Mamma vegana aggredita davanti alla scuola della figlia

mamma vegana aggredita a scuola della figlia

Una mamma vegana della provincia di Grosseto è stata vittima di minacce e aggressioni davanti all’istituto scolastico frequentato dalla figlia. A strattonare la donna e a rigarle l’auto sono state le mamme dei compagni di scuola della sua bambina.

"Lo sapete che la carne che mangiate era viva?"

Ma cosa ha spinto il gruppo di mamme a compiere questo deprecabile gesto?

Alle genitrici dei bambini non sarebbe andato giù che la piccola bambina vegana tentasse di fare del proselitismo tra i coetanei, ai quali, quotidianamente ricordava: “Quelle polpette erano un maialino. L’hamburger che state mangiando era una mucca. E i bastoncini impanati, dei pesci che nuotavano nel mare”.

Il racconto della mamma vegana

La vittima dell’aggressione, che già in passato sarebbe stata presa di mira per il medesimo motivo, ha raccontato di essere stata circondata, minacciata e aggredita dalle mamme dei compagni di classe, le quali le avrebbero intimato: “Di’ a tua figlia di smettere di parlare in quel modo ai nostri bambini”.

Sulla vicenda al momento stanno indagando i Carabinieri. Voi Mamme cosa ne pensate, è giusto criticare le scelte delle altre Mamme a tal punto?

91 comments

  1. Anna Rita Ricciardi 27 marzo, 2017 at 17:47 Rispondi

    Quello che la bimba dice è vero… penso che tutti i carnivori siano consapevoli di mangiare carne di un animale ucciso per quel motivo. Ma anche una carota era viva prima di metterla nel brodo… solo che alle verdure non si attribuisce vita sensiente e questo ci fa sentire meglio… la verità è che tutto ciò che mangiamo era vivo… prima. Quindi non esageriamo per favore.

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 00:28 Rispondi

      Gli animali hanno un sistema nervoso (del quale fanno parte i nervi sensitivi muniti di recettori del dolore) in grado di percepire il dolore in maniera simile a come lo percepiamo noi umani. Nel caso delle “informazioni” riguardo al dolore che prova un animale, esse arrivano al cervello esattamente come accade per gli esseri umani, mentre nelle piante tutto questo semplicemente non può verificarsi, essendo esse sprovviste di sistema nervoso centrale.
      Dal punto di vista scientifico gli animali così come l’uomo sono catalogati come esseri senzienti, status che le piante non hanno.

    • Anna Rita Ricciardi 28 marzo, 2017 at 09:42 Rispondi

      Il fatto che alcuni esseri non parlino e non si muovano non significa che non siano sensienti . Magari non lo sono come nella definizione degli animali che è quella che noi conosciamo meglio essendo animali a nostra volta… ma questo non toglie che possano soffrire solo perché non urlano e piangono come molti animali. Avete mai sentito piangere o gridare un pesce? Eppure sapete che nel morire asfissiato… soffre come tutti gli esseri viventi.

    • Tania Tavor 28 marzo, 2017 at 10:41 Rispondi

      1. Sulle carote era una battuta, se qualcuno non ha capito. 2. Secondo me, vi state andando completamente fuori tema, cioè: a) le scuole medie hanno già finito tutti che commentano questo articolo è con c’è bisogno rifare il corso di biologia a qui presenti; b) il messaggio di questo reticolo non era VEGANI SI VEGANO NO, ma era che UNA MAMMA TRAMITE SUA BUMBA INFLUISCE SULLA EDUCAZIONE ELEMENTARE E SULLO STILE DI VITA DI ALTRE FAMIGLIE!!!!. Questa è la problema vera, non mica se soffrono le carote mentre li grattugio….
      Ragazze, se vostro bimbo, in età ancora tenera, torna da scuola e dice a mamma non vegana ” non mangio carne perché prima abbaiava” o a mamma vegana “fa male non mangiare carne” non dite mi che non andrete a indagare…… Non perdetevi nel dettagli ….

    • Tania Tavor 28 marzo, 2017 at 10:44 Rispondi

      Concetta Veg Giambruno
      Lei dice che a bimbi va detta la verità, certo. Però se il suo bimbo a prima elementare torna da scuola e le racconta come si concepiscono i bambini (non all’livello academico, cioè, come scrive libro di biologia) non credo che dirà:” è va be, ha saputo la verità”….

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 10:51 Rispondi

      Tania ai bambini va detta la verità ovviamente in maniera consona alla loro età! Un bambino che viene a sapere che il prosciutto prima era un maialino o che il pesciolino nuotava nel mare non ha recepito informazioni non adatte alla sua età! È perfettamente in grado di capirle! Sta ai genitori spiegare come e perché alcune persone mangiano animali mentre altre no!

    • Tania Tavor 28 marzo, 2017 at 11:02 Rispondi

      Poi una mamma, che racconta alla sua figlia la realtà in quell modo come è uscita dal articolo, forse per essere sicura che bimba neanche a scuola o quando è incustodita da madre non si permette neanche ad assaggiare un pezzo di carne, secondo me è fanatismo, e forse giusto da dare un allarme di questa situazione. Quella di notte forse si sveglia e piange perché sogna la bistecca che cammina…..
      Se mio figlio un domani decide di essere vegano non avrò niente contro, ma deve essere una decisone in una età quando è in grado di ragionare da solo senza essere influenzato dagli altri….

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 11:05 Rispondi

      Ma che dici non ha deciso proprio niente per nessuno! Semplicemente la figlia, con l’ingenuità e la franchezza tipica dei bambini, ha detto ai suoi compagni di classe che la carne che mangiano era un animale vivo, i bambini sono rimasti turbati e hanno chiesto spiegazioni e le mamme se la sono presa arrivando ad aggredire questa mamma che, secondo loro, non avrebbe dovuto dire la verità alla figlia!

    • Tania Tavor 28 marzo, 2017 at 11:39 Rispondi

      A bimba, secondo me, e stato spiegato in modo scorretto proprio per assicurarsi che non lo mangerà il carne. (Non dico che ho ragione). Mamma comunque sa che la sua figlia comunica con gli altri bambini ed poteva prevedere che la sua figlia andrà a dire quello che li è stato detto casa.( questo, credo ch sappiamo tutte, che i bambini a modo innocente raccontano tutto….). Non dico che mamma lo fatto apposta, semplicemente non ha pensato

    • Natascia Babei 28 marzo, 2017 at 16:10 Rispondi

      Il mio bimbo ha 2 anni e sa quello che mangia, facendo pure i versi degli animali, la carne di qui sta mangiando e non mi sembra traumatizzato. Secondo me più li si nasconde la verità più è dura digerirla quando sono più grandi.

    • Tania Tavor 28 marzo, 2017 at 17:33 Rispondi

      Natascia, secondo me, c’è modo e modo a dirli…. sicuramente i giornalisti non dicono tutto, come sempre. Io non credo che appena bimbo tornato a casa dicendo che la carne prima era viva, le mamme ci sono andate a graffiare la macchina di un’altra. Dovrebbe essere dietro qualcosa che non sappiamo.

  2. Elena Boh 27 marzo, 2017 at 18:00 Rispondi

    L unica cosa certa e che ognuno e libero di fare ciò che gli pare ma non deve rompere le palle agli altri…. vuoi mangiare l erba del tuo prato? Nessuno te lo vieta ma non azzardarti a venire a smarronare a me che mangio i resti dì una mucca o di un maiale….che cavolo. Io dico sempre….la liberta di parola e pensiero finisce la dove cerchi di obbligare me a pensarla uguale o a farmi cercare a tutti i costi di diventare come te

    • Silvia De Rossi 27 marzo, 2017 at 22:08 Rispondi

      Brava!! Infatti il problema dei vegani non è quello che mangiano ma è il rompere le balle su quello che mangiano gli altri!! E a quanto pare trasmettono questo loro problema anche ai figli😂

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 00:21 Rispondi

      La bambina ha solo detto la verità! Il problema è che se tu genitore porti tuo figlio a veder i coniglietti batuffolosi in fattoria e poi la sera glielo metti nel piatto senza aver il coraggio di dirgli che è lo stesso animale, nel momento in cui questo lo scopre ci resta male! E lo dico perché mi è capitato in prima persona da piccola! Così come i vegani spiegano ai loro figli cosa c’è (o non c’è) nei loro piatti anche i genitori onnivori dovrebbero fare lo stesso, spiegandoglielo ovviamente in modo consono a un bambino (non facendogli vedere un video sui macelli!)

