Mal di stomaco? Proviamo con i rimedi della nonna

Il lavoro, i figli e le incombenze di casa: basta semplicemente pensare a una di queste tre cose che subito lo stress si fa spazio; se a ciò aggiungiamo il cambio di stagione, i motivi per avere un bel mal di stomaco non mancano proprio.

Bruciore e fitte allo stomaco sono i sintomi più diffusi per i quali, se rimangono occasionali e circoscritti a brevi periodi, non c'è motivo di allarmarsi.

In presenza di questi fastidi, la prima cosa da fare è dare un'occhiata alla nostra dieta: eliminiamo cibi fritti e grassi, caffeina e anche pomodori e agrumi che favoriscono la formazione dell'acido nello stomaco.
Cogliamo l'occasione per sospendere (e chissà, magari, smettere) di fumare e consumare alcolici, eliminiamo anche le chewing gum che fanno aumentare l'aria nello stomaco e la produzione di acido.
Prendiamo l'abitudine di mangiare cibi leggeri, meglio se cotti al vapore e poco conditi, e per qualche periodo di consumare pasto meno abbondanti, ma con più frequenza. Anticipiamo l'ora di cena, di modo da avere almeno un paio di ore prima di coricarci.

Rispolveriamo le abitudini delle nostre nonne, prima di assumere farmaci: proviamo a depurare il nostro organismo con tisane a base di camomilla, di melissa o valeriana e prepariamo una boule dell'acqua calda da stendere sopra il nostro stomaco.

Con molta probabilità, seguendo questi semplici accorgimenti, in breve tempo i fastidi se ne saranno andati; se così non fosse, interpelliamo il nostro medico di fiducia che saprà indicarci eventuali terapie farmacologiche ed esami diagnostici a cui sottoporci.

Lascia un commento