L'Ospedale Bambino Gesù presenta Talkitt, app per aiutare i bambini down a parlare

lospedale-bambino-gesu-presenta-talkitt-app-per-aiutare-i-bambini-down-a-parlare

Il reparto di Neuropsichiatria Infantile dell'IRCCS Ospedale Bambino Gesù a Roma dà il via ad un progetto sperimentale per aiutare i bambini affetti da sindrome di Down.

Talkitt è un'app per cellulari e tablet che si propone di tradurre suoni difficilmente comprensibili in modo chiaro, in modo da agevolare la comunicazione con il mondo circostante.

La tecnologia aiuta bambini e ragazzi Down con difficoltà di linguaggio

Come molti sapranno la sindrome di Down, detta anche Trisomia 21, è un'anomalia costituta dalla presenza di un cromosoma in più all'interno del corredo genetico: ogni cellula dell'organismo, invece di contenere 46 cromosomi, ne presenta 47.

Questa condizione irreversibile presente nei bambini fin dalla nascita, comporta ritardi mentali più o meno gravi, difficoltà relazionali e disturbi del linguaggio.

In un'ottica di inclusione dei ragazzi disabili nella società, a Roma i neuropsichiatri infantili dell'IRCCS Ospedale Bambino Gesù hanno avviato Talkitt: Beta Project, progetto sperimentale per aiutare bambini e ragazzi down con problemi di linguaggio ad esprimersi liberamente.

Talkitt traduce gli impulsi vocali in parole chiare e comprensibili

Obiettivo principale di questo progetto è testare Talkitt, app mobile per smartphone e tablet che, attraverso un evoluto sistema di Comunicazione Aumentativa e Alternativa, aiuta i bambini down con problemi di produzione fonetica a parlare liberamente.

Attraverso un rivoluzionario registratore, Talkitt registra tutti i suoni vocali e li traduce in parole chiare e facilmente comprensibili. In tal modo la comunicazione con conoscenti, amici e familiari potrà diventare fluida e scorrevole senza fare alcuno sforzo.

Il programma Talkitt: Beta Project è rivolto a tutti i bambini e i ragazzi affetti da Sindrome di Down dai cinque anni in poi.

Il progetto, ancora in fase sperimentale, accoglie volentieri nuovi volontari, pertanto chiunque fosse interessato a testare l'innovativa app può collegarsi al sito ufficiale dell'Ospedale Bambino Gesù o contattare tramite mail le dottoresse:

  • Deborah Ruà: deborahrua@opbg.net
  • Cristina Caciolo: cristina.caciolo@opbg.net
  • Floriana Costanzo: floriana.costanzo@opbg.net

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.