È morta la bimba di 17 mesi lasciata in auto sotto al sole

bambina-17-mesi-morta-auto

Dopo che è sopraggiunto un peggioramento delle sue condizioni, è notizia di queste ore che non ce l'ha fatta bambina dimenticata in auto dalla mamma.

Lasciata in macchina a 17 mesi

La piccola, 17 mesi, era ricoverata al Meyer di Firenze, ma le speranze che ce la potesse fare erano state subito poche.

Il fatto era accaduto martedì in una località di Livorno, ma alcune cose sono ancora da chiarire. Infatti la donna avrebbe dovuto accompagnare la bambina all'asilo insieme al fratello, ma poi,mentre il bimbo è arrivato a destinazione, la piccola, che si era addormentata, è rimasta in macchina.

A questo punto la mamma l'ha completamente dimenticata. È scesa dalla macchina, l'ha chiusa ed è andata nel negozio dove lavora con il marito.

4 ore di agonia per la piccola rimasta chiusa nell'auto

La bimba è rimasta 4 ore nell'auto prima che la madre la tirasse fuori: ma invece di portarla subito in ospedale, in un primo momento è stata portata in negozio. Solo in seguito alle convulsioni che sono sopravvenute per l'evidente stato di debilitazione, è stato chiamato il 118.

1.846 comments

    • Gaia Mattei 27 luglio, 2016 at 19:00 Rispondi

      Magari andava a lavorare…non lo so e credo che neanche importi, perché in ogni caso non è’ giustificabile ne’ forse neanche capibile…ma dato che non sappiamo cosa sia successo,perché e come,parto dal presupposto che non abbia volutamente,deliberatamente e coscientemente voluto causare dolore a sua figlia…quindi non riesco a ergermi a giustiziera e ad accusarla di non avere cuore…in me è’ ben più forte il terrore che possa succedere anche a me..a questo penso…beate le mamme infallibili che vivono di certezze!

    • Tonia Leo Chiara 27 luglio, 2016 at 19:10 Rispondi

      Sii era a lavoro ha accompagnato il primo genito al campo scuola e doveva portare la piccola al nido, invece se l’è portata con sé a lavoro l’ha lasciata in auto ed è salita a lavoro, poi alle ore 13 non so come magicamente si è ricordata di avere la figlia chiusa in auto!!
      Ora io mi chiedo : quando ha chiuso l’auto non ha. Visto la figlia dietro?magari era su whatsapp!! Questo. Solo. Lei può saperlo… Cmq ho. Due figli e non riesco nemmeno a farmi una doccia senza avere il loro pensiero fisso!!
      Sto allibita credetemi!

      • Rosa 27 luglio, 2016 at 21:17

        La stessa cosa l’avrei fatta anch’io. …..ho 5 figli…di cui il più piccolo di 10mesi e 11 giorni…….mai successa una cosa del genere…..manco x andare a buttare la spazzatura li ho mai lasciato da soli……

    • Gaia Mattei 27 luglio, 2016 at 19:41 Rispondi

      Anche io sono spesso,spessissimo su whatsapp…non ho cuore di mamma per questo?E vi dirò di più:anche io ho due figli piccoli e quando mi faccio la doccia deliberatamente evito di pensare a loro o di avere il pensiero fisso su di loro e magari mi concentro solo su di me…non ho cuore di mamma per questo?fin’ora non mi è’ successo nulla,ma…chi può dirlo…davvero beate le mamme che sono certe di poter dire “a me non succederà mai perché io ho il pensiero fisso su di loro”…io sinceramente non faccio che pensare che possa succedere anche a me!!!

    • Giusy Quagliuolo 27 luglio, 2016 at 21:25 Rispondi

      Tonia purtroppo ti assicuro che sono cose che possono accadere!il cervello umano non è perfetto e talvolta funziona in automatico! In passato lavoravo a mergellina e alternavo auto e metro credimi che spesso non ricordavo come ero arrivata a lavoro se a piedi o in macchina…viviamo di fretta troppi impegni troppo stress…povera bambina e povera madre che dovrà sopravvivere a sua figlia e con un peso troppo grande

    • Raffaella Caggiano 27 luglio, 2016 at 21:58 Rispondi

      Bisognerebbe parlare solo di ciò che si conosce. Come si é bravi a giudicare, quando non tocca a noi. Di fronte ad una simile tragedia bisogna avere il buon senso di tacere, perché è morta una bambina ed una donna ha perso la sua pace. punto.

