Meno rischi di parto prematuro con un’alimentazione sana

I vantaggi del mangiar sano non si scoprono certo oggi e che i comportamenti a tavola incidano sul nostro benessere psicofisico è un fatto risaputo. I ricercatori dell'Università svedese di Göteborg sono però andati oltre, conducendo uno studio che sembrerebbe individuare un legame – per la prima volta supportato da dati statistici – fra alimentazione corretta e abbassamento del rischio di parto prematuro.

Pubblicati a marzo di quest'anno sul British Medical Journal, i risultati fanno riferimento a un campione di oltre 60.000 donne svedesi cui è stato chiesto di compilare dei questionari relativi alle loro abitudini alimentari durante la gestazione. Le risposte hanno permesso di tracciare tre distinti profili nutrizionali: il "prudente", con menù in cui spiccano verdure cotte e crude, frutta, cereali integrali, oli vegetali e carni bianche; quello "tradizionale", con pesce, riso, latte scremato e verdure cotte; e infine quello "occidentale", che già intuitivamente risulta essere il meno salubre, con fritti, intingoli, cereali raffinati, dolci e cibi ricchi di sale.

Dalla ricerca emerge che per le donne che seguono un'alimentazione "prudente" il rischio di parto prematuro scende del 15%, un dato evidente soprattutto in chi è alle prese con la prima gravidanza. Tuttavia, per quanto importanti i risultati vanno presi con le pinze, perché stilare una lista precisa degli alimenti da evitare e di quelli da preferire risulta difficile, né lo studio pretende di stabilire un legame di causa effetto fra regime alimentare e parto prematuro. 

Lasciando i ricercatori al loro lavoro, da profani possiamo considerare questo studio come un richiamo al buon senso a tavola, un modo per ricordare che – in gravidanza, ma non soloil cibo andrebbe sempre scelto con la massima attenzione perché tutto ciò che ingeriamo avrà degli effetti sul nostro corpo, anche se troppo spesso sembriamo non ricordarcene. 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.