Sculacciare i bambini rovina la loro salute mentale

sculaccioni salute mentale

Un recente studio ha evidenziato che i bambini picchiati vanno male a scuola. Un'altra ricerca, condotta dall'Università del Michigan e pubblicata sulla rivista "Child abuse", ha dimostrato che sculacciare i bambini rovina la loro salute mentale, ed aumenta in loro la possibilità di diventare tossicodipendenti o alcolizzati una volta cresciuti.

Vietato sculacciare i bambini: ecco cosa dice la ricerca

I ricercatori dello studio, chiamato CDC-Kaiser ACE, hanno analizzato i dati di 8300 persone dai 19 ai 97 anni. Successivamente hanno monitorato gli effetti della salute a lungo termine dei bambini sculacciati, abbandonati, trascurati o sottoposti ad abusi. Alle persone è stato chiesto quante volte fossero stati sculacciati entro i 18 anni, se avessero subito minacce fisiche o verbali ed il background culturale della famiglia. Il 55% ha ammesso di essere stato sculacciato, con un'incidenza maggiore nei maschi, e questi soggetti sono risultati più esposti alla depressione e ad altri problemi mentali.

La violenza fisica e verbale non serve sui bambini

Alla luce di questa ricerca si può quindi concludere che la violenza fisica e verbale sui bambini serve a poco o nulla, se non a traumatizzarli e renderli meno sicuri. Bisogna trovare mezzi alternativi per comunicare con il bambino, facendo capire dove e perché ha sbagliato con toni fermi ma non aggressivi.

203 comments

  1. Elena Boh 3 novembre, 2017 at 19:03 Rispondi

    Quante cavolate.. ….non e mai morto nessuno per una sculacciata anzi magari i genitori di oggi fossero un Po più severi forse ci sarebbero meno figli degenerati….una volta bastava che il genitore alzasse un attimo la.voce per zittire immediatamente i figli…..oggi rischi che ti mandano a fare in culo o peggio ti fanno fuori per un no

    • Massi Mari 3 novembre, 2017 at 20:19 Rispondi

      La violenza chiama violenza rancore malumore e insegnamenti zero
      Ho imparato più da un no detto in modo fermo che da sculacciate a volte ingiuste perche non ero io la colpevole ed esagerate e se ancora ci penso provo astio per quei momenti
      Vedi tu … si vede che proprio bene non le hai prese e date come simbolo non servono ad educare
      Quindi tesi tu le conclusioni

    • Fausta Takumo Sardone 3 novembre, 2017 at 20:49 Rispondi

      Sono proprio le sculacciate che ci vogliono….ecco perke la generazione di oggi è arrogante maleducata pericolosa e tanto altro e soprattutto nn conosce assolutamente il valore della vita…..per una cavolata ci scappa il morto!!!!

    • Paola Emaldi 3 novembre, 2017 at 21:30 Rispondi

      Per me non centra nulla … Qua diventa tutta fortuna! Aver la fortuna che i propi figli crescano bene … Ma non spetta solo a noi! Noi diamo le basi … A parole, a sculaccioni… Con dolcezza, con rabbia .. Ce la mettiamo tutta ! Ma poi ? È tutta questione di CULO !!! Il mondo in cui viviamo, in cui stiamo crescendo i nostri figli non è più quello dive siamo cresciuti noi ! Ed io? Io che sono mamma di un bimbo di 6 anni … Incrocio le dita e prego tutte le sere…

    • Renata Pistritto 4 novembre, 2017 at 05:22 Rispondi

      Infatti si vede che razza di gente c’è in giro, ma non lo vedi come siamo tutti nevrotici, incattiviti e tendenzialmente egoisti? Ma davvero non li vedi i danni che ci sono in giro nelle generazioni di cui parli tu, compresa la nostra?!

