"Una mamma surrogata mi ha fatto dono della maternità"

sonia-cellini-maternit-surrogata

Si è parlato molto in questi mesi di maternità surrogata, e oggi vi raccontiamo la storia di Sonia, prima mamma italiana ad aver raccontato il ricorso a questa pratica.

Sonia molti anni fa ha subito un intervento che l’ha lasciata senza utero e ovaie, mettendo fine alla possibilità di diventare mamma in maniera naturale. Insieme al marito ha tentato di percorrere la via dell’adozione, ma per raggiunti limiti di età del futuro papà, essa si è dimostrata impossibile.

"Io madre grazie al prezioso aiuto di una mamma surrogata"

Allora al Corriere della Sera Sonia narra di come, su suggerimento della sorella, abbia cercato la soluzione della mamma surrogata. Si è rivolta quindi a una donna ucraina, che di lavoro fa proprio la mamma surrogata. Sembra assurdo a noi italiani, e invece in questo paese è assolutamente legale.

La madre surrogata aveva già una bambina, e aveva scelto questa “attività” per garantirle un futuro. Al momento del parto Sonia era vicina alla madre surrogata, e ha deciso poi insieme al marito Moreno, di raccontare la verità sul loro caso. Se ne sono interessati i Carabinieri, e questo ha portato ad un lungo processo, che si è chiuso nel 2015 con un nulla di fatto.

Ora anche per la legge italiana Sonia e Moreno sono i genitori dei due bambini nati dalla madre surrogata.

Voi cosa ne pensate? Avreste agito allo stesso modo?

Please follow and like us:
error

34 comments

  1. Giulia Coszach 29 Giugno, 2016 at 10:57 Rispondi

    Non condivido assolutamente! Squallida la mamma Ucraina ed egoista la mamma italiana (mi dispiace per la sua operazione ma se anche l adozione non è andata in porto avrebbe dovuto rassegnarsi)! I bambini non si comprano!!!!!!!!!!!!

    • Vanessa Vicinanza 29 Giugno, 2016 at 14:05 Rispondi

      Ciao anche io non sono del tutto favorevole all’utero in affitto però noi parliamo così perché il problema non ci tocca. Credo che se una donna ha provato tutto e neanche l’adozione è andata a buon fine nn ci trovo nulla di male, ricordati che sarà sicuramente un ottima madre perché lo ha desiderato più di un genitore normale

    • Lucia Sferrago 29 Giugno, 2016 at 18:05 Rispondi

      Non è un diritto scritto nella natura avere un figlio solo perchè si desidera! Tante cose si desiderano e non si possono avere! Fa parte della vita, non c’è niente che ci è dovuto!

    • Vanessa Vicinanza 30 Giugno, 2016 at 08:16 Rispondi

      Io si. E non capisco perché parlano in questo modo. Si è bravi a parlare a predicare quando non si è in prima persona. Io ho avuto in famiglia una zia che ha avuto un cancro alle ovaie e le ho letto negli occhi il desiderio di un figlio ma purtroppo non ha potuto neanche scegliere adozione o altro perché non c’è la fatta. Non è ingiusto questo? Perciò per me non bisogna colpevolizzare questa donna. Ovviamente io non è una scelta che farei personalmente ne esser utero in affitto ne affidarmi a qualcuno perché porta in grembo mio figlio

  2. Gaia Siddiolo 29 Giugno, 2016 at 10:59 Rispondi

    Io non venderei mai il mio utero né lo affitterei … Sono incinta e non potrei mai pensare di dare via per soldi oltretutto la bambina che portò dentro… Posso capire anche se non condivido la disperazione del volere un figlio e non riuscirci … Ma di venderlo e comprarlo assolutamente no !

  3. Ottavia Bartolacci 29 Giugno, 2016 at 11:04 Rispondi

    Non vedo cosa c’è di male … Sono felice che questa donna dopo mille sofferenze sia potuta diventare madre. Non lo vedrei proprio come “comprare bambini” ma lo paragonerei al fare tutto quello che è nelle proprie possibilità per riuscire a vincere una malattia. Chi di noi non lo farebbe?

    • Ottavia Bartolacci 29 Giugno, 2016 at 12:02 Rispondi

      Credo che la disperazione, la sofferenza e la sensazione di impotenza siano le stesse e non ci trovo nulla di male nel tentare qualsiasi soluzione. Per fortuna sono mamma ma non me l sento di giudicare chi ha tentato anche questa strada … Se le cose non si vivono è facile giudicare.

