Perché i neonati non devono fare le poppate da distesi

I neonati non devono fare le poppate distesi. Il motivo è semplice: è pericoloso per la salute. I motivi di questa affermazione sono diversi e riguardano principalmente l’apparato digerente del neonato, che non essendosi ancora formato, non ingerisce bene il latte né è capace di gestire i possibili rigurgiti.

Abbiamo già parlato di questo argomento in un precedente articolo, in cui abbiamo illustrato sia le possibili cause, sia alcuni consigli pratici per gestire al meglio i rigurgiti dei neonati.

La posizione del neonato post pappa

Il rigurgito del neonato, quindi, è una delle motivazioni più importanti per cui non deve mangiare disteso. La posizione ideale è quella in verticale in cui ha il tempo per contrastare i possibili rigurgiti e mettere in circolo il processo di digestione.

Nel frattempo che si aspetta che faccia il ruttino di rito gli si deve permettere di vivere il momento post pappa con serenità. Si consiglia  di poggiarlo sul petto da seduto e tenendolo in una posizione comoda o di fargli dei massaggi alla schiena. È vero che a pochi mesi il bambino ha bisogno di stabilità e non starà seduto come un bambino grande, ma è anche vero che la mamma può tenerlo stretto a sé vicino alla spalla o al petto senza fargli male e in una posizione che risulti comoda per lui, corretta dal punto di vista medico e salutare per facilitare la sua digestione.

È importante che il bambino non stia mai in posizione sdraiata ma che abbia la testa sollevata rispetto al resto del corpo, in modo tale che riesca a deglutire senza problemi o pericoli se arriva un ingorgo di latte post poppata.

Infine, anche dopo qualche mese di vita quando ha più reattività verso le attività di socializzazione, il neonato deve capire che dopo la pappa non può subito giocare o dormire ma deve rilassarsi senza agitarsi troppo.

42 comments

    • Eva Jo 7 gennaio, 2017 at 11:34 Rispondi

      capito…è che così risulta impossibile uscire a volte. Perché metti sei in giro in qualche bar o centro commerciale, nel caso debba allattare possiamo finire tutte e due inzuppate perché a lei esce il latte dalla bocca o parte il mega schizzo :( a voi succede? come fate? scusa se approfitto del tuo caso :) grazie mille

  1. Luana Concu 6 gennaio, 2017 at 14:46 Rispondi

    Non è vero! In ospedale lo consigliano…sopratutto se sei tanto stanca la notte, per non addormentarsi col bimbo in braccio e col rischio di farlo cadere è la prima posizione che ti fanno vedere.

  2. Diconino Diconino 6 gennaio, 2017 at 15:15 Rispondi

    Allatto a richiesta da piu di 12 mesi e il 90% delle volte è da sdraiata dalle prime ore di vita della mia cucciola . Il ruttino quasi mai fatto non è obbligatorio. Se un bambino deve soffrire di reflusso ne soffrirà e basta. Che notizia non pertinente quella di oggi

  3. Mariarosaria Serrapica 6 gennaio, 2017 at 17:13 Rispondi

    Mah… ho allattato il mio secondo bimbo quasi esclusivamente da distesa nonostante all’inizio soffrisse di lieve reflusso (senza rigurgito), ma era la posizione che lo faceva stare meglio. Ancora adesso lo allatto solo da distesa, ha 9 mesi.

  4. Rossella Vitolo 6 gennaio, 2017 at 23:33 Rispondi

    Ma per L allattamento artificiale forse in quanto il latte scende direttamente mentre per L allattamento al seno è il neonato a stabilire come e quando tirare! Sempre disteso a me,esiste infatti il cuscino per L allattamento! La notte in mezzo al letto invece😜

  5. Elisa Milani 8 gennaio, 2017 at 00:15 Rispondi

    Falso! Io allatto il mio bambino solo da sdraiata da più di tre mesi, di giorno e di notte, e non c’è nemmeno bisogno di fargli fare il ruttino essendo il latte materno molto digeribile. Lui si rilassa, ciuccia, si addormenta e io sono più serena. Assolutamente favorevole all’allattamento da sdraiata!

Lascia un commento