    • Renata Pistritto 4 novembre, 2017 at 05:25 Rispondi

      Paola non è questione di culo, non serve incrociare le dita, serve essere prima di tutto un esempio, un ESEMPIO, devi essere tu la prima a migliorarti e se sarai corretta con i tuoi figli, con l’Esempio, loro cresceranno sani, il culo non c’entra, devi essere onesta (e qui do ad “onesta” un ampio sognificato, chi vuol capire capisca)

    • Giovanna Lupis 5 novembre, 2017 at 05:29 Rispondi

      Fausta Takumo Sardone quella generazione di cui anacronisticamente parli, le mazzate le ha prese. Ma perché non leggete gli articoli? Si parla dei bimbi di oggi; non dei ragazzi che guardacaso sono stati cresciuti proprio a mazzate e oggi vedi che accade

    • Der Waldgang 5 novembre, 2017 at 09:39 Rispondi

      Infatti suicidi e depressione sono piu frequenti oggi che ieri. Forse perche nel passato il figlio accettava il ruolo di subalterno al genitore, e quando faceva una cazzata pensava piu al dolore fisico che avrebbe subito, piuttosto che a quello psicologico. Nonostante questo, io ai miei figli non li tocchrei mai. Bisogna anche essere capaci a menare come ci menavano nel passato. 😃

    • Massi Mari 5 novembre, 2017 at 16:47 Rispondi

      Ma susate se sono ripetitiva : vi piacciono le mazzate ? Schiaffi , sculacciate ecc. siete delle represse per me …. io devo abbassarmi a picchiare mio figlio per farmi sentire ? Il fine è spaventarlo e basta
      Ma che educazione è questa ? Degli ignoranti di 50 anni fa ? Ripeto mio figlio mi ascolta solo con un tono severo diverso e già così piange ed è vivace certo che lo è anche io mio … semplicemente non lo ho abituato ad avere una mamma che gli urla in faccia e lo sculaccia per correggerlo, ma ha una madre amorevole e quando ci vuole severa e con lo sguardo grave e corrucciato : gli basta la diversità del mio essere in quel momento per fargli capire che sta facendo qualcosa di sbagliato o vedere solo la sua mamma diversa per risentirne ….
      Figuriamoci se gli alzo un dito addosso 😒
      E non perché sono fortunata, ma perché ho impostato io questa cosa da adulta con la focolta di capire che mi sto rapportando con un bimbo indifeso ( mio figli o no) e piccolo per comprendere tutto …..
      Io mi sento di dire a chi usa le mani o il terrorismo per farsi sentire , mamma e non : VERGOGNATI di usare il tuo essere più grosso per comandare e anche nel peggiore dei modi direi …. doevebtando e intimorendo
      E mi aspetto anche insulti da gente così
      Accomodatevi pure : il rispetto dei figli e degli altri si guadagna se si è persone miti e intelligenti no terra terra… quindi di essere insultate dalle mamme io ti faccio e io ti disfo non mi offende neanche!!!!

  2. Serena Lo Rizzo 3 novembre, 2017 at 19:21 Rispondi

    E quindi quando un figlio ti alza le mani ti disobbedisce e continua continuamente a non sentirti cosa dovremmo fare ??io ancora oggi ke sono mamma ho il rispetto dei miei genitori e nn mi permetterei mai di rispondergli Anke ke sono grande e di botte ne ho prese poche ma quelle poche me le ricordo bene oggi vedo bambini compreso il mio avere con i genitori rapporti di amicizia e non deve essere cosi e una generazione difficile e a qualcuno uno schiaffo come si deve nn farebbe male

  3. Serena Russo 3 novembre, 2017 at 19:21 Rispondi

    Infatti si vedono i risultati della moda del dialogo. Ragazzini maleducati che si sentono in diritto di fare e dire ciò che vogliono e genitori senza palle che si fanno mettere i piedi in testa. Ma per favore va….siamo cresciuti tutti a suon di sculacciate, non hanno mai fatto male a nessuno anzi…solo che bene!!!!! La violenza estrema porta violenza estrema…ma le sculacciate non sono da considerarsi tali.