    • Bianca Meo 28 marzo, 2017 at 07:59 Rispondi

      Brava Elena Boh io sono venuta su ammazzano galline e conigli eppure non mi sembra di essere psicologicamente malata,Ogniuno faccia quello che vuole e mangi quello che vuole

    • Carmen Parisi 28 marzo, 2017 at 08:21 Rispondi

      Sara Muzic assolutamente no la violenza non è mai giustificata per nessun motivo. Però se mio figlio mangia carne o pesce non c’è niente di male. Forze bisognerebbe insegnare ai bimbi che tutti si devono rispettare sia chi mangia verdura che chi mangia tutto. Mia figlia si deve sentire libera di mangiare così come tuo figlio senza differenza

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 10:46 Rispondi

      Bianca d’accordo almeno tu sapevi da dove veniva il tuo cibo! Poi non tutti hanno la stessa sensibilità quello è ovvio! Ma se un bambino ci resta male perché gli viene detto che il prosciutto era un maialino e che il pesciolino nuotava nel mare vuol dire che proprio non gli è stato spiegato nulla!

  3. Sara Congiu 27 marzo, 2017 at 18:59 Rispondi

    La libertà di pensiero finisce quando si mette a rischio la salute di un minore che non è libero di scegliere per se stesso. Tanti genitori “vegani” non si informano adeguatamente sulle carenze alimentari che la loro alimentazione provoca su un bambino. Secondo me andrebbe imposta un’alimentazione completa almeno fino alla fine dell’adolescenza, indipendentemente dalle scelte dei genitori. Poi il figlio deciderà con la sua testa

    • Sara Congiu 27 marzo, 2017 at 22:20 Rispondi

      A non c’entrare niente è il tuo commento. Questo post chiedeva l’opinione sui diversi tipi di alimentazione da dare ai figli, e io ho espresso la mia opinione in modo educato. Vedi di farlo anche tu la prossima volta

    • Concetta Veg Giambruno 27 marzo, 2017 at 23:51 Rispondi

      È solo una tua opinione, ma non corrisponde al vero! da mamma Vegana ti assicuro che mi sono informata e mi informo sempre sull’alimentazione, molto più di molte (non tutte) mamme onnivore che sono convinte che “basta mangiare tutto” per stare bene! Ovviamente oltre ad informarmi per conto mio siamo state anche da un pediatra specialista in nutrizione veg!

    • Sara Congiu 27 marzo, 2017 at 23:55 Rispondi

      Ho detto “tante” mamme, non tutte. Ci sono anche quelle che come te si rivolgono a un medico che le segua in modo appropriato. Resto tuttavia dell’opinione che gli effetti di queste diete iniziate in età così precoce saranno visibili solo sul lungo termine, quindi la trovo lo stesso una scelta azzardata

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 00:02 Rispondi

      Ci mancherebbe, ma ti assicuro che (almeno tra le persone che conosco io) sono tendenzialmente di più le mamme vegane che si informano e si rivolgono a specialisti piuttosto che le mamme onnivore, e anzi molte di loro fanno seguire un’alimentazione molto sbilanciata ai figli, con un’eccesso di proteine animali (per non parlare del junk food in tenera età)! Ci vuole criterio e coscienza in tutte le cose.

    • Manuela Barozzi 28 marzo, 2017 at 09:42 Rispondi

      Non sono assolutamente daccordo Sara..imporre un tipo di alimentazione fino all’adolescenza anche no..l’importanza di mangiare sano e vario riguarda più gli onnivori che i vegani/vegetariani che a mio parere fanno molta più attenzione a quello che mettono in tavola soprattutto a livello nutrizionale.

    • Paola 28 marzo, 2017 at 15:55 Rispondi

      E’ davvero raro che chi non mangia animali non sappia come nutrirsi bene con profonde conoscenze in materia di salute dell animale umano.
      Ricordo che un certo Genio Leonardo da Vinci era vegetariano,…e non solo lui la lista è lunga.
      Non è per difendere il vegetarianesimo come una squadra di calcio, se mai per difendere degli indifesi che fanno una vita e una fine brutale.Ma perchè volete per forza ignorare ?
      Leonardo diceva che: Fino a quando gli esseri umani faranno dei loro stomaci delle Tombe non cesseranno anche le guerre fra di essi.”Mi sebra di tornare nel medioevo la caccia alle streghe in questo caso la stega è vegana e il famoso gruppo cerca di farla fuori.Poi magari dopo anni chiede scusa …

  4. Federica Sorriso Costanzo 27 marzo, 2017 at 19:42 Rispondi

    Io non condivido la scelta vegana per i figli ma non mi permetterei mai di imporre il mio personale punto di vista. A mio parere il problema è un altro: quale insegnamento hanno tratto i bambini dal vedere le aggressioni tra i genitori? Con quale educazione vogliamo crescere i nostri figli? Le mamme potevano benissimo chiedere un incontro con i genitori di questa bimba e discutere sull’impatto che le parole della bimba avevano sul resto della classe. E poi spiegare con dolcezza ai loro figli che molti genitori fanno scelte diverse ma non ci si deve imporre con gli altri né venire soggiogati. Secondo voi questi bambini hanno imparato di più sul bullismo o sull’integrazione?? Non stupiamoci poi se leggiamo certe storie di bullismo alle classi superiori e ricordiamoci che i figli guardano ciò che facciamo e si adeguano al modello di comportamento che mostriamo.

