Combattere il raffreddore con i rimedi della nonna: i suffumigi

Le piogge di questi giorni, i primi freddi e l’umidità dell’aria sono ottimi alleati per i primi starnuti, nasi tappati e voci baritonali: in una parola, l’atteso raffreddore.

Fra supermercati, farmacie e parafarmacie c’è solo l’imbarazzo della scelta di prodotti per uscire dal “tunnel” di una testa pesante e ovattata.

Saranno anche efficaci, ma non propriamente biologici; per questo, oggi, rivediamo insieme un classico rimedio della nonna che avrà il vantaggio di essere sempre facile e veloce da preparare, in qualsiasi momento ne abbiamo bisogno: il suffumigio.

Cosa occorre? Nulla di più di quello che abbiamo già in casa: una pentola, un litro d’acqua, del bicarbonato o dell’olio di eucalipto e un asciugamano di spugna.

Portata a ebollizione l’acqua, sciogliere il bicarbonato (due cucchiai) oppure l’olio di eucalipto (bastano alcune goccie); ora, posizionarsi proprio sopra la pentola calda e coprirsi le spalle con un asciugamano.

E se in casa scarseggia sia il bicarbonato che l’olio di eucalipto, nessun problema: ripiegate sul sale grosso e ne trarrete comunque beneficio.

Tempo dieci minuti e le vie respiratorie già vi ringrazieranno.

Si tratta di un rimedio perfetto per un malessere leggero e passeggero, come il raffreddore; una volta guarite, non dimentichiamo di prestare un po’ di attenzione alla prevenzione: una bella spremuta di arancia ci donerà la giusta dose di vitamina C di cui abbiamo bisogno, insieme a una ricca e assortita varietà di frutta e verdura.

Non sottovalutiamo l’importanza dell’idratazione, non solo bevendo molta acqua, ma anche tisane e minestroni.

Infine, non esageriamo con il surriscaldamento dell’appartamento e azioniamo l’umidificatore: qualche semplice accorgimento per la felicità del nostro sistema respiratorio.

 

Lascia un commento