Bambini e influenza: giochiamo d'anticipo

Appena rientrati sui banchi di scuola, i nostri bambini tornano a casa con starnuti e nasi che gocciolano. Ed è solo l'anticipo di quello che l'inverno ci riserva: raffreddori e influenze continue da cui sembra non uscirne più.
Spesso, basta davvero poco per rendere il sistema immunitario del bambino più forte e contrastare meglio gli attacchi di virus e batteri.

Incominciamo, ad esempio, a promuovere attività all'aria aperta che, anche con i primi freddi, aiuta a mantenere in movimento il corpo, a favorire un buon sonno ristoratore e a stimolare l'appetito.
Movimento, nanna e pappa sono tre aspetti strettamente correlati per non far indebolire l'organismo: infatti, una delle maggiori criticità dei bambini è rappresentata dalle scarse ore di riposo che accumulano ogni notte.
È essenziale che ogni bambino riposi un numero sufficiente di ore per rigenerarsi e poter contrastare l'azione di germi e virus.
Allo stesso modo, una buona alimentazione, ricca di frutta (fresca e secca) e verdura, rende il corpo più forte; oltre ad aumentare il consumo di questi alimenti, riduciamo di pari passo quello dolcetti, caramelle e bibite gassate che con i loro zuccheri raffinati possono indebolire il sistema immunitario.

Facciamo sin dai primi giorni di autunno una bella scorta di vitamina C che troviamo oltre che negli agrumi anche nel kiwi e negli spinaci; non dimentichiamo di mantenere la regolarità dell'intestino con il giusto consumo di yogurt.

Infine, non sottovalutiamo la componente di stress che, sin dalla più tenera età, riempie la vita dei nostri figli: appena possibile, lasciamoli giocare e dedicarsi ad attività creative, coccoliamoli e leggiamo un libro insieme, ascoltiamo una musica rilassante o sediamoci sul divano a raccontarci favole. Farà certamente bene a loro, ma anche a noi, per scaricare le tensioni della lunga giornata.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.