Gambe perfette con lo scrub fatto in casa

Quante volte, dopo l'epilazione delle gambe, soprattutto con ceretta o epilatori elettrici, la ricrescita dei peli avviene sotto la cute?

Oltre a essere decisamente antiestetica, la cosa comporta non pochi problemi per la successiva epilazione, oltre a una sgradevole sensazione di bruciore e prurito.

Per evitare che questo accada sarebbe benepraticare degli scrub, almeno un paio di volte la settimana, seguiti da una crema idratante. In questo modo i peli cresceranno in superficie senza causare nessun fastidio.

Il punto però è quale prodotto usare. Se ci rimettiamo a quelli in commercio, oltre a dover spendere una cifra considerevole, dobbiamo stare attente agli INCI, cercando quelli più green possibile e che non contengano sostanze che potrebbero irritarci ancora di più.

Il video della settimana

La soluzione ideale è quella di fare uno scrub completamente naturale, con prodotti che abbiamo in casa, a basso impatto ambientale (non avremo tubetti e flaconi vari da smaltire) e a costo quasi zero. Ci sono molte possibilità per produrre uno scrub casalingo, dipende un po' da cosa abbiamo nella dispensa, ma se per caso avessimo dello zucchero di canna e dell'olio d'oliva, potremmo farci uno scrub che è al contempo idratante.

Occorrono zucchero di canna, olio d'oliva e, se vogliamo profumarlo leggermente, qualche goccia di olio essenziale, ottimo quello alla rosa canina o al tiglio, ma è essenzialmente una questione di gusti personali.

Le dosi dipendono dalla quantità che vogliamo prepararne, l'ideale sarebbe farlo poco per volta e utilizzarlo tutto. In una ciotola mettiamo quindi l'olio d'oliva e una quantità doppia di zucchero di canna, di olio essenziale bastano poche gocce. Mescoliamo in modo da ottenere un composto denso. Applichiamolo sulle gambe massaggiando in senso circolare fino a quando i peli in ricrescita spunteranno dal sottile strato di epidermide. Sciacquiamo abbondantemente e, se lo desideriamo, applichiamo una crema per potenziare l'effetto emolliente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.