Una mamma mostra su Facebook la cicatrice del suo parto cesareo

I social possono raccontare molti aspetti della vita quotidiana di una persona. Sempre più spesso gli utenti trovano piena libertà nell'esprimere le loro emozioni. È capitato anche a una mamma del Missouri che con il suo post su Facebook ha voluto smorzare i falsi miti sul parto cesareo.

Raye Lee dopo aver dato alla luce il piccolo Roxas ha reso pubbliche delle foto per mostrare la sua cicatrice post parto. Per salvare suo figlio dopo 38 ore di travaglio ha dovuto affrontare un parto cesareo perché il battito del cuore del nascituro si era fermato.

mamma-taglio-cesareo

La cicatrice di un cesareo come simbolo d’amore

La foto mostra una cicatrice che racconta il dolore del suo parto. La scelta di pubblicarla è stata una provocazione a tutti quei commenti delle donne che pensano che un cesareo sia la scelta più facile da seguire.

"Quando quella prima infermiera ti dice di provare a scendere dal letto, il tuo corpo tagliato a pezzi e poi ricucito fa male, vi siete resi conto dell'ironia che usate nel dire che il cesareo sia la via più facile. Quindi andate a farvi fottere e riandate a farvi fottere, dovete rendervi conto di quello che ho fatto. Sono la donna più forte, che io sappia. Non solo per me stessa ma anche per il mio bellissimo figlio...vorrei andare avanti e vivere ogni singolo momento per essere sicura di vedere la sua faccina sorridente".

Lo sfogo su Facebook di Raye Lee ha ricevuto 14.000 like, un “successo” che la neomamma non si aspettava.

«Sono così felice – scrive Lee - che le persone stanno raggiungendo la consapevolezza che non tutte le mamme possono partorire naturalmente

22 comments

  1. Accolla Ivana 29 agosto, 2016 at 15:34 Rispondi

    Ammiro il coraggio di questa mamma molte non abbiamo scelto un cesareo ma lo abbiamo affrontato come soluzione definitiva per la vita dei nostri piccoli e sicuramente non abbiamo gioito nel sentirci distrutte la mattina seguente nel vivere dolori tremendi mentre cerchi di mostrare un sorriso a tutte le visite in ospedale corse a conoscere il tuo bambino. Ma come dice questa mamma siamo fortunate sono vivi i piccoli e siamo vive pure noi ed e’ una cicatrice che non mi farà essere più la donna di prima……ma “una mamma felice”

  2. Cassandra Giuranno 29 agosto, 2016 at 16:18 Rispondi

    È una cicatrice bellissima che io porto con grande orgoglio e serenità e vi dirò ho scelto il taglio di mia iniziativa e lo rifarei mille volte smcora i dolori??il primo giorno soltanto ma avendo fatto tutta la gravidanza con dolori fissi fortissimi i dolori post taglio per me erano niente

  3. Cristina Cipriano 29 agosto, 2016 at 19:26 Rispondi

    Anche io ho dovuto fare due cesarei … rimpiango di non aver potuto fare il parto naturale … ma ora stiamo vive e bene sia io che le mie bimbe … a tutte quelle che mi dicono beata te o anche io lo voglio fare, rispondo con una sonora risata perché non hanno la minima idea di cosa significa e dei dolori del dopo parto, di quando hai bisogno di aiuto per alzarti, di quando tutti possono portare i piccoli al nido e tu no perché il primo giorno devi stare a letto stesa sulla schiena senza poterti neppure girare, di quando ti fa male da morire e hai paura a spingere un po’ per fare pipì o aria o cacca, e di tutte le complicazioni che ne vengono … È un vero e proprio intervento, non la strada più breve e né più facile, vorrei che tutte se lo mettessero bene in testa !!!

Lascia un commento