Mamma, che stanchezza! Consigli per il sonno

mamma che stanchezza consigli sonno

Forse ve lo avevano detto, ma non ci avevate creduto: nel momento in cui sareste diventate mamme il debito di sonno sarebbe stato costante!

Adesso che mamme lo siete davvero, ne avete avuto la prova: tra le improvvise sveglie notturne per allattare e coccolare, i diecimila cambi di pannolini, le prime pappe e i primi dentini, certe volte si arriva a metà pomeriggio stanche morte. Peccato che, di lì all'ora in cui andate a letto, spesso il vostro sonno vada a farsi benedire e, una volta poggiata la testa sul cuscino, la voglia di dormire vi abbia abbandonate del tutto.

Via la stanchezza: i consigli riposare serene

Spesso, nonostante la grande stanchezza, si fatica a prendere sonno perché si assumono comportamenti che impediscono di rilassarsi.

La prima regola è quella di non ignorare i segnali che il nostro corpo ci invia: se siamo stanche, dobbiamo metterci a nanna! Inoltre, per riposare bene, dovremmo andare a dormire tutte le sere più o meno alla stessa ora e svegliarci presto tutte le mattine. A fare la differenza è anche l'ambiente in cui si dorme: il letto dovrebbe avere un materasso di media durezza e non dovrebbero essere presenti apparecchi elettronici e rumori fastidiosi.

Bere alcolici e fumare sono altri due fattori che influiscono negativamente sul sonno.

Addormentarsi con il metodo 4 -7 -8

Spesso, le nemiche peggiori del nostro sonno siamo noi stesse, che ci portiamo a letto ansie e pensieri negativi. Per imparare a liberare la nostra mente e rilassarci più velocemente, possiamo affidarci al cosiddetto metodo 4-7-8 o Pranayama. Questa tecnica di respirazione fa parte dei tanti esercizi che chi pratica Yoga conosce bene. Essa consiste in una modulazione del respiro, che dovrebbe aiutare a rilassarsi e, di conseguenza, conciliare il sonno. 

Questo metodo, che deve il suo nome, alle varie fasi che lo compongono, funziona in questo modo: dopo aver fatto un respiro profondo e aver espulso tutta l'aria, si inspira per 4 secondi a bocca chiusa, poi si trattiene il respiro per 7 secondi e si espira con la bocca per 8 secondi. Il processo deve essere ripetuto almeno per 3 volte per ottenere i risultati sperati. 

Provare per credere!

2 comments

Lascia un commento