      • Maura 29 luglio, 2016 at 00:33

        Ma come potete giudicare…..ora tutte perfette….come potete asserire con certezza che a voi non accadrà mai…..purtroppo non potete dirlo anche voi che credete di essere delle “wonder mamme”………piuttosto visto che di queste notizie ne sentiamo TROPPE perché non fare qualcosa per evitare che avvenga….basterebbe per esempio lasciare vicino al proprio figlio la borsa,le chiavi ,il telefono…..oppure magari qualche allarme…..boh…….

    • Maura Cugia 28 luglio, 2016 at 10:41 Rispondi

      A parlare cosi’dimostrate cattiveria e un’ ignoranza indiscutibile. In questi casi e’meglio tacere che esprimere opinioni stupide solo per mettere in movimento la lingua…..semmai mettete in movimento il cervello!!

  1. Isida Kaci 27 luglio, 2016 at 17:01 Rispondi

    Non siate così cattivi nei confronti di quella povera madre!! Potrebbe capitare a tutti con la vita frenetica che si conduce…Ia mente può fare brutti scherzi
    Piccolo cuore❤

  2. Isida Kaci 27 luglio, 2016 at 17:01 Rispondi

    Non siate così cattivi nei confronti di quella povera madre!! Potrebbe capitare a tutti con la vita frenetica che si conduce…Ia mente può fare brutti scherzi
    Piccolo cuore❤

  3. Isida Kaci 27 luglio, 2016 at 17:01 Rispondi

    Non siate così cattivi nei confronti di quella povera madre!! Potrebbe capitare a tutti con la vita frenetica che si conduce…Ia mente può fare brutti scherzi
    Piccolo cuore❤

  4. Isida Kaci 27 luglio, 2016 at 17:01 Rispondi

    Non siate così cattivi nei confronti di quella povera madre!! Potrebbe capitare a tutti con la vita frenetica che si conduce…Ia mente può fare brutti scherzi
    Piccolo cuore❤

  5. Monica Fiorani 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Tutti giudici! Io non vorrei essere nei panni della mamma che adesso avrà un senso di colpa di dimensioni astronomiche! Non c’è nessuna giustificazione, ma credo che purtroppo non ci sia nessuna volontà, ma solo un’enorme e nefasta disattenzione. Di fronte a questo meglio il silenzio che il giudizio.

  6. Monica Fiorani 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Tutti giudici! Io non vorrei essere nei panni della mamma che adesso avrà un senso di colpa di dimensioni astronomiche! Non c’è nessuna giustificazione, ma credo che purtroppo non ci sia nessuna volontà, ma solo un’enorme e nefasta disattenzione. Di fronte a questo meglio il silenzio che il giudizio.

  7. Monica Fiorani 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Tutti giudici! Io non vorrei essere nei panni della mamma che adesso avrà un senso di colpa di dimensioni astronomiche! Non c’è nessuna giustificazione, ma credo che purtroppo non ci sia nessuna volontà, ma solo un’enorme e nefasta disattenzione. Di fronte a questo meglio il silenzio che il giudizio.

  8. Valentina Chiappetta 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Ma io mi chiedo oltre a come fai a dimenticare tua figlia in macchina…dopo che ti accorgi di averla dimenticata in auto per 4 ore non chiami il 118?????
    La porti in negozio???
    Io non ho parole…
    Riposa in pace piccolo angelo ❤

  9. Valentina Chiappetta 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Ma io mi chiedo oltre a come fai a dimenticare tua figlia in macchina…dopo che ti accorgi di averla dimenticata in auto per 4 ore non chiami il 118?????
    La porti in negozio???
    Io non ho parole…
    Riposa in pace piccolo angelo ❤

  10. Monica Fiorani 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Tutti giudici! Io non vorrei essere nei panni della mamma che adesso avrà un senso di colpa di dimensioni astronomiche! Non c’è nessuna giustificazione, ma credo che purtroppo non ci sia nessuna volontà, ma solo un’enorme e nefasta disattenzione. Di fronte a questo meglio il silenzio che il giudizio.

  11. Valentina Chiappetta 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Ma io mi chiedo oltre a come fai a dimenticare tua figlia in macchina…dopo che ti accorgi di averla dimenticata in auto per 4 ore non chiami il 118?????
    La porti in negozio???
    Io non ho parole…
    Riposa in pace piccolo angelo ❤

  12. Valentina Chiappetta 27 luglio, 2016 at 17:02 Rispondi

    Ma io mi chiedo oltre a come fai a dimenticare tua figlia in macchina…dopo che ti accorgi di averla dimenticata in auto per 4 ore non chiami il 118?????
    La porti in negozio???
    Io non ho parole…
    Riposa in pace piccolo angelo ❤

    • Giusy Ridolfo 27 luglio, 2016 at 17:08 Rispondi

      Concordo!!Son corre terribili dolori inenarrabili. Magari questa donna starà passando un periodo buio della sua vita…magari una depressione chi lo sa. Son cose che lasciano senza parole

    • Giusy Ridolfo 27 luglio, 2016 at 17:08 Rispondi

      Concordo!!Son corre terribili dolori inenarrabili. Magari questa donna starà passando un periodo buio della sua vita…magari una depressione chi lo sa. Son cose che lasciano senza parole

    • Giusy Ridolfo 27 luglio, 2016 at 17:08 Rispondi

      Concordo!!Son corre terribili dolori inenarrabili. Magari questa donna starà passando un periodo buio della sua vita…magari una depressione chi lo sa. Son cose che lasciano senza parole

    • Giusy Ridolfo 27 luglio, 2016 at 17:08 Rispondi

      Concordo!!Son corre terribili dolori inenarrabili. Magari questa donna starà passando un periodo buio della sua vita…magari una depressione chi lo sa. Son cose che lasciano senza parole

  13. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    Un angelo volato in cielo…vicinanza anche alla mamma che tutto avrebbe voluto tranne lasciare in macchina il suo amato cucciolo!!! Non so davvero come farà a vivere con questo rimorso…sono mamma di due creature di 10 anni e di 2 anni, tutte le mattine accompagno la primogenita al campo estivo e la piccola al nido, esattamente come questa mamma… Con l’unico desiderio che passi velocemente la giornata per tornare a casa e riabbracciarle…

  14. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    Un angelo volato in cielo…vicinanza anche alla mamma che tutto avrebbe voluto tranne lasciare in macchina il suo amato cucciolo!!! Non so davvero come farà a vivere con questo rimorso…sono mamma di due creature di 10 anni e di 2 anni, tutte le mattine accompagno la primogenita al campo estivo e la piccola al nido, esattamente come questa mamma… Con l’unico desiderio che passi velocemente la giornata per tornare a casa e riabbracciarle…

  15. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    Un angelo volato in cielo…vicinanza anche alla mamma che tutto avrebbe voluto tranne lasciare in macchina il suo amato cucciolo!!! Non so davvero come farà a vivere con questo rimorso…sono mamma di due creature di 10 anni e di 2 anni, tutte le mattine accompagno la primogenita al campo estivo e la piccola al nido, esattamente come questa mamma… Con l’unico desiderio che passi velocemente la giornata per tornare a casa e riabbracciarle…

  16. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    Un angelo volato in cielo…vicinanza anche alla mamma che tutto avrebbe voluto tranne lasciare in macchina il suo amato cucciolo!!! Non so davvero come farà a vivere con questo rimorso…sono mamma di due creature di 10 anni e di 2 anni, tutte le mattine accompagno la primogenita al campo estivo e la piccola al nido, esattamente come questa mamma… Con l’unico desiderio che passi velocemente la giornata per tornare a casa e riabbracciarle…

  17. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    L’amnesia transitoria globale (TGA) non è molto frequente, ma la sua sintomatologia è molto impressionante. Insorge spesso dopo una forte agitazione emotiva ed è caratterizzata da una perdita improvvisa della capacità di memorizzare informazione nuova (amnesia anterograda) che si associa ad un vuoto di memoria per gli eventi degli ultimi giorni o mesi (amnesia retrograda). È invece conservata la memoria biografica, si ricorda il proprio nome e le altre informazioni che riguardano la propria persona. I pazienti sono comunque disorientati e non ricordano perché si trovano in quel luogo in quel momento e ripetono a chi sta vicino sempre le stesse domande (non ricordandosi di averle già poste e non essendo in grado di memorizzare le risposte). In genere, entro qualche ora, tutto torna alla normalità e non ci sono altri sintomi neurologici.

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:20 Rispondi

      Concordo con te Rita… Il dolore di questa madre non avrà mai fine, se lo porterà dietro ogni secondo della sua vita… Che strazio, che orrore!! Quanto avrà sofferto quella cucciolina e chissà quante volte avrà chiamato la sua mamma!!!!

    • Fabian Lorena 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      A me è successo quando mio figlio aveva 6 mesi.. Per fortuna c’era anche il papà con noi e quando ha visto cje ho chiuso la macchina e sn entrata in casa mi ha chiesto dov’era David…. È facile giudicare, perche è vero, sembra l’assurdità piu assoluta… Pero putroppo in certe situazioni il nostro cervello ci fa dei bruttissimi scherzi… Non siamo dei robot….

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:27 Rispondi

      Purtroppo la nostra qualità di vita è messa a dura prova dalla società che chiede troppo alle donne che decidono di diventare mamme. Lo stato non le tutela davvero la maternità…i tempi di vita/lavoro spesso sono estenuanti.

  18. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    L’amnesia transitoria globale (TGA) non è molto frequente, ma la sua sintomatologia è molto impressionante. Insorge spesso dopo una forte agitazione emotiva ed è caratterizzata da una perdita improvvisa della capacità di memorizzare informazione nuova (amnesia anterograda) che si associa ad un vuoto di memoria per gli eventi degli ultimi giorni o mesi (amnesia retrograda). È invece conservata la memoria biografica, si ricorda il proprio nome e le altre informazioni che riguardano la propria persona. I pazienti sono comunque disorientati e non ricordano perché si trovano in quel luogo in quel momento e ripetono a chi sta vicino sempre le stesse domande (non ricordandosi di averle già poste e non essendo in grado di memorizzare le risposte). In genere, entro qualche ora, tutto torna alla normalità e non ci sono altri sintomi neurologici.

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:20 Rispondi

      Concordo con te Rita… Il dolore di questa madre non avrà mai fine, se lo porterà dietro ogni secondo della sua vita… Che strazio, che orrore!! Quanto avrà sofferto quella cucciolina e chissà quante volte avrà chiamato la sua mamma!!!!

    • Fabian Lorena 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      A me è successo quando mio figlio aveva 6 mesi.. Per fortuna c’era anche il papà con noi e quando ha visto cje ho chiuso la macchina e sn entrata in casa mi ha chiesto dov’era David…. È facile giudicare, perche è vero, sembra l’assurdità piu assoluta… Pero putroppo in certe situazioni il nostro cervello ci fa dei bruttissimi scherzi… Non siamo dei robot….

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:27 Rispondi

      Purtroppo la nostra qualità di vita è messa a dura prova dalla società che chiede troppo alle donne che decidono di diventare mamme. Lo stato non le tutela davvero la maternità…i tempi di vita/lavoro spesso sono estenuanti.