  4. Sara Sighi 3 novembre, 2017 at 19:31 Rispondi

    Si sente spesso la frase “I bambini non sono adulti in miniatura” ed è vero. A un bimbo che fa i capricci (quei bimbi viziati per urlano per ogni cosa) non puoi metterti sempre lì a spiegare che non si può sempre avere tutto, che mamma e papà fanno sacrifici, che le cose bisogna anche guadagnarsele, ecc… Sono concetti giustissimi ma a un bimbo di 4 o 5 anni non interessano. Non li possono capire, o almeno non come li intendiamo noi. Ed è qui che quando ci vuole dovrebbe partire quel bel sculaccione di una volta perché se la mamma dice NO è NO. Quando sarà più grande capirà il perché di quel “no” e ti ringrazierà

  5. Vanessa Zamorano Zumbo 3 novembre, 2017 at 20:02 Rispondi

    Io nn sono d’accordo, ovvio non parliamo di maltrattamenti, ma una sculacciatina non ha mai ammazzato nessuno. Vogliano forse Lasciare invece che crescano figli padroni???. Io credo che l importante sia amarli ed educarli ai valori della vita e se scappa un rimprovero o una sculacciata non muore nessuni

  6. Ilaria Zangrilli 3 novembre, 2017 at 20:02 Rispondi

    Ma finiamola co ste scemenze!allora noi della nostra generazione seremo tutti depressi e tutti scemi!!!!io a mio figlio quando serve uno sculaccione glielo do e gli fa bene anzi a parer mio aiuta pure!magari ci fossero piu persone come me allora si che la generazione di oggi nn sarebbe allo sbando!

    • Ilaria Zangrilli 5 novembre, 2017 at 20:28 Rispondi

      Io mio figlio lo cresco come voglio e se glielo voglio dare uno sculaccione glielo do!di certo nn lo faccio crescere nella violenza per uno sculaccione che gli viene dato,e di certo mio figlio nn è ne scioccato e ne altro! Se uno pensa che il”vecchio metodo ” nn sia efficiente ti assicuro che quello attualmente usato con le punizioni ecc è ancora piu fallimentare,si vedono gia i risultati della societa di oggigiorno,ragazzi persi tra droghe alcool prkstituzione ed altro!ma finiamola proprio!io sono orgogliosa di come faccio la mamma e sono orgogliosa di come cresco mio figlio con dei sani principi e se un ceffone ci vuole glielo do e nn mi metto a fa la moralista del c…o di turno!

    • Daniele Iengo 6 novembre, 2017 at 15:01 Rispondi

      Lei è da denuncia! È un paese democratico e lei USA la violenza, che è fascista non democratica. I ragazzi persi, se lei non fosse una ignorante fascista, li troverebbe negli anni 70 e 80, erano giovani cresciuti col vecchio metodo (come lo chiama lei, io lo chiamo fascismo) e finiti nell’eroina. Se lei è orgogliosa di dare schiaffi ai suoi figli, invece di dare dei moralisti del cazzo agli altri pensi che tale condotta è perseguibile penalmente. Parole sue: se glielo voglio dare uno sculaccione glielo do = pensiero fascista! Fonte: esperienza personale di ragazzo MAI toccato dai genitori con oggi due figli che non conoscono violenza

    • Ilaria Zangrilli 6 novembre, 2017 at 17:43 Rispondi

      Sarei fascista perche una volta tantum quando mio figlio se lo merita gli do uno sculaccione???ma finiscila! Sarebbe violenza un ceffone???ma sai cosa è veramente la violenza?!mio figlio vive nell amore ed è cresciuto con sani principi,in una famiglia che prima di tutto mette lui!nn gli faccio mancare nulla,sia a livello di amore e sentimenti sia materialmente!mi scusi se glielo dico ma io ho il cuore pieno di amore per mio figlio nelle mie parole nn c è violenza e neanche nel mio comportamento glielo assicuro!io sono cresciuta da una famiglia dove se meritavo uno schiaffo lo prendevo raramente ma lo prendevo e sono cresciuta bene e nn sono ne una persona violenta e tantomeno una persona toccata per un ceffone preso da mio padre

  7. Lucia Pia Oriani 3 novembre, 2017 at 20:47 Rispondi

    Ogni volta che esce un articolo che mette in dubbio l’efficacia della sculacciata ecco che si leggono commenti che enfatizzano l’importanza di prendere a sberle i bambini. Il tutto perché tanti adulti di oggi le hanno prese: non mi sembra che abbondi tanta educazione nelle persone più grandi. Comunque, non credo di essere una persona migliore solo perché ho preso le sculacciate da piccola: ho imparato molto di più attraverso discorsi e confronti con argomentazioni di buon senso.

    • Giorgio Della Mora 4 novembre, 2017 at 16:10 Rispondi

      Scusi l’intervento ma secondo me come gli adulti non sono tutti uguali, non lo sono nemmeno i bambini.
      Sfogare la propria rabbia è l’errore più grande, ma usare la sculacciata in alcuni casi ha una valenza maggiore di qualsiasi argomento o gioco di parole per convincere, faccio un’esempio pratico: da più piccola mia figlia minore certe sere faceva fatica a prendere sonno e continuava a piangere senza motivo, poiché non c’erano bisogni di alcun tipo, ne fisico ne affettivo, e solo dopo parecchio tempo di pianto con prove di tutti i tipi andate male, dopo arrivata una o due sculacciate a piena chiappa, nemmeno il tempo di uscire dalla cameretta che dormiva come un sasso.
      Non è servito fare questo tante volte, anzi, ma nel caso particolare sembra che sia lo stesso bambino a chiamare la sculacciata, che ripeto, non deve essere violenza e scarico delle frustrazioni ricevute durante il giorno dalle normali insoddisfazioni della vita, quindi dico che passa molta differenza tra la sculacciata propedeutica e le percosse.
      Saluti

    • Lucia Pia Oriani 4 novembre, 2017 at 16:59 Rispondi

      Giorgio Della Mora proviamo a invertire il suo ragionamento: ci sono adulti petulanti e insistenti, chissà se con una bella sculacciata si starebbero zitti, pur di non prendere il resto. Bisognerebbe pur provare, dopo tutti i tipi di prove andate a male. Però mi sembra che non si possa picchiare gli adulti, vero? Invece i bambini si, perché sono loro che chiedono di essere picchiati. Penso che quando sculacciamo i nostri figli, abbiamo scelto la via più sbrigativa e violenza. Questa è la mia opinione. Saluti.

    • Giorgio Della Mora 4 novembre, 2017 at 17:45 Rispondi

      I bambini al contrario di noi agiscono molto d’istinto, ma se vuole dare la sua inerpretazione facendomi passare davanti a tutti gli assolutisti come lei per violento faccia pure, ovvio che dalla vostra ci sono ancora molte persone.

    • Lucia Pia Oriani 4 novembre, 2017 at 18:04 Rispondi

      Giorgio Della Mora in realtà siete molto più numerosi voi che seguite il modello educativo ricevuto, senza metterlo in discussione ; a me sembra che per molti ammettere che dare le sculacciate ai bimbi sia sbagliato significhi giudicare negativamente i propri genitori che invece lo facevano; ma non è così. Anche io ho avuto le sculacciate da piccola, ma non ne ho un bel ricordo educativo e non credo di essermele meritate; ma penso di aver avuto due genitori meravigliosi che hanno fatto del loro meglio, come io oggi spero e credo di fare per mio figlio. Non sono io l’assolutista ma chi non vuol nemmeno sentire che ci può essere un valido modello educativo che non contempli schiaffi e sculacciate.

    • Giorgio Della Mora 4 novembre, 2017 at 18:58 Rispondi

      Lo schiaffo lo vedo una cosa molto diversa dalla sculacciata, perché uno è più doloroso, due è molto più umiliante.
      E ripeto, dipende molto da modi e tempi, sono quelli che fanno la differenza tra metodo educativo( per opinabila che sia) e violenza.
      Poi il fatto che sia ormai passato molto tempo da quando ho usato il suddetto metodo, e credo anche che non serva più usarlo perché le mie figlie hanno più di 5 anni, non mi faccia cambiare idea, ciò non toglie che rispetti anche la sua.

