Nasce senza cervello ma impara a dire "mamma"

Emma-Murray-and-her-son-Aaron

Emma Murray, come tutte le neomamme, non vedeva l’ora di ascoltare dalla voce del proprio piccolo Aaron, la sua prima parolina, in grado di sciogliere il suo cuore come neve al sole.

Ma purtroppo, l’infausta diagnosi dei medici, non le aveva lasciato neppure una piccola speranza: a lei non sarebbe stato concesso di vivere quel momento di sublime tenerezza. Aaron è infatti affetto da oloprosencefalia, una malformazione del sistema nervoso piuttosto rara (colpisce due bambini su 10.000) che non consente un completo e corretto sviluppo del cervello.

Una gravidanza inaspettata

Mamma Emma, nel giro di un giorno, ha scoperto di essere incinta e che suo figlio aveva sviluppato appena il 10% del proprio cervello. Al momento della nascita il bambino è stato attaccato a dei macchinari ed è stato comunicato alla mamma che non sarebbe vissuto a lungo. Ma Aaron, evidentemente, aveva ben altri progetti.

Il miracolo dell’amore

Il piccolo, andando oltre ogni più rosea aspettativa, a circa sei mesi è riuscito a pronunciare la parola “mamma”.

Emma quasi non credeva alle sue orecchie e il dolce suono di questa parola è stato vissuta dalla giovane donna come una sorta di miracolo, avvenuto grazie a tutto l’amore di cui Aaron è stato sempre circondato. 

3 comments

Lascia un commento