  19. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    L’amnesia transitoria globale (TGA) non è molto frequente, ma la sua sintomatologia è molto impressionante. Insorge spesso dopo una forte agitazione emotiva ed è caratterizzata da una perdita improvvisa della capacità di memorizzare informazione nuova (amnesia anterograda) che si associa ad un vuoto di memoria per gli eventi degli ultimi giorni o mesi (amnesia retrograda). È invece conservata la memoria biografica, si ricorda il proprio nome e le altre informazioni che riguardano la propria persona. I pazienti sono comunque disorientati e non ricordano perché si trovano in quel luogo in quel momento e ripetono a chi sta vicino sempre le stesse domande (non ricordandosi di averle già poste e non essendo in grado di memorizzare le risposte). In genere, entro qualche ora, tutto torna alla normalità e non ci sono altri sintomi neurologici.

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:20 Rispondi

      Concordo con te Rita… Il dolore di questa madre non avrà mai fine, se lo porterà dietro ogni secondo della sua vita… Che strazio, che orrore!! Quanto avrà sofferto quella cucciolina e chissà quante volte avrà chiamato la sua mamma!!!!

    • Fabian Lorena 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      A me è successo quando mio figlio aveva 6 mesi.. Per fortuna c’era anche il papà con noi e quando ha visto cje ho chiuso la macchina e sn entrata in casa mi ha chiesto dov’era David…. È facile giudicare, perche è vero, sembra l’assurdità piu assoluta… Pero putroppo in certe situazioni il nostro cervello ci fa dei bruttissimi scherzi… Non siamo dei robot….

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:27 Rispondi

      Purtroppo la nostra qualità di vita è messa a dura prova dalla società che chiede troppo alle donne che decidono di diventare mamme. Lo stato non tutela davvero la maternità ed i tempi di vita/lavoro spesso sono estenuanti e inadeguati alle esigenze delle famiglie.

  20. Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:04 Rispondi

    L’amnesia transitoria globale (TGA) non è molto frequente, ma la sua sintomatologia è molto impressionante. Insorge spesso dopo una forte agitazione emotiva ed è caratterizzata da una perdita improvvisa della capacità di memorizzare informazione nuova (amnesia anterograda) che si associa ad un vuoto di memoria per gli eventi degli ultimi giorni o mesi (amnesia retrograda). È invece conservata la memoria biografica, si ricorda il proprio nome e le altre informazioni che riguardano la propria persona. I pazienti sono comunque disorientati e non ricordano perché si trovano in quel luogo in quel momento e ripetono a chi sta vicino sempre le stesse domande (non ricordandosi di averle già poste e non essendo in grado di memorizzare le risposte). In genere, entro qualche ora, tutto torna alla normalità e non ci sono altri sintomi neurologici.

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:20 Rispondi

      Concordo con te Rita… Il dolore di questa madre non avrà mai fine, se lo porterà dietro ogni secondo della sua vita… Che strazio, che orrore!! Quanto avrà sofferto quella cucciolina e chissà quante volte avrà chiamato la sua mamma!!!!

    • Fabian Lorena 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      A me è successo quando mio figlio aveva 6 mesi.. Per fortuna c’era anche il papà con noi e quando ha visto cje ho chiuso la macchina e sn entrata in casa mi ha chiesto dov’era David…. È facile giudicare, perche è vero, sembra l’assurdità piu assoluta… Pero putroppo in certe situazioni il nostro cervello ci fa dei bruttissimi scherzi… Non siamo dei robot….

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:27 Rispondi

      Purtroppo la nostra qualità di vita è messa a dura prova dalla società che chiede troppo alle donne che decidono di diventare mamme. Lo stato non tutela davvero la maternità ed i tempi di vita/lavoro spesso sono estenuanti e inadeguati alle esigenze delle famiglie.

    • Atoea Scozzina 27 luglio, 2016 at 17:28 Rispondi

      Come in tutte le cose, ciascuno si erge a giudice. Vorrei solo sapere se nessuno di questi porfettissimi genitori abbia mai dimenticato, anche per un solo istante, di passare dall’asilo a prendere i figli, pur senza essere affetti da TGA. Immagino già ermellini che puntando il dito diranno che l’asilo è cosa differente, dimostrando di non conoscere affatto il danno potenziale che questa semplice “dimenticanza” può produrre nei bambini. cercate di avere almeno pietà per questa donna, che farà una vita di inferno, ammesso riesca a sopravvivere ad un evento di tale gravità. Se poi, come ipotiza qualcuno, fosse una infanticida, ci penseranno i giudici veri a giudicare, come è loro compito.

