Convulsioni febbrili: come affrontarle senza panico

convulsioni febbrili bambino

Con l’ondata di influenza che stringe il nostro Paese, con la febbre alta che può colpire anche i bambini più piccoli, una delle grandi paure dei genitori sono le convulsioni febbrili. Chi non le ha mai viste nei propri bambini le teme come qualcosa di terribile, chi le ha già vissute in famiglia sa che affrontarle non è semplice.

Facciamo quindi una breve panoramica su questo problema, riprendendo le informazioni e le indicazioni dei medici e degli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma.

Convulsioni febbrili dei bambini: cosa sono?

Le convulsioni febbrili si possono verificare quando la temperatura del bambino aumenta velocemente. Le convulsioni possono si possono verificare anche su bambini sani, che non hanno danni cerebrali e che hanno uno sviluppo normale.

Sono brevi, cioè non superano i 15 minuti, e posso capitare nel 2-5% dei bambini. Non sempre però sono legate alla febbre: a volte la febbre arriva alla fine.

Come si manifestano le convulsioni febbrili?

Ci possono essere scosse cloniche a braccia e gambe, irrigidimento, rilassamento, fissità dello sguardo e occhi rovesciati, perdita di urina e feci.

I bambini che soffrono di convulsioni perdono conoscenza e in genere dopo hanno una fase di sonno e stanchezza.

Come comportarsi in caso di convulsioni febbrili?

La prima cosa da fare è mantenere la calma e non farvi prendere dal panico, perché dovete pensare con lucidità.

Allentate gli indumenti intorno al collo del bambino. Mettetelo poi su un fianco per evitare che respiri la sua saliva o eventuale vomito. Non apritegli la bocca per forza, non forzatelo a bere o non date farmaci per via orale.

Dovete tenere sotto controllo anche la durata della crisi, perché una volta finita dovete subito contattare il pediatra o eventualmente il 118.

Le convulsioni hanno una predisposizione genetica. Se il bambino ne ha già avute, sarebbe il caso di tenere in casa il diazepam per uso rettale, da usare se la convulsione febbrile dura più di 3 minuti.

18 comments

  1. Elisa Faeti 19 febbraio, 2016 at 17:56 Rispondi

    C e solo una la ke sec me è sbagliata nell articolo e cioè che il micropan va somministrato dopo i 3 minuti a noi in ospedale ci avevano detto di somministrarlo nel momento che inizia la crisi

  2. Francesca Albini 19 febbraio, 2016 at 18:57 Rispondi

    La mia iniziò a 9 mesi. L’ultima convulsione l’ha fatta circa un anno fa ovvero a 5 anni. Sempre in concomitanza con la febbre alta. Anch’io somministravo il micropan dopo qualche istante che iniziavano. Cmq anche se sai che sono convulsioni benigne…Non ti abitui mai a viverle senza panico e stress. Almeno x me fu così!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.