Cosa fare se il bambino si è perso in spiaggia

bambino-si-è-perso-in-spiaggia

Basta un secondo di distrazione e… ti giri e il bambino non c'è più. Il bambino si è perso in spiaggia. Il terrore più nero dipinge il volto delle mamme incredule che, scioccate, continuano a ripetersi che “fino a un minuto fa era lì a fare castelli con il suo amichetto”, “mi sono voltata a prendere la crema e non c'era più”,…  Perdere di vista per un attimo il proprio figlio non è negligenza e neppure un sintomo che bolla una madre come pessima: è solo una cosa che può capitare a tutti, e che pertanto dobbiamo gestire nel migliore dei modi.

Tanto per cominciare, giochiamo d'anticipo: a casa possiamo preparare un biglietto contenente le informazioni utili per farci rintracciare (il nostro nome e quello del bambino, il numero di telefono) e applicarlo a un braccialetto o in una capsula da far portare al collo o al polso al bambino in spiaggia. Se si è perso in spiaggia, chi lo trova saprà come comunicare con noi.

Se abbiamo figli più grandicelli, oltre a spiegargli ben bene che non ci si allontana senza autorizzazione di mamma e papà, insegniamogli a trovare dei punti di riferimento per tornare alla “base” qualora si perda: il numero dell'ombrellone, la nostra posizione rispetto al chiosco del bar, meglio ancora se impara a memoria il nostro numero di cellulare.

Altra indicazione fondamentale è spiegargli che – per qualunque cosa – deve rivolgersi al bagnino: se il bambino si è perso in spiaggia, deve cercare il bagnino (che riconoscerà grazie ai suoi segni distintivi, ad esempio il colore della canotta) e comunicargli il suo nome e cognome. Se la spiaggia è equipaggiata, dovrebbe essere data una comunicazione via altoparlante e, in breve, l'incubo finirà.

Il video della settimana

Dal momento in cui non troviamo il bambino, cerchiamo di mantenere la calma (anche se non è certo facile) e chiediamo alle altre mamme se lo hanno visto o, comunque, dove sono i loro figli: magari si è semplicemente spostato per continuare a giocare con i suoi amichetti. Una volta accertato che nei paraggi non c'è, diamo comunicazione al bagnino, fornendo quante più indicazioni utili a identificarlo (colore del costume e del cappellino, se aveva gli occhiali da sole, …).

Una volta ritrovato il bambino, dopo l'abbraccio liberatorio, più che sgridarlo spieghiamogli la gravità del gesto e quali conseguenze avrebbe potuto avere: dopo di che, andiamo a prendere un gelato insieme che ne avremo davvero bisogno, tutti e due!

4 commenti

  1. Daniela Zepponi 26 Agosto, 2015 at 18:07 Rispondi

    Io MUORO se mi succede una cosa del genere!!!!!!! Comunque con i miei due piccoli di 5 e 3 anni al mare usiamo la tecnica del bar: andate diretti e chiedete subito di essere portati da mamma e papà.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.