    • Fabian Lorena 27 luglio, 2016 at 17:29 Rispondi

      Esatto… Poi ci sn delle condizioni mediche particolare che la gente trascura x vergogna o altro, perche tutti si aspettano da noi di essere delle wonder women…. La depressione, la stanchezza sono bestie senza pietà, e troppe volte le ignoriamo perche “dobbiamo” farcela, anche quando nn ci si riesce piu

    • Paola Elena Ferrari 27 luglio, 2016 at 17:37 Rispondi

      Mi unisco a voi e concordo con ogni singolo commento…io mi auguro solo che tutte le mamme perfettissime che hanno dichiarato “a me non succederà mai!” non abbiamo un blackout mentale. Detto questo povera cucciola e povera mamma un dolore immenso, povera ragazza davvero :-(

    • Cristina Silvestri 27 luglio, 2016 at 17:41 Rispondi

      È molto vero quello che hai scritto Fabian, purtroppo non c’è ancora la cultura di riconoscere come patologia, al pari di tutte le altre, i disturbi mentali.
      Non bisogna avere vergogna di chiedere aiuto a professionisti esperti del settore.
      È vero anche che in alcuni casi, la resistenza più grande viene esercitata dalle persone a noi vicine, le quali sminuiscono la condizione di chi in quel momento chiede aiuto.

    • Paola Elena Ferrari 27 luglio, 2016 at 17:46 Rispondi

      Tempo fa, ora non ricordo dove lessi questa cosa, una psicologa parlava di “falsi ricordi” quando quotidinamente si fanno sempre gli stessi gesti (tipo chiudere la porta di casa) se ti soffermi a pensarci, nell’arco della giornata, non ricordi se quel preciso giorno hai fatto quel gesto o meno facendolo quotidianamente. Io non la posso assolutamente condannare questa povera mamma.

    • Rosaria Arena 27 luglio, 2016 at 22:06 Rispondi

      AnChio non credo sia stato volontario ne dimenticarla ne lasciarla in macchina sola…con mente sana e lucida non l avrebbe fatto neanche x comprare un panino..e la macchina parcheggiata davanti da poterla guardare…chissà cosa le sara successo…

    • Marta Malvezzi 28 luglio, 2016 at 09:55 Rispondi

      Magari tanti di questi genitori perfetto mi hanno nonni, tate e altri servitori che gli pascolano i bambini mentre sono al lavoro….io ho due figli e nessuno mi aiuta, a parte mio marito. Quando sento queste notizie tremo dalla paura perché penso che potrebbe benissimo succedere anche a me…

    • Cristina Silvestri 28 luglio, 2016 at 16:35 Rispondi

      Michela Piazza: la TGA potrebbe essere un’ipotesi ma hai ragione, se ne potrebbero fare tante altre ( non conoscendo bene la questione) tra l’altro oggi è uscito un articolo di giornale che riporta la dichiarazione del Dott. Riccardo Ristori che ha seguito il caso della piccola al Meyer… Invio la foto.

    • Erica Calosso 28 luglio, 2016 at 23:14 Rispondi

      Va bene, mettiamo pure che sia malata Cristina Silvestri. Ma come spieghiamo il fatto che dopo che si è ricordata di averla lasciata li, non l’ha portata al pronto soccorso?! Aspetti le convulsioni per farlo?! No dimmi, ti sembra malattia questa?! O stress?! Questa non è premura questa è stupidità bella e buona!