    • Giulia Coszach 29 Giugno, 2016 at 17:47 Rispondi

      Proprio perché sei mamma dovresti capire che c è un limite! Scusa ma dopo aver vissuto una gravidanza, tu appena partorito daresti tuo figlio ad una donna per soldi?!?! Sono allibita

    • Ottavia Bartolacci 29 Giugno, 2016 at 18:58 Rispondi

      Io no ma evidentemente qualcuna ci riesce … Allora se ciò può rendere felice una famiglia perché negarlo? Tra l’altro penso che prima di arrivare a questo in Italia si dovrebbero facilitare le adozioni e renderle meno onerose … Ma questo è un altro discorso … 😉

    • Claudia Ferrarini 30 Giugno, 2016 at 13:29 Rispondi

      Sempre a giudicare! Io per mia sorella l avrei fatto! Poi pare che da qui a farlo per soldi cambi tutto. Se non ne avessi piuttosto che diventare prostituta o vendere un rene sarebbe una valida alternativa. Ma fate pure giudici e giuria voi che non sapete nemmeno cosa vuol dire ‘Provare’a mettersi nei panni degli altri! Vi piace vincere facile!

    • giovanna 23 Agosto, 2016 at 10:32 Rispondi

      Quali sarebbero le strade più nobili??? parlate cosi perché non vi tocca da vicino , io 1 anno fa sono stata operata di carcinoma all’utero , sono a favore dell’utero in affitto e spero che un giorno sia possibile anche qui in Italia ( facciamo ridere tanto ) almeno 1 volta si farebbe una cosa buona .
      L’adozione ha più o meno lo stesso costo ed e’ difficilissima .
      Sapete quanti bambini sono venuti al mondo grazie all’utero in affitto???? informatevi

  4. Carla Olla 29 Giugno, 2016 at 15:20 Rispondi

    Stiamo arrivando alla follia più totale.. capisco il dolore di una donna che nn Riesce ad avere figli ma non si può strappare una vita dalla mamma naturale .. per nostro egoismo nn immaginiamo neanche il dolore che un bambino possa provare dopo che x nove mesi e stato dentro quella pancia, dopo che x 9 mesi si è nutrito grazie alla madre e dopo che x 9 mesi il suo cuore ha battuto insieme a quello della mamma .. pensiamo che per un cucciolo di animale lo svezzamento deve avvenire dopo 3 mesi.. e un essere Umano? Ma di cosa stiamo parlando.. Mi sono rotta le palle di queste storie infelici.. si può anche provare con l adozione ( anche se difficile) e poi molte donne adesso prima si divertono , pensano alla carriera e poi quando va bene a loro decidono di fare figli.. ma Vaff…… !

  5. Maria Carlotta Rolando 30 Giugno, 2016 at 09:14 Rispondi

    Per ha fatto bene! Io non farei mai un bimbi x conto di un’altra ma non ci vedo nulla di male facile parlare forse che solo a qurdare il marito rimangono in cinta io dono una di quelle ma proviamo a metterci anche dall’altra parte!

  6. Laura Valoti 30 Giugno, 2016 at 10:41 Rispondi

    Da donna incinta ritengo abominevole dare via il mio piccolo appena partorito. Ma la donna cretina deve essere sicuramente una persona senza mezzi economici. alla signora italiana che ha preteso i figli, ricordo che essere madre non è un diritto assoluto e imprescindibile solo per il fatto di essere donna. Se la natura ha deciso così bisogna accettare il fatto che non si diventerà madri. Stesso discorso vale per suo marito. Se l’adozione non è stata possibile per sopraggiunti limiti di età, suppongo che i signori ci abbiano anche pensato in ritardo al fatto di diventare genitori. Squallidi…

  7. Deborah Marrocco 30 Giugno, 2016 at 15:03 Rispondi

    Qui si parla di qualcosa che per me è inconcepibile per principio…che qualcuna possa partorire al mio posto…dopo nove mesi di fatiche e simbiosi ,perché a raccontarcela tutta le gravidanze serene senza problemi ce ne sono poche, un’altra donna mette al mondo un figlio che biologicamente non è tuo e il quale a sua volta sicuramente un giorno vorrà conoscere la madre biologica…..insomma si paventa una sofferenza ancora più grande di quella di non averne di figli…non lo avrei potuto mai fare….di fatto è una mercificazione di un utero…umanamente posso capire il desiderio viscerale ma il modo di volerlo soddisfare mi sembra davvero disumano…scusate il giro di parole

  8. Ilaria Liut 30 Giugno, 2016 at 20:07 Rispondi

    Certe cose se non si provano sulla pelle non si possono capire. Tutte quelle che dicono “assurdo” , “abominevole” ecc credo siano tutte madri (se lo sono) che non hanno avuto grossi problemi ad avere i propri figli…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.