Gara di solidarietà per il piccolo Oscar: 5mila persone in fila sotto la pioggia

gara-di-solidarieta-per-il-piccolo-oscar:-5mila-persone-in-fila-sotto-la-pioggia

Migliaia di persone hanno atteso ore ed ore in fila sotto la pioggia davanti il Pitmaston Primary School, per tentare di salvare la vita al piccolo Oscar di cinque anni, affetto da una malattia devastante, che lo sta consumando pian piano.

Quasi cinque mila persone per aiutare Oscar

La lunghissima fila di persone riunte innanzi all’istituto del Worcester, risponde al tragico appello fatto dalla famiglia Saxelby-Lee.

I genitori del piccolo Oscar chiedono alla popolazione un volontario donatore di cellule staminali, che possa salvare la vita del loro piccolo bimbo.

Migliaia di persone hanno sfidato la pioggia e la lunga attesa, per poter fornire un aiuto concreto e determinante al piccolo Oscar.

Tutte queste persone dovranno sottoporsi ad un test medico che ne accerti la compatibilità sanguigna con il giovane paziente.

Oscar è affetto da una terribile forma di cancro raro, che rapidamente si sta diffondendo in tutto il corpicino, riducendo le sue forze e le sue prospettive di vita. Le numerose sedute di chemio e radioterapia, alle quali il bimbo è stato sottoposto, ne hanno inevitabilmente ridotto le cellule staminali, fondamentali per la lotta al cancro.

Una corsa contro il tempo per salvare Oscar

La triste storia del piccolo è iniziata il 28 dicembre dello scorso anno, quando la mamma allarmata dai strani ed anomali lividi che il bimbo presentava sul corpo, si è recata dal medico.

Dopo diversi accertamenti, la terribile diagnosi ha lasciato tutti atterriti, una devastante forma di leucemia. Durante tutta la degenza ospedaliera Oscar ha sfoggiato la sua naturale spensieratezza e la sua innata positività, dando forza e speranza ai giovani genitori.

gara-di-solidarieta-per-il-piccolo-oscar:-5mila-persone-in-file-sotto-la-pioggia
(Fonte: Olivia Saxelby / SWNS)

In questi ultimi giorni però la malattia ha preso il sopravvento, indebolendo Oscar e costringendolo in isolamento su un lettino d’ospedale.

Il piccolo ha bisogno di cellule staminali compatibili con il suo corpo, non resta molto tempo, secondo i medici che si prendono cura di Oscar entro tre mesi deve trovarsi il donatore o il piccolo morirà.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.