10 comments

  1. Nadia Catto 25 agosto, 2017 at 21:52 Rispondi

    Devono solo vergognarsi questi vicini! Questo bimbo ha il diritto di giocare all’esterno! Potevano avvicinarsi a questa famiglia x farsi spiegare la malattia del bambino invece di minacciarli con i servizi sociali!

  2. Sara Chiolo 26 agosto, 2017 at 01:52 Rispondi

    naturalmente ognuna di noi pensa ai fatti propri…se avessimo anche noi un bimbo piccolo in casa…che magari cerca di dormire…e i figli dei vicini nel cortile a far rumore??poi…se si tratta di un condominio dovrebbero esserci degli orari dover poter scendere…

    • Sara Muzic 26 agosto, 2017 at 17:25 Rispondi

      Ma questo bimbo ha una malattia per quello fa così! Se reca disturbo a qualcuno, quel qualcuno doveva suonare il campanello e parlare a voce, non fare un’alleanza e addirittura minacciare di chiamare i servizi sociali!

    • Sara Chiolo 26 agosto, 2017 at 17:55 Rispondi

      la situazione è molto delicata e difficile da affrontare…intanto cara mamma del post…guarda gli orari in cui il tuo bambino puô scendere in giardino…magari comincia da li…e comunque…se la malattia è accertata possono fare proprio niente…

  3. Antonella Catania 26 agosto, 2017 at 09:23 Rispondi

    Ma questa gente non è a posto….. Io mi vergogno di dire alla famiglia che abita sopra di me di usare i feltrini sotto le sedie perché quando ne spostano una sembra che debba cadere il soffitto da un momento all’altro (e non hanno bambini piccoli) e questi addirittura scrivono una lettera perché un bambino autistico disturba la quiete del quartiere?! No,vabbeeeee…. Si sta diventando tolleranti per atteggiamenti sbagliati, ma non si è comprensivi nei confronti di un bambino!!

Lascia un commento