Elsa Ramos, bimba transgender di 8 anni, difende i diritti della comunità LGBT: il suo discorso diventa virale (Video)

elsa-ramos,-bimba-transgender-di-8-anni-difende-i-diritti-della-comunita-lgbt-il-suo-discorso-diventa-virale-video

"Non permettete a nessuno di togliervi la felicità" è il motto di Elsa Ramos, bambina transgender di 8 anni che si batte in prima persona per difendere i diritti della comunità LGBT.

Il suo appassionato discorso all'Asemblea de Extremadura in Spagna ha scosso l'opinione pubblica ed è diventato virale su internet.

Elsa nasce maschio ma si sente prigioniera di un corpo sbagliato

Capelli lunghi, viso d'angelo e una grinta da leonessa. Elsa Ramos oggi è una bellissima bimba di 8 anni ma a, differenza dei suoi coetanei, deve lottare per difendere la sua identità.

La piccola, originaria di Arroyo de San Servan, infatti è nata con connotati maschili ma si è subito sentita prigioniera del corpo sbagliato. Elsa infatti predilige abiti e giocattoli femminili e non riconosce come proprie le sue caratteristiche fisiche. Così, supportata dalla madre, che già nel 2014 aveva lanciato un appello alle istituzioni, ha intrapreso il duro percorso per rivendicare i suoi diritti di genere, percorso che lei stessa definisce "cammino verso la felicità".

Il discorso di Elsa sui diritti dei transessuali induce alla riflessione e diventa virale sul web

Dall'età di quattro anni Elsa ha assecondato la sua vera natura e vive come una bambina. Sa però che molti altri vivono la sua condizione di transizione, subendo ogni giorno pregiudizi e atti discriminatori. Per tali motivi ha deciso di raccontare personalmente la sua esperienza all'Asamblea de Extremadura ad ovest della Spagna, rivolgendosi direttamente alle istituzioni e ai politici.

Con voce cristallina la bimba di 8 anni afferma di aver sempre ricevuto il sostegno della famiglia e che i suoi compagni di scuola hanno accettato di buon grado la sua identità, lasciandola libera di esprimere sé stessa. Tuttavia Elsa conosce le innumerevoli discriminazioni ricevute dai transessuali e dall'intera comunità LGBT, così rivolge un appassionato appello alle istituzioni perché tutelino il diritto alla felicità e all'uguaglianza di ogni gruppo sociale. Nello specifico la piccola rivolge queste parole alle autorità: "Di tutto quello che vorrei dire oggi, la cosa più importante è questa: signori e signore che si occupano di politica, continuate a scrivere leggi che riconoscano le diversità delle persone, anche se venite minacciate. Soprattutto non dimenticate che noi, persone transessuali abbiamo diritto a essere quelle che siamo".
Parole spontanee, tenaci e piene di ardore che hanno fatto riflettere l'intera assemblea e che hanno commosso il mondo facendo il giro del web.

Please follow and like us: