I bambini americani vanno troppo spesso nei fast food

i-bambini-americani-vanno-troppo-spesso-nei-fast-food

Si registra un aumento delle famiglie che portano i bambini a consumare pasti nelle varie catene di fast food sparse in tutti gli USA e tutto ciò in seguito alle offerte di menù apparentemente più sane e genuine. In realtà le cose non stanno proprio così. Cosa viene consumato realmente dai bambini che vengono accompagnati più volte a settimana nei fast food?

Bambini americani troppo spesso nei fast food

La strategia dei fast food americani è incentrata sull'offerta di cibi maggiormente salutari pensati per i bambini, in modo da invogliare i genitori, incentivandoli a recarsi più spesso con i propri figli per consumare alimenti non dannosi per la salute. In realtà le cose non stanno proprio così. I menù per nulla genuini esistono ancora, accanto a quelli per bambini, rimanendo una scelta sempre più gettonata dagli stessi genitori.

In seguito ad una ricerca condotta dall'Università del Connecticut su un campione di circa 800 famiglie i fast food maggiormente frequentati sono McDonald’s, Burger King, Wendy’s e Subway, con un incremento dell'83% rispetto ai dati raccolti nel 2013.

Inoltre, fra i genitori che hanno ordinato un menù per bambini il 30% degli intervistati ha dichiarato di aver acquistato anche opzioni classiche e non salutari.

Bambini americani: i menù dei fast food

Lo studio condotto dall'Università del Connecticut ha messo in luce una tendenza dei genitori a continuare a frequentare i fast food assieme ai propri figli per ordinare non solo pietanze per bambini, ma anche piatti e menù aggiuntivi che si rivelano deleteri per la salute.

I genitori, infatti, se da una parte esprimono pareri positivi sulle politiche alimentari più salutari e specifiche per i bambini, dall'altra continuano ad acquistare pasti e bevande anche per i figli grandi, oltre ai menù tradizionali che includono dessert e cibi ricchi di zuccheri e grassi. Allo stato attuale, così come auspicato dall'Università del Connecticut, si rende necessaria una nuova ricerca, nonché puntuali regolamentazioni statali volti al contenimento di questo fenomeno, al fine di limitare serie conseguenze sulla salute pubblica.