    • Edvige Montella 27 marzo, 2017 at 23:52 Rispondi

      Guardi in realtà io credo che le cose vadano di pari passo.se noi diamo l’esempio di violenza anche i nostri figli seguiranno quell’esempio.se si picchia un altro bambino è grave.come grave è assalire un genitore perché ritenuto’diverso’ .l’ accettare la diversità è sinonimo di intelligenza.perché inquesto caso i genitori che hanno assalito questa mamma non hanno fatto una cosa.poi così diversa dai quei bulli che picchiano.e i figli,dato l’esempio, faranno probabimente la stessa cosa.è polemica perché questo atteggiamento sbagliato dei genitori contro la madre vegana altro non è cheilnonaccettare una diversità se così la si vuol chiamare.e non è forse questa la radice e matrice degli atti violenti del bullismo?

    • Daiana De Rocco 28 marzo, 2017 at 06:53 Rispondi

      Sì non mi sono spiegata bene. ..ontendevo che sono quei genitori i bulli on questo caso..E che quella bomba non ha detto nulla di sbagliato…Gli hamburger mica crescono sugli albero cavolo!…

    • Cinzia Garbellini 27 marzo, 2017 at 22:01 Rispondi

      Anche i genitori ignoranti se è per quello. E lo dico dopo aver appena finito di mangiare n arrosto. Sono onnivora ma trovo deprimente leggere certi commenti . Ci sn vegano ben informati che sanno benissimo come sopperire alle.mancanz di una dieta onnivora non posso dire altrettanto informati come i genitori che crescono i bambini a merendine patatine e pasta in bianco.

    • Chiara Albertocchi 27 marzo, 2017 at 22:04 Rispondi

      Non e che o schifezzo o vegani…l’alimentazione sana e altro. Non per forza un estremo. Io ho studiato alimentazione e i bambini hanno bisogno di tutti i nutrienti. Concordo sulla violenza sintomo di ignoranza sempre e comunque ma trovo che le mode, pericolose per i bambini , andrebbero fermate

    • Concetta Veg Giambruno 27 marzo, 2017 at 23:55 Rispondi

      http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/ADA_ital.html

      “E’ posizione dell’American Dietetic Association che le diete vegetariane correttamente pianificate, comprese le diete vegetariane totali o vegane, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, e per gli atleti.”

    • Cinzia Garbellini 28 marzo, 2017 at 09:55 Rispondi

      Cmq e innegabile che se fatta bene una dieta vegana è assolutamente attuabile anche con i bambini ma ovvio deve essere sotto stretto controllo e non improvvisata alla cazzo . Ribadisco vedo bambini mangiare davvero malissimo genitori in rivolta perché nelle.mense scolastiche si propone cibo xome.la zuppa di cipolle e i loro bambini poverini non mangiano nulla. La.verita e che la maggior parte dei genitori ha un ignoranza totale sul cibo questo indipendentemente siano onnivori vegetariani o vegani

    • Cinzia Garbellini 28 marzo, 2017 at 10:01 Rispondi

      Guarda Chiara Albertocchi io ripeto sono onnivora mangio tutto . Ma.sono molto attenta all alimentazione dei miei bambini e fortunatamente se fortuna si può chiamare con 4 bambini amano molto mangiare verdura pesce carne e frutta insomma di tutto. Mia figlia ama le lumache e il. Sushi quindi hanno gusti anche particolari ma il.problema e proprio nei genitori che non sanno creare un menu vario ai figli solo perché convinti xhe non mangeranno poi cose troppo particolari finendo poi sulla solita pasta o “bistecchetta ” noj esiste quasi più la cultura del buon cibo e credo faccia altrettanto male ripiegare su cibi spazzatura almeno quanto una dieta vegana sbilanciata solo che magari ad.oggi quella crea maggiore interesse e danni a breve termine mentre quella del ciao spazzatura i danni li crea a lungo termine e ne crea cmq tantissimi non so se.mi sn spiegata . Detto xio cmq tornando alla. Articolo trovo spaventoso che le.madri abbiano aggredito la signora

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 10:01 Rispondi

      Non sono situazioni limite, anzi, sono molto frequenti i bambini onnivori che mangiano male! Ma lì certo si parla di tamponare la situazione , mentre per i vegani di togliere la potestà genitoriale! Due pesi e due misure!

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 10:10 Rispondi

      Chiara forse tu, ma la maggior parte della gente invece sa solo puntare il dito contro i vegani a prescindere. Senza sapere molte cose. Cmq come dice giustamente Cinzia Garbellini il problema è che manca proprio una cultura dell’alimentazione di base che tutti i genitori dovrebbero avere!

    • Cinzia Garbellini 28 marzo, 2017 at 10:17 Rispondi

      Mia figlia per due mesi non ha voluto toccare la carne. Mi ha chiesto da dove provenisse ha capito che cosa succede all. Animale seppur spiegato in modo soft ho cmw preferito dirle la verità a grandi linee . E lei ne ha sofferto . Non ha toccato carne per due mesi io la proponeva ma lei diceva no . Ovviamente ho assecondato questa sua scelta spiegando le però che doveva integrare con altri cibi e preparando le. Maggiormente pesce e legumi. Ora ha ripreso. Ma credo che prima o poi smetterà di nuovo … e perché dovrei negarlo una sua scelta così consapevole. Se è quando accadrà mi informerò. Per aiutarla di certo non andrà ostacolata . Ma resta che lei è sempre sorpresa che a scuola i suoi compagni non mangino quasi mai le verdure e lei fa a cambio spesso con loro x avere la loro verdura e lei cede la carne . Ora capiamo ci ma perché non possiamo essere maggiormente informati

    • Concetta Veg Giambruno 28 marzo, 2017 at 10:26 Rispondi

      Cara Cinzia io ho iniziato esattamente come tua figlia , e a 15 anni sono diventata vegetariana! È molto bello quello che dici, ovvero che se vorrà fare questa scelta in futuro non la ostacolerai! Mia mamma all’epoca entrò un po’ in crisi ( parliamo di 17 anni fa, quando non era ancora una scelta così diffusa) ma capì che ero determinata e alla fine mi assecondo’, specializzandosi nella preparazione di piatti vegetariani! :) Mia figlia per il momento segue un’alimentazione vegana , siamo seguite da Proietti che è un pediatra con più di 40 anni di esperienza nell’alimentazione veg per i bambini, ma ovviamente se quando sarà più grande vorrà mangiare anche carne e pesce la lascerò libera di farlo!

  5. Concetta Veg Giambruno 27 marzo, 2017 at 23:58 Rispondi

    Ma di cosa ci stupiamo, basta leggere i commenti delle altre mamme ogni volta che si tocca questo argomento!! Dalla violenza verbale a quella fisica è un attimo! Siamo nel 2017 e mi tocca leggere che ai genitori veg dovrebbe essere tolta la patria potestà! Poi saremmo noi vegani quelli aggressivi e non tolleranti delle scelte altrui!

  6. Concetta Veg Giambruno 27 marzo, 2017 at 23:58 Rispondi

    Giusto per informazione:

    http://www.scienzavegetariana.it/nutrizione/ADA_ital.html

    “E’ posizione dell’American Dietetic Association che le diete vegetariane correttamente pianificate, comprese le diete vegetariane totali o vegane, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, e per gli atleti.”

  7. Tania Tavor 28 marzo, 2017 at 00:04 Rispondi

    Va be, rigare la macchina era un po’ esagerato….
    Però mamma vegana ( o anche l’altra) dovrebbe educare propria figlia a fare un po’ fatti suoi e non commentare cosa fanno gli altri ( per es. cosa mangiano). Se mio figlio comincerebbe rifiutare il cibo a casa grazie ai commenti della compagna di classe, anche io cercherei di sistemare la situazione, però in un modo un po’ più civile e forse non fuori dalla scuola ma in ufficio di preside per esempio.

  8. Sara Muzic 28 marzo, 2017 at 00:14 Rispondi

    Ogniuno è libero di scegliere il proprio stile di vita anche nel mangiare… ma voi che dite che i vegani e i vegetariani non devono rompere le scatole con il loro modo di pensare vi rendete conto spero che in tv la pubblicità di prodotti alimentari animali o derivati dagli animali la vediamo di continuo? Dunque la mia domanda è… noi carnivori non facciamo la stessa cosa promuovendo il cibo che mangiamo? Perché noi possiamo farlo e loro no? D’altro canto scusatemi ma è vero che la carne che mangiamo una volta era un animale… detto questo, bell’esempio che queste mamme hanno dato aggredendo una persona, complimenti per l’insegnamento! Un applauso

    • Sveva Elga Casiraghi-Engelbrecht 28 marzo, 2017 at 18:49 Rispondi

      E’ sempre una questione di dissidenza icastica… la carne non è mai abbastanza brembante per sembrare, anche forse a multinazionali come Aia…
      Secondo me dovrebbero bastare parole come esortatore orbitale per dirimere la questione, al netto dei veganesimi e delle aruspicine, non trova?

    • Sara Muzic 28 marzo, 2017 at 19:01 Rispondi

      Mi scusi ma non ho capito assolutamente nulla… sarò ignorante ma io parlo molto meno forbito di lei come ha potuto notare nel mio commento. Per cui due sono le cose, o il suo profilo è un fake e le piace prendere in giro la gente oppure è un pò troppo piena di se da non riuscire a scrivere in base al suo interlocutore

  9. Paola Pische 28 marzo, 2017 at 03:09 Rispondi

    Io, a prescindere dalla scelte che uno fa , sono sempre per la libera espressione di ciò che si pensa se fatto con educazione! Ciò che la bimba ha detto non è certo bugia, bisognerebbe capire magari COME! Certo tutte le mamme sanno perfettamente che insegnare ad un bambino cosi a esternare le proprie idee senza ferire gli altri non è cosa semplice, perché lo dicono con innocenza e non vedendoci nulla di male!in ogbi caso trovo che l’attacco in branco dell” elemento debole” sia altamente diseducativo in quanto ritrae proprio la situazione di oggi, bullismo nel confronti delle persone diverse!però quando dei bambini attaccano il bimbo più timido o con un handicap si indignano tutti!perché non accade quando un gruppo di adulti lo fa con una mamma?anche se le ragioni possono anche essere”giuste”, spero di insegnare a mio figlio a risolvere tutto sempre nella tranquillità!

  10. Samantha Masarà 28 marzo, 2017 at 09:15 Rispondi

    Ognuno cresce i figli come vuole!! Che possa essere giusto o sbagliato!! Io posso dare dei consigli se ritengo che, a mio parere, sbagli. Ma, come ripeto, ognuno fa quello che vuole coi propri figli!!!

  11. Daniela Carannante 28 marzo, 2017 at 09:55 Rispondi

    Io li toglierei i figli? Sai che danni fisici possono avere? Ma la testa che usano! Qui ben 4 volte un neonato ci era finito in ospedale x colpa di una madre vegana,vuoi avere uno stili. Di vita bn,ma almeno x figli aspettate…

  12. Federica Galeotti 28 marzo, 2017 at 10:46 Rispondi

    L’aggressione è sicuramente sbagliata, ma qui sembra che sia chi mangia anche la carne ad aver aggredito chi non la mangia, invece è il contrario. Ognuno è libero di mangiare ciò che vuole, ma che si faccia terrorismo a mensa verso gli altri bambini, come se fossero serial killer di animali, non va assolutamente bene e, siccome la bimba non ha colpe, perchè ha soltanto 7 anni ed è infarcita di idiozie da sua madre, chi è che doveva essere accusata? I vegani e i vegetariani mangino quello che vogliono, ma non rompano le scatole agli altri! Senza contare che ho visto una bella intervista ad un professore del Meyer che parlava degli effetti delle diete vegane e vegetariane sul corpo di bambini molto piccoli, prevalentemente a causa della mancanza di vitamina B12, e non sono problemi da poco, specialmente a lungo termine.

  13. Giuliana Rusciano 28 marzo, 2017 at 14:38 Rispondi

    e io ti rispondo così..
    è giusto fare il lavaggio del cervello ad una bimba , anche se tua figlia, al punto che questa invece di vedere del cibo veda animali morti?? e ancora è giusto che questa bimba crei ansia e tristezza in altri bimbi al punto tale da dirlo slle madri?? secondo me no… e a dirla tutta io sono pro sana alimentazione e No agli estremismi. ..ognuno fa quel che vuole senza però rompere i coglioni al prossimo. ..poi l’aggressione. … ok che è comunque uno schifo ma dobbiamo vedere cosa abbia risposto la vegana

Lascia un commento