Mamma transgender riesce ad allattare grazie a una cura sperimentale

mamma transgender allattamento

Arriva dagli Stati Uniti la notizia della prima donna transgender che è stata in grado di allattare il proprio bambino. Questa particolare occasione, che ha già diviso l'opinione pubblica in favorevoli e contrari e che ha suscitato non poche polemiche, è stata permessa da una cura sperimentale a base di ormoni.

La paziente, di 30 anni, si era sottoposta già da alcuni anni ad alcune terapie ormonali specifiche per compiere la transizione da uomo a donna. Quando la compagna incinta le ha comunicato la decisione di non allattare al seno il bambino, la donna ha preso una decisione molto importante e si è recata a New York, presso il Center for Transgender Medicine and Surgery del Mount Sinai Hospital. Dopo aver riflettuto a lungo sulla decisione della compagna di non allattare, ha preso coraggio e ha espresso i propri desideri ai medici del centro, affermando di volersi occupare lei stessa dell'allattamento del proprio bambino, al posto della compagna.

Il protocollo medico che i dottori hanno seguito non è una scelta per nulla insolita. Viene infatti utilizzata su donne che riscontrano difficoltà nel processo di allattamento, per stimolare la produzione del latte tramite la somministrazione di ormoni. Nulla di nuovo, dunque.

Il trattamento per l'allattamento al seno della mamma transgender

Tramite questa cura ormonale e grazie anche all'aiuto di un tiralatte, la donna ha riscontrato in breve tempo dei risultati sorprendenti, che le hanno permesso di allattare al seno il proprio bambino, seguita costantemente dai medici del centro. Nei primi sei mesi i dottori hanno anche monitorato la risposta fisica del bimbo e il suo benessere, messo ovviamente al primo posto. La crescita è stata del tutto regolare e il bambino ha dimostrato di essere in buona salute per tutta la durata dell'allattamento.

Questo successo, medico e personale, è stato documentato da Tamar Reisman e da Zil Goldstein, rispettivamente un'endocrinologa e un'infermiera impiegate presso il centro e riportato sull'uscita di gennaio della rivista Transgender Health.

Please follow and like us:

86 comments

    • Valeria Marasco 26 febbraio, 2018 at 18:59 Rispondi

      Anche il cesareo è contro natura… Eppure è per il bene del bimbo. Qui non necessita di esser allattato con il latte artificiale è stato sfamato con un latte perfetto per lui, biochimicamente identico a quello prodotto da una donna.

    • Valeria Marasco 26 febbraio, 2018 at 19:14 Rispondi

      Hai parlato di natura, ho risposto che il natura il cesareo, l’epidurale ecc non esistono. Eppure…
      Vede, spesso si parla di natura per avere una parvenza di futile scusante dietro il quale nascondere i propri preconcetti. È ipocrisia andare contro natura solo per convenienza… Solo per il proprio benessere.

    • Valeria Marasco 26 febbraio, 2018 at 20:47 Rispondi

      Beh ma tu hai avuto una scelta e hai preso questa decisione. Non capisco perché le altre persone non debbano avere la stessa possibilità. Perché le additi di esser contro natura, quando la natura è ben altro.
      Ps: non hai fatto l’epidurale ma avrai preso un antibiotico in vita tua, l’antibiotico è ottenuto mettendo DNA estraneo in cellule batteriche per fargli produrre una cosa che non gli serve. Poi le uccidono ed estraggono la sostanza. Ti sembra una cosa naturale? Eppure è ciò che ci da vivere nonostante delle stupide placche alla gola che non degenerano in broncopolmonite.

    • Raffone Valeria 26 febbraio, 2018 at 20:52 Rispondi

      Qui stiamo andando oltre all’argomento.. premetto che non ho pregiudizi ho amici gay quindi vado oltre non mi soffermo su quello.. dico solo che se sono nata in un corpo che non mi appartiene cerco invece di fare il contrario e cercherei di accettarmi… un trans per me rimane una cosa contro natura e di conseguenza anche il fatto di essere mamma e allattare!
      Anche se come ho detto all’inizio.. è ammirevole!

    • Alberto Dreassi 26 febbraio, 2018 at 23:03 Rispondi

      Quei cappotti e quelle sciarpe che indossa sono contro natura. Dovrebbe girare senza, per strada, e se sopravviverà o meno sarà decisione della natura.
      Però se ha “amici gay” tutto a posto! Non si preoccupi.

    • Mimma Tononi 28 febbraio, 2018 at 08:14 Rispondi

      Preconcetti? Qui siamo alla manipolazione umana, si va al supermercato per ordinare un bambino o un utero, si fa allattare ad un uomo anche se “diventata donna” e parliamo di Preconcetti …… provate a far allattare un vitello a un toro o un capretto a un becco ecc. Bho mah arriverà il giorno che la natura presenterà il conto intanto ha già incominciato…

  1. Anna Maria Citron 27 febbraio, 2018 at 08:22 Rispondi

    Chissà dove arriverà la scienza tra qualche anno detto questo non so se è più fortunato o meno .Io sono felice di avere una mamma normale .Non ho nulla contro i transgender ma il mio pensiero rimane attaccato alle cose naturali

  2. Allie Aliena 27 febbraio, 2018 at 17:59 Rispondi

    A me sembra che l’uomo sta cercando di sostituirsi a Dio o a madre Natura o comunque la si voglia chiamare. Ma quando sarà troppo allora le pagheremo tutte…. forse le stiamo già pagando..

  3. Marco Orsini 27 febbraio, 2018 at 21:08 Rispondi

    Quindi non ho capito: l’uomo diventa donna che però ha una compagna donna che partorisce un figlio avuto con la donna che era uomo e quest’uomo, diventato donna ora allatta. Sono confuso e contrariato!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.