  8. Giovanna Moras 3 novembre, 2017 at 21:08 Rispondi

    Una sculacciata non ha mai ucciso nessuno!!!! I genitori devono essere genitori!!! Bisogna dare rispetto ed esigere rispetto, se questo manca una sana sculacciata!!!! Naturalmente senza esagerare…

  9. Luisa Porcelli 3 novembre, 2017 at 21:19 Rispondi

    mazza e panella fanno i figli belli…!!!anni addietro,in quasi tt le famiglie italiane,soprattutto in qlle del sud volavano ciabatte in legno tipo Dottor Schulz,anke quelle di plastica bella tosta,cucchiai in legno e batti materasso… eppure siamo venuti su bene lo stesso… anzi,ora invece dico qllo ke si dice dalle mie parti quando incontriamo ragazzini maleducati e bimbi viziati: i mazzèt pecch sond…!!!!traduzione: i pochi ceffoni sono…(a renderli maleducati e viziati…)

    • Vale Lara 5 novembre, 2017 at 20:13 Rispondi

      Ahaha fai ridere eh… scommetto ke tu non hai mai dato una sculacciata a tuo figlio o figlia sempre se ne hai… tu avrai la pazienza infinita e kmq io non ho detto di sculacciare ogni volta che sbaglia fatti un giro dall oculista che ne hao bisogno

  10. Noa 4 novembre, 2017 at 00:39 Rispondi

    Quindi se mio figlio non ascolta.. la prima la seconda..e alla terza parte una botta nel sere con tanto di pannolino nel mezzo… per voi e violenza con risultati traumatici nella crescita??

  11. Aurora Garofalo 4 novembre, 2017 at 01:35 Rispondi

    La generazione di oggi è figlia di quella di ieri, cresciuta a sculacciate e schiaffoni!!! Fateveli 2 conti!!! Se invece di alzare le mani imparassimo che fare i genitori non è solo dare alla luce, nutrire un bambino e dargli una casa…! Fare il genitore è cambiare, anzi stravolgere tutta la tua vita, è diventare un modello di vita per tuo figlio, è mettere le sue esigenze davanti alle tue, è calarsi nei suoi panni e capire perché,come si sente, il motivo per cui si comporta così…. e tanto altro ancora..!!!allora avremo figli che non hanno bisogno di sculacciate!! Fatevele dare voi dai vostri mariti e dalle vostre mogli le sculacciate, gli schiaffoni, gli insulti, quando sbagliate, poi vedremo come vi sentite, e soprattutto se avrete ancora stima di quella persona!! Bisogna cambiare mentalità per crescere bene questi bambini, domani saranno gli adulti di questo mondo, e un bambino cresciuto nella paura, negli schiaffoni e quant’altro non potrà essere nient’altro che un debole, che per sentirsi forte avrà bisogno di essere un “bullo”!!!!

  12. Ale Aguanno 4 novembre, 2017 at 06:21 Rispondi

    Non c’entra la violenza…..ma quando una bella sculacciata ci vuole ci vuole a tutto deve esserci un limite…sia nell’arrabbiarsi con i bambini sia al buonismo inutile che li fa crescere invece viziati e prepotenti!…..

  13. Marlene Marzicola 4 novembre, 2017 at 07:40 Rispondi

    Caxxxte! Le sculacciate servono ! “Una sculacciata” data per giusta causa non e violenza ! Una sculacciata dopo varie richieste , o tentativi di dialogo e spiegazioni, non e violenza ! I bambini smettono per paura ?!? Bene ! Bisogna insegnargli anche questo ! Che a volte “serve aver paura” ….per smettere …..
    Meglio un figlio che non fa le cose per paura che mamma o papà si arrabbino piuttosto di uno che se ne frega e va senza limiti !
    Io parlo molto con mia figlia …. le spiato sempre i miei NO , i miei BASTA, i miei DEVI …. e NON DEVI . Lei è una ribelle … mi sfida ….. quando arriva la sculacciata …. e sempre seguita da un rinforzo verbale “ ora ti spiego perché ti sei presa la sculacciata “ !
    Mamme mie …. io non mi sento in colpa per niente …
    Anzi ……il vero problema delle nuove generazioni e che non riconoscono più autorità nei genitori !