    • Cristina Silvestri 28 luglio, 2016 at 23:54 Rispondi

      Se fosse confermata l’ipotesi del Dott. Ristori, il blackout da stress non si può considerare una malattia ma è una circostanza momentanea. Non so rispondere alle tue domande ( legittime) perché non conosco i fatti. Io invece avevo letto che la prima persona a soccorre la cucciola è stata la nonna..Comunque la magistratura ha aperto un’indagine, inserendo la madre nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo…Saranno loro a stabilire eventuali responsabilità…
      È davvero una vicenda straziante…

    • Cristina Silvestri 28 luglio, 2016 at 23:54 Rispondi

      Se fosse confermata l’ipotesi del Dott. Ristori, il blackout da stress non si può considerare una malattia ma è una circostanza momentanea. Non so rispondere alle tue domande ( legittime) perché non conosco i fatti. Io invece avevo letto che la prima persona a soccorre la cucciola è stata la nonna..Comunque la magistratura ha aperto un’indagine, inserendo la madre nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo…Saranno loro a stabilire eventuali responsabilità…
      È davvero una vicenda straziante…

  21. Alice Franceschini 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    Non voglio giustificare, ma nemmeno giudicare, purtroppo la frenesia moderna ci porta ad essere sempre di corsa, sempre presi da mille cose, sempre a dire ai nostri bimbi dai muoviti…forse tutti noi ci dobbiamo fermare un momento…riposa in pace piccolina….

  22. Alice Franceschini 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    Non voglio giustificare, ma nemmeno giudicare, purtroppo la frenesia moderna ci porta ad essere sempre di corsa, sempre presi da mille cose, sempre a dire ai nostri bimbi dai muoviti…forse tutti noi ci dobbiamo fermare un momento…riposa in pace piccolina….

  23. Alice Franceschini 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    Non voglio giustificare, ma nemmeno giudicare, purtroppo la frenesia moderna ci porta ad essere sempre di corsa, sempre presi da mille cose, sempre a dire ai nostri bimbi dai muoviti…forse tutti noi ci dobbiamo fermare un momento…riposa in pace piccolina….

  24. Alice Franceschini 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    Non voglio giustificare, ma nemmeno giudicare, purtroppo la frenesia moderna ci porta ad essere sempre di corsa, sempre presi da mille cose, sempre a dire ai nostri bimbi dai muoviti…forse tutti noi ci dobbiamo fermare un momento…riposa in pace piccolina….

  25. Anna Ius 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    E appena te ne accorgi non corri in ospedale ma la porti in negozio??? Qui non è voler essere giudici, obiettivamente questa donna è un’idiota come minimo…

  26. Anna Ius 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    E appena te ne accorgi non corri in ospedale ma la porti in negozio??? Qui non è voler essere giudici, obiettivamente questa donna è un’idiota come minimo…

  27. Anna Ius 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    E appena te ne accorgi non corri in ospedale ma la porti in negozio??? Qui non è voler essere giudici, obiettivamente questa donna è un’idiota come minimo…

  28. Anna Ius 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    E appena te ne accorgi non corri in ospedale ma la porti in negozio??? Qui non è voler essere giudici, obiettivamente questa donna è un’idiota come minimo…

  29. Gjusi Prinzivalli 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    A chi scrive che non bisogna giudicare ,,ma come si può dimenticare la propria figlia in macchina??????non è un’oggetto,,è una bambina,,,e quando si chiude l’auto non vedi chi c’è all’interno????noooo non si può capire come si possa fare!!!

    • Serena Caravello 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      E quindi pensi che lo abbia fatto apposta…?!?!? Siamo sempre prese da mille pensieri! Sempre di corsa per non fare tardi al lavoro…. io penso che essendo esseri umani, purtroppo può succedere….. Io questa mamma la comprendo! io Ho una bambina di 11 mesi che spesso mi fa ancora passare le notti in bianco. La mattina sono uno zombie, perché la mia sveglia delle 5.45 non perdona! Non siamo dei robot! Purtroppo nessuno è infallibile…

  30. Gjusi Prinzivalli 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    A chi scrive che non bisogna giudicare ,,ma come si può dimenticare la propria figlia in macchina??????non è un’oggetto,,è una bambina,,,e quando si chiude l’auto non vedi chi c’è all’interno????noooo non si può capire come si possa fare!!!

    • Serena Caravello 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      E quindi pensi che lo abbia fatto apposta…?!?!? Siamo sempre prese da mille pensieri! Sempre di corsa per non fