Mamme imprenditrici? Si può fare!

mamme-imprenditrici-premio-gamma

Chi l’ha detto che il ruolo di mamma non sia compatibile con una posizione di successo nell’imprenditoria? Sicuramente fare al meglio entrambe le cose non è facile, ma di certo non è impossibile. A dirlo sono proprio le partecipanti al Premio Gamma Donna, una kermesse dedicata interamente al mondo femminile, giunta ormai alla sua ottava edizione, che ha dato lustro alle migliori eccellenze professionali in rosa, capaci di dare massima attenzione agli aspetti legati alla famiglia, senza trascurare il successo d’impresa.

Come ha fatto Giulia Baccarin, vincitrice del Premio Gamma Donna 2016, in grado di dare vita ad un’impresa innovativa, di nome MIPU, che è stata pensata per dare una spinta sociale a tutte le aziende caratterizzate da un alto tasso di “positività” sull’intera comunità.

Talenti rosa: i progetti premiati

Un’idea particolare, forse talmente innovativa da risultare complessa nella sua forma, ma tant’è: il successo è arrivato. Gli esempi di donne talentuose continuano con Cristina Angelillo, attuale CEO di Marshmallow Games, un’azienda che produce app educative per bambini e ragazzi, con l’obiettivo di rendere più efficace il loro percorso di apprendimento e di crescita, e con Marianna Poletti, giunta tra le finaliste del Premiograzie alla sua piattaforma lavoro Justknock, capace di aiutare chi è alla ricerca di un lavoro in modo alternativo. Al posto del classico curriculum, infatti, su Justknock è possibile candidarsi per una posizione vacante inviando le proprie idee.

Tra le proposte avanzate durante l’edizione 2016 del Premio Gamma Donna, ha suscitato particolare interesse quella di Anna Fiscale che con il suo Progetto Quid dà quotidianamente l’opportunità a tantissime ragazze e donne di rimettersi in gioco e lasciarsi alle spalle un passato fatto di paure e fragilità. Come? Attraverso la produzione di nuovi tessuti generati da materiali di recupero provenienti da diverse realtà locali sparse sul territorio italiano. Un’idea che favorisce la nascita di un mercato del riciclo 2.0 di assoluta qualità, rigorosamente made in Italy. 

Lascia un commento