VBAC, il riscatto del sorriso sulla pancia

379591_353285311445100_1533024716_n

Il più grande desiderio di una buona parte di donne che hanno subito un taglio cesareo è quello di partorire naturalmente.

In termini tecnici questa pratica si chiama vaginal birth after caesarean, molto più semplicemente VBAC.

Ma perché le donne che hanno partorito con taglio cesareo hanno questa voglia di parto naturale? Chi non vive quella sensazione di parto"incompleto" non può spiegarselo.

Infatti, se non è programmato, il taglio cesareo è per molte donne un trauma, uno shock fisico ed emotivo che si aggiunge alla già delicata situazione post partum, soprattutto se prima dell’intervento si è passate per alcune ore di travaglio.

Chi subisce un cesareo lo vive con un senso di incompiutezza, un forte disagio psicologico per non aver portato a termine la propria gravidanza con un parto naturale. Inutile ragionare con la logica perché la logica, in questi ambiti con una valenza emotiva tanto forte, non trova spazio. Perfino la donna più razionale in una simile occasione potrebbe avvertire questa sensazione di vuoto incolmabile. Non ci si sente all'altezza del grande compito della maternità, spesso ci si sente inadeguate alla situazione e le domande sull'effettiva necessità dell'intervento si fanno pressanti nella propria testa.

A causa del post intervento il corretto avvio dell'allattamento si complica.

Molte donne che hanno subito un cesareo non riescono ad allattare e cedono il passo al latte artificiale. Quel legame speciale che si crea alla nascita tra madre e figlio, potrebbe non aver modo di verificarsi perché il bambino viene portato alla madre alcune ore dopo l'intervento.

Per tutti questi motivi la possibilità di partorire in modo naturale, in una successiva gravidanza, viene percepito come una sorta di catarsi, un riscatto nei confronti della maternità e dell'essere donna.

Purtroppo sono ancora troppo pochi gli ospedali che consentono di avere un VBAC e molte donne sono costrette a partorire a chilometri dalla propria casa, ma la soddisfazione di vivere la propria chance di partorire in modo naturale appaga ogni sacrificio.

Lascia un commento