Mamma irrompe in classe: “Sono meglio delle maestre!”

mamma classe maestra

Una scuola elementare di Rimini è stata protagonista suo malgrado di una scenata un po' eccessiva da parte di una mamma molto arrabbiata, che ha deciso di prendere il posto delle maestre. Manie di protagonismo? Probabilmente si tratta solo dell'ennesimo caso di cattivo rapporto tra genitori e insegnanti.

La mamma non condivideva l'educazione delle maestre

Doveva essere una mattina di scuola qualunque per i bambini di una scuola elementare di Rimini e invece si è trasformata in un'esilarante commedia che ha divertito e incuriosito molto gli spettatori della vicenda. Pare che all'improvviso si sia scatenato il panico a causa di una mamma che, spintonando chiunque le si mettesse di fronte, maestre e bidelli compresi, si è imposta in classe come la nuova insegnante.

Dopo un primo momento di sconcerto, è stato chiesto alla mamma di allontanarsi dall'aula, ma senza risultato. La furia della mamma di uno dei bambini che frequenta quell'istituto non accennava a placarsi. Così non c'è stata altra soluzione se non quella di chiamare la polizia per farla ragionare e lasciare la cattedra per dare un barlume di normalità a quella strana giornata scolastica.

Rapporto genitori-insegnanti sempre più a rischio

Cos'è successo a questa mamma, tanto da spingerla a rendersi la protagonista di questa bizzarra vicenda? Alcuni ipotizzano che sia stata la voglia di protagonismo a vincere su di lei, ma è più probabile andare alla ricerca delle cause analizzando il rapporto con le insegnanti del suo bambino. Una frase che la mamma continuava a ripetere durante la sua crisi ed era quella che rinfacciava alle maestre di essere più brava di loro. Ecco dunque il problema che ha dato origine allo scatto nervoso di una mamma forse esasperata, che cercava di ottenere l'attenzione su di sé.

Ha scelto forse un modo un po' esagerato per farlo e ora dovrà affrontare le conseguenze del suo gesto. Allontanata dalla polizia con la forza, infatti, ora le toccherà essere sottoposta alle analisi del caso, che comprendono anche una visita specialistica e una psicologica per stabilire le motivazioni di questa reazione eclatante. Questi esami sono necessari non solo perché la mamma è stata denunciata dalle autorità scolastiche, ma anche e soprattutto perché madre di un bimbo piccolo che va tutelato e salvaguardato da possibili reazioni simili anche in famiglia.

9 comments

  1. Lisa Schiano 1 febbraio, 2018 at 09:42 Rispondi

    Anche io penso che alcune..ho detto alcune..non sono proprio all’altezza,ma non soffro di manie di protagonismo e preferisco aiutare nell’ombra,integrando col mio aiuto il lavoro della maestra che reputo incompetente..questo per non fare piazzate,per non procurare imbarazzo e perché sono una persona pratica!

Lascia un commento