Alcuni consigli per lavare in maniera green i nostri panni

Dopo una giornata di lavoro, immancabile è l'appuntamento con lei, la nostra lavatrice.

Fedele amica, guai se mancasse nelle faccende domestiche. Tanto utile e comoda, ha solo due difetti: consuma energia e lascia un notevole impatto ambientale. A meno di non imporre a noi stesse l'adozione di alcune buone abitudini per rendere il lavaggio quanto più green possibile.

Iniziamo con la scelta del modello che, nemmeno a discuterne, deve essere di classe energetica A+ o A++. I lavaggi a freddo o a basse temperature sono assolutamente da privilegiare: oltre a ridurre nettamente i consumi (e, quindi, il peso della bolletta energetica), “strapazzano” di meno i tessuti che conservano più a lungo colore e resistenza.

Fra gli accorgimenti che possiamo utilizzare per evitare i lavaggi ad alte temperature, ricordiamoci di insaponare appena possibile le macchie, prima che si secchino. Eviteremo così di dover utilizzare maggiori quantità di detersivo e lavaggi a temperature più elevate. Facciamo lavorare la lavatrice solo a pieno carico e – se possiamo - nelle ore serali; per quanto riguarda i detersivi prediligiamo quelli biologici o alla spina.

Non meno importante è l'asciugatura, il caldo sole di questi giorni non ci lascia dubbi: evitiamo assolutamente l'asciugatrice; consiglio validissimo anche nei mesi più rigidi, visto che non è propriamente un'amica per l'ambiente. Quando stendiamo, infine, prestiamo un po' attenzione: cerchiamo di non generare troppe pieghe così faremo meno fatica a stirare o, addirittura, potremmo farne a meno. Per lo stesso motivo, nei mesi più caldi possiamo ridurre il numero di giri di centrifuga o – perchè no - non azionarla proprio.

Non sarà certo una gran fatica mettere in pratica questi semplici consigli: un piccolissimo sforzo da parte nostra che non potrà che fare molto bene all'ambiente (e anche al nostro portafoglio!).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.