Petite Fashion Week: bambini con sindrome di Down sfilano a Madrid

petite fashion week madrid 2

In occasione della Petite Fashion Week di Madrid, 14 bambini e bambine affetti da sindrome di Down hanno sfilato in passerella. Disinvolti e spensierati questi bimbi hanno fatto i modelli per un giorno. Il progetto è stato realizzato grazie alla Fondazione Garrigou che da anni è impegnata ad aiutare i giovani con disabilità a integrarsi nella società.                                   

Petite Fashion Week: il sorriso dei modelli con sindrome di Down

I bambini hanno sfilato felici nella passerella spagnola mostrando brand rinomati del panorama della moda per bambini. L’evento è stato patrocinato da El Corte Ingles, catena di grandi magazzini con sede a Madrid. È stato un modo per aumentare l’autostima di questi piccoli, per includerli in un evento cittadino di portata internazionale e per farli passare una giornata differente.

petite fashion week madrid

Sofia, la figlia della presidente della Fondazione Garrigou è stata una delle modella della Petite Fashion Week. Sofia ha 10 anni, è affetta da sindrome di Down e da quando aveva 6 anni partecipa a eventi di moda e pubblicità per raccontare che ogni bimbo con questa particolarità può avere una vita normale, come gli altri bambini della sua età.

Petite Fashion Week: un messaggio a tutti i genitori

Attraverso questo tipo di eventi si vuole dare un messaggio diretto alla società e anche a tutti genitori di bambini con sindrome di Down. “Prima si nascondevano, ma adesso è diverso. Ora è un orgoglio!” Questa parole di Patricia Giral, coordinatrice dei progetti della fondazione descrivono un cambio di mentalità che sta avvenendo negli ultimi anni. Questa particolarità li rende unici e differenti dagli altri e anche la moda sta iniziando a includerli nelle attività.

petite fashion week madrid 3

I bambini con sindrome di Down, anche questa volta, hanno fatto la loro parte mostrandosi con la loro dolcezza, spensieratezza e, soprattutto, senza paure come solo i bimbi sanno fare.

2 comments

Lascia un commento