  14. Di Benedetto Daniele 4 novembre, 2017 at 08:00 Rispondi

    Faranno uno studio sui figli che rispondono ai genitori, sui figli maleducati, sui figli che uccidono i genitori… figli che non hanno mai avuto una sculacciata. Ad ogni modo ho ricordi stupendi ❤️ di mia nonna che mi rincorreva casa casa con la paletta di legno che poi ad un tratto faceva..crack dietro la schiena.. certo, quando la vedevo rotta erano soddisfazioni per me.. 😂 ma oggi non rincorro nessuno con le mazze da baseball, non faccio bullismo e non ho ucciso i miei genitori. Vabbè ad ogni modo questa società è alla rovina… poche sculacciate

  15. Samantha Masarà 4 novembre, 2017 at 08:01 Rispondi

    Non dico di essere cresciuta a suon di schiaffoni, ma qualche sculacciata e scapellotto l’ho preso anch’io da piccola, per non parlare delle urla di mia madre, ma sn cresciuta sana mentalmente!! Io evito di alzare le mani, ma una volta su 50, quando la goccia fa traboccare il vaso, una sculacciata, di numero, scappa…

  16. Francesca Vaccaro 4 novembre, 2017 at 08:03 Rispondi

    II sn d’accordo su la scullacciata xche ti parte d’istinto quando fanno qualcosa di grave … però avendo una bimba di 5anni e uno di quasi 3 posso assicurarvi che con la grande ottengo tantissimo con le punizioni molto più della scullacciata 😂😂😂😂forse quando sono più piccini può andar Bn ma poi le punizioni colpiscono di più

  17. Francheska Vaweka 4 novembre, 2017 at 08:08 Rispondi

    Ed allora io con tutte quelle che ho preso sarei in un manicomio proprio oppure chissà una specie degenerata…
    Ma di quali danni psyico stanno parlando…?! Ma fattela finire con queste cavolate che di sicuro ai nostri figli sarebbe più dannose sé li capitasse di cascare su questi generi di articoli purtroppo… … …

  18. Giacomo Battaglia 4 novembre, 2017 at 08:13 Rispondi

    Maria Di Blasio FB ci sta rincoglionendo l’ultima generazione con ancora un briciolo di rispetto ed educazione è quella dei millennio ossia anni 80/90 che ne ha prese tante, quindi fatevi un esame di coscienza e cercate di esser più pragmatici e realisti guardando cosa sia la società di oggi.

  19. Tonia Elia 4 novembre, 2017 at 08:16 Rispondi

    Ma per favore ! Stiamo tirando su una generazione di viziati che con la scusa del trauma che possono subire il trauma lo faranno venire a noi genitori una volta che diventeranno adulti.

  20. Eugenia Eugenia 4 novembre, 2017 at 09:40 Rispondi

    Non servono a niente .bisogna saper parlare e basta .pensate a tutte le cazzate che fanno i grandi , ci dovrebbe essere qualcuno che ci prende a pugni sempre .I bimbi non si possono difendere e e giusto che sbagliano per imparare .io o un bimbo di 5 anni .mai mai alzato un Ditto .gli parlo e se non serve lo metto in castigo .. se si arriva ad alzare le mani e perché no si sa parlare con i bimbi e si parte la pazienza ….ma loro non possono difendersi .I .bambini Non Sì toccano !!!!

  21. Shada Spagni 4 novembre, 2017 at 11:45 Rispondi

    Allora non sono l’unica mamma “cattiva” 😂.. questo mi incoraggia. Io mi sento dire che sono troppo ( non in fatto di sculacciate etc) ma per la severità. La più grande ha due anni e mezzo eppure sa mettersi a posto i suoi giochi , mangia da sola senza rivoluzionare mezza casa , sa che le cose finite es un succo , un pacco di patatine etc finito , ma nel pattume e non in giro. Sarò anche esagerata ma se l’albero non si addrizza da piccolo non si addrizza più. Io somo del parere che le sculacciate servono eccome!

  22. Lorena Basy 4 novembre, 2017 at 15:17 Rispondi

    Cerco persone da inserire nel mio bellissimo gruppo di lavoro Yves Rocher.
    Studentesse, studenti, mamme, papà, casalinghe/i, lavoratrici e lavoratori o persone senza lavoro che cercano un piccolo guadagno extra lavorando da casa.
    Nessun investimento, nè obbligo di ordini, non si anticipano soldi e si guadagna da subito… poco o tanto dipende da te!
    Inviami un messaggio e ti darò tutte le info necessarie😊

  23. Marika Iannaccone 4 novembre, 2017 at 16:32 Rispondi

    Comunque leggete bene..sculacciati ma che vivono o hanno vissuto in ambienti poco sereni..con abusi..mazz e panell fann i figl bell..panell senza mazz fanno i figl pazz..questo si dice in terronia e funziona ancora 😬

  24. Cinzia Ponticelli 5 novembre, 2017 at 01:27 Rispondi

    Giovanna… io sono sconcertata… aiutami tu!! mi piacerebbe chiedere a molte di queste mamme quante di loro provano ansia o soffrono di stati depressivi o hanno attacchi di panico… Che nessuno muoia per una sculacciata è così banale che non c’è bisogno di specificarlo… ma vi inviterei a fare un giro nello studio mio e di colleghi psicoterapeuti per avere idea dei danni provocati dalle “mazzate che non hanno mai ucciso nessuno”.

    • Giovanna Lupis 5 novembre, 2017 at 05:24 Rispondi

      Fiato sprecato. Queste donne si meritano ciò che ricevono; pacche sul sedere dai datori di lavoro, uomini che le menano , soprusi e umiliazioni quotidiane varie. Tutto ciò che accade è figlio di quelle generazioni che “una sculacciata non ammazza nessuno”. Certo. Però costruisce adulti incapaci di interagire col prossimo in modo equilibrato. Non ci arrivano. Cinzia io non commento nemmeno più , sono pure anacronistiche, quando parlano delle nuove generazioni, che guarda caso sono proprio quelle sculacciate illo tempore. Fiato sprecato.

  25. Angela Pirola 5 novembre, 2017 at 09:28 Rispondi

    secondo un educatrice molto brava(vedo i risultati) battere con garbo i bambini sul sedere li calma. Se lo si fa con questo scopo ,quello di calmarli quando fanno capricci da stanchezza può fare bene. Se invece li picchi con rabbia perché ti hanno esaurito allora è dannoso e diventeranno a loro volta aggressivi. Mai dare schiaffi sul viso.

  26. Daniele Iengo 5 novembre, 2017 at 16:59 Rispondi

    ho letto un pò di commenti e sembra che tutti abbiano preso ceffoni. di conseguenza quelli che li hanno presi li danno ai propri figli. la giustificazione è che una sculacciata non ha mai ammazzato nessuno e che chi le ha prese è educato e rispettoso. quindi tutte le teste di cazzo che si incontrano nel quotidiano (da quello che ti supera a destra a quello che parcheggia in mezzo alla strada, da quello che prova a saltare la fila alla cassa a quell’altro che ti risponde male all’ufficio postale, per finire a quello che guarda la donna incinta invece di cederle il posto sul bus o magari a quello che fa cacare il cane per terra e se glielo fai notare ti manda a fanculo) sono così stronze e incivili perchè i genitori non hanno alzato abbastanza le mani? quindi il mio io più profondo, che vorrebbe schiaffeggiare le suddette teste di cazzo, dovrebbe essere libero di insegnare l’educazione a suon di mazzate? IGNORANTI DEL CAZZO LI MORTACCI VOSTRI

  27. Massi Mari 5 novembre, 2017 at 20:00 Rispondi

    Leggete le riflessioni nei loro post e imparate che anche le parole figuriamoci altro possono umiliare ferire e rovinare la stima di esserini cosi fragili e indifesi che vivono per l’amore dei genitori e se fanno marachelle sappiateli correggere con l’amore … solo con quello è non nascondete gli schiaffi dietro : lo faccio per il suo bene … ipocrisia allo stato puro

  28. Alessia Turrisi 5 novembre, 2017 at 20:28 Rispondi

    I danni sulle persone che da adulte e ancor peggio da genitori oggi pensano DAVVERO che punire (ANCOR PEGGIO FISICAMENTE ) qualcuno che ha solo la “colpa” di essere un bambino, indifeso e dipendente… é la dimostrazione che qualcosa é andato storto. Ho compassione per I bambini e ancor più per i genitori. Bisogna chiamare le cose con il loro nome… pontificare meno, armarsi di pazienza e amarli… solo amarli. Leggete Alice Miller e riflettete!

Lascia un commento