Mamme di oggi: tre imprenditrici contro la discriminazione

discriminazione-family-blog

Parlare di discriminazione di genere nel 2016 fa alquanto rabbrividire.

Eppure, non si può fingere di non vedere il triste fenomeno che mette le donne con le spalle al muro di fronte alla scelta bivio della loro vita: carriera o famiglia?

Mamme o lavoratrici: ma perché si deve scegliere?

Oggi, forse ancora più che nel passato, per le donne il sogno di essere mamme felici e lavoratrici gratificate sembra sfumare: sempre più aziende escludono senza scrupoli le donne ritornate da una maternità costringendole, in modo più o meno diretto, ad abbandonare la poltrona cedendola a chi ha meno vincoli familiari.

Che fare dunque?

Per fortuna, è questa è una notizia molto positiva, le donne - e soprattutto quelle italiane – non si arrendono facilmente.

Sempre più ex donne in carriera, magari affermate manager o dirigenti, di fronte al crollo della loro carriera aziendale non si scoraggiano e si rimboccano le maniche per rimettersi in pista e costruirsi con le proprie forze un futuro lavorativo autonomo e imprenditoriale basato su nuove prospettive.

Autonomia, flessibilità e smartness sono le parole chiave delle nuove avventure femminili, le cui start-up sono ormai più di un milione e contano per il 20% del totale.

"Family welcome": quando essere mamma aguzza l'ingegno

È il caso di un terzetto tutto al femminile, composto da Priscilla, Francesca Lucia e Teresa: tre ex manager, diventate tre mamme, e improvvisamente disoccupate.

L’idea viene a Priscilla: considerate tutte le difficoltà che i genitori hanno nel girare l’Italia con i bambini, perché non creare una mappa delle grandi metropoli in chiave baby-friendly?

Nasce così il blog "Family welcome" inizialmente con focus su Roma e progressivamente esteso ad altre grandi città come Madrid, Barcellona e Milano.

Il progetto prende forma e acquisisce followers, arrivando ad avere in circa 3 anni quasi 2 milioni di contatti.

Francesca e Lucia Teresa, insieme a tante altre mamme ex-manager, si accodano in corsa all'ambizioso progetto, con l’obiettivo di farlo crescere ancora e portarlo verso un successo sempre più eclatante.

Il futuro? Sicuramente più roseo, sereno e rilassato. Brave mamme!

1 comment

  1. Marilena Zappalà 19 aprile, 2016 at 10:50 Rispondi

    Bravissime queste mamme, ma se ci pensate è abbastanza avvilente che le donne dopo essere diventate mamme debbano “riciclarsi” quasi sempre con ruoli che abbiano a che fare con la maternità, la famiglia e i bambini, anche trattandosi di imprenditoria. Come se per il resto le mamme abbiano le porte sbarrate ovunque!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.