India, bambini orfani del covid esposti ad abusi e traffico di minori: l'allarme di Save The Children

india-bambini-orfani-del-covid-esposti-ad-abusi-e-traffico-di-minori-lallarme-di-save-the-children

La recrudescenza dell'epidemia di Sars-Cov-2 che sta colpendo l'India ha ripercussioni non soltanto sul tessuto sociale, economico e sanitario ma anche sulla salute e la vita stessa dei bambini rimasti orfani. Save The Children, organizzazione che da anni si occupa di difendere e tutelare i minori, lancia un appello tramite i social per cercare di prevenire abusi, vendita di bambini e adozioni illegali.

India e Covid 19: la situazione dei bambini rimasti orfani

Non si ferma l'epidemia di Covid 19 in India, che nelle ultime settimane sta mietendo un numero enorme di vittime; una situazione che, tra le altre cose, ha creato un problema molto serio per i tanti bambini rimasti orfani e che necessitano di cura e assistenza. Approfittando della situazione di allarme che dilaga nel Paese, numerose associazioni criminali stanno cercando di adottare illegalmente gli orfani o, ancor peggio, di venderli al mercato nero, una pratica non nuova in alcuni paesi e che rischia di essere seriamente alimentata dalla pandemia.
Attualmente molti degli orfani si trovano negli ospedali, dove il personale sanitario sta cercando di fare il possibile per tutelarli e lasciarli in mani sicure.

Covid 19 e orfani indiani: il comunicato di Save The Children

Save The Children è scesa in prima linea per cercare di tutelare i bambini rimasti orfani, lanciando un chiaro appello sui social: l'associazione raccomanda anzitutto di non divulgare notizie troppo dettagliate riguardo i bambini orfani, perché questo facilita l'azione criminale delle organizzazioni illegali. Le richieste di adozione devono passare esclusivamente per i canali ufficiali, come le organizzazioni governative, di volontariato o gli ospedali. L'associazione raccomanda inoltre di contattare la linea di assistenza del governo al numero 1098.
Il personale fa inoltre appello alla massima prudenza, per tutelare al massimo la salute e lo sviluppo dei bambini che hanno già subito traumi importante con la morte di genitori e parenti, e rischierebbero un crollo psicologico nel caso in cui dovessero finire nel tunnel del mercato nero.

Il video della settimana