Carmen Consoli: ho avuto un figlio tramite fecondazione eterologa ma amo la famiglia tradizionale

carmen-consoli-fecondazione-eterologa

La nota cantante siciliana Carmen Consoli racconta la sua vita privata al settimanale 7 e svela di essere ricorsa alla fecondazione assistita per diventare mamma.

Carlo, un dono del cielo nato in provetta

Oltre ad essere una bravissima cantante, la siciliana Carmen Consoli è anche madre affettuosa di Carlo, tenero bimbo di cinque anni, venuto al mondo tramite la fecondazione eterologa.

Nel 2013 era una donna single e aveva appena perso il padre, così ha sentito il forte desiderio di rendere più ampia la famiglia.

Un racconto sincero e molto intimo quello che la Consoli rilascia a "7", periodico edito dal Corriere della Sera. A chi la accusa di aver fatto una scelta egoistica, risponde dicendo che l'Italia da questo punto di vista, è un Paese arretrato. Prima di compiere questa importante scelta, si è documentata molto su pratica e conseguenze della fecondazione assistita.

Carmen in ogni caso sostiene e ammira la famiglia tradizionale

La cantante, all'età di 38 anni, si è recata a Londra dove si è sottoposta a vari colloqui con psichiatri e psicologi prima di essere dichiarata idonea alla maternità da single

Carmen racconta di essersi rivolta ad una banca del seme dove i donatori scelgono di rivelare la propria identità, così se un giorno suo figlio lo vorrà, potrà conoscere il padre.

Tuttavia, dichiara con estrema sincerità, rimane comunque a favore della famiglia tradizionale, costituita da una mamma e un papà.

Per quanto infatti Carlo sia circondato dall'immenso amore della madre, della nonna Rosa e degli zii, avrebbe avuto maggiore stabilità con la presenza di due genitori. Carmen desiderava molto un marito che le desse protezione e leggerezza nel momento della perdita del suo amato papà. Ciò non le ha impedito, in ogni caso, di colmare il vuoto riversando tutte le sue attenzioni su un tenero bimbo da cullare.

A spingerla verso la maternità è stata anche l'età anagrafica, biologicamente avanzata e non troppo favorevole ad un'attesa prolungata. Ora Carlo rappresenta il dono meraviglioso della famiglia e la Consoli spera di completare presto la sua situazione affettiva con un compagno premuroso accanto.

Lascia un commento