Post parto: perché mio marito non mi capisce?

post parto mamma

Quando si parla di post parto, molti articoli che si trovano tranquillamente sul web si incentrano - ancora, e basta! - sulla donna, come se non avesse già abbastanza pesi da portarsi dietro. Fate una ricerca e leggeteli tutti: "10 consigli per non perdere tuo marito", "Come coinvolgerlo nella gestione del bambino", "Rimettersi in forma dopo il parto". Insomma, come la giri la giri, la colpa è sempre nostra.

Il delicato momento del post parto

"Perché mio marito non mi capisce?" Perché semplicemente è diverso. Perché è un uomo, perché non ha partorito, perché il suo corpo non è cambiato e nemmeno la sua vita è stata stravolta come la tua. Alt. Ci sono tantissimi mariti e compagni che entrano perfettamente nel ruolo di protettore del nido e che riescono ad aiutare la compagna nella gestione delle emozioni caotiche dovute al parto. Ma si tratta, ohimè, di una minoranza.

Se tuo marito ha capito tutto di te dopo il parto sei fortunata. Per molte però le cose non stanno così.

Depressione post parto, lui non la capisce

Non lo fa di proposito a non capire la tua tristezza inspiegabile, il tuo sentirti brutta, inadatta, stanca, fuori luogo. Non è programmato per comprendere queste smerigliature dell'animo femminile, e questa non è una colpa. A te fa male, ma se lo colpevolizzi è peggio.

Non devi però nemmeno sentirti tu in colpa, non devi fare le capriole per renderlo felice, ognuno deve impiegare le proprie energie verso un nuovo assetto e della persona e della coppia.

Fatevi aiutare per superare il post parto

La cosa migliore non è quella di perdere 10 kg in due settimane, di vestirti da pantera per riconquistarlo e di mettere il bambino da solo a dormire per fare sesso con lui, ché queste sembrano le armi vincenti per un buon rapporto di coppia.

Bene, non lo sono: è solo una mentalità maschilista che ti dice che devi dedicare tempo anche a lui (al limite lui deve dedicarlo a te!).

No, non devi, lo fai se te la senti, non per obbligo, il tuo compito è quello di dedicarti al bambino in primis, il resto si sistema con il tempo e col buonsenso.

Se lui da solo non riesce a capirlo o ad aiutarti a ritrovare una tua serenità, chiedete aiuto. Non trascuratevi.

30 comments

  1. Daniela Carannante 3 maggio, 2017 at 20:21 Rispondi

    La mia due mesi,stiamo già iniziando cn i denti,sn nera,dormo poco…oltre lei ho altri tre,faccio tutto io! Sn sfinita,lui arriva sn stanco,beata te che stai in casa senza fare nulla!!! Lo strozzerei

  2. Sonia Guerreschi 4 maggio, 2017 at 05:36 Rispondi

    Mio marito lavora e quando arriva a casa mi aiuta con la bimba più grande, e di notte se l’ultima arrivata non dorme e piange facciamo i turni un po’ X ciascuno X riposare … ci sono uomini e uomini , a parte il fatto che alla base di un rapporto ci deve essere rispetto e amore

  3. Teresa Capano 4 maggio, 2017 at 10:51 Rispondi

    Purtroppo non capiscono cosa significa stare dietro ad un figlio ed occuparsi della casa,senza considerare le notti in bianco,e quando non dormi bene stai sempre stanca. Tutto lo stress fisico e psicologico che subisce ogni giorno una mamma, per loro quasi non facciamo niente .invece loro dopo il lavoro tornano a casa quasi morti ed è riposo totale e magari pretendono pure la tranquillità,ma per quanto cerchi di farglielo capire non c’è niente da fare proprio non ci arrivano e giustamente una cosa la devi vivere per capirla e fin quando ci sono le mamme non lo capiranno mai.

  4. Emanuela Stuard 4 maggio, 2017 at 13:20 Rispondi

    Gli uomini sono tutti diversi.. Come noi donne. Per fortuna! Mio marito lavora e quando torna a casa è sempre disponibile e felice se può aiutarmi e stare con i suoi bimbi. A volte cede alla stanchezza prima di me… Non credo che loro possano capire tutto quello che ci succede quando nasce un bimbo, ma non tutti sono uguali e sì, esistono le coppie felici anche dopo la nascita dei figli.

  5. Cla Pregarosa 4 maggio, 2017 at 21:34 Rispondi

    Mio marito ha un rapporto speciale con la bimba che adesso ha 15 mesi. Nel primo periodo dopo la nascita della bambina mi è stato molto vicino. Noi non siamo cambiati nonostante i nuovi equilibri, ci ritagliamo dei momenti nostri sia separati che assieme e non ci diamo mai per scontati. Certo non è sempre tutto ‘rose e fiori’ ma se ci metti volontà e amore puoi superare ogni ostacolo. Stare assieme è una scelta quotidiana. Non sempre però funziona. Il rapporto di coppia è ‘l’investimento’ più rischioso che tu possa fare ma vale la pena provarci se ti innamori.

Lascia un commento