Starbucks dona ai poveri il cibo fresco avanzato

starbucks

Il paradosso della nostra società opulenta e consumistica è che da una parte esiste una fetta consistente di indigenti che non hanno cibo a sufficienza e dall'altra ci sono strutture di ristorazione che producono un’enorme quantità di avanzi destinati a essere smaltiti come rifiuti.  

Starbucks, la famosa catena statunitense di caffetterie che conta 7.600 punti vendita e dove è possibile anche consumare deliziosi dessert e prodotti di pasticceria, ha deciso di dare il proprio contributo nella lotta agli sprechi, destinando tutto il surplus di cibo fresco e quello in scadenza alle mense per i poveri e alle associazioni caritatevoli.  

5 milioni di famiglie non soffriranno più la fame

L’apprezzabile gesto di civiltà di Starbucks, che ha seguito l’esempio della catena di supermercati Tesco, è nato grazie a un accordo sottoscritto con le onlus Feeding America e Food Donation Connection.

Basti pensare che nel giro di un anno questa iniziativa consentirà a 5 milioni di famiglie americane bisognose almeno un pasto al giorno.

L’emergenza alimentare negli States, lo ricordiamo, coinvolge ben 50 milioni di cittadini. 

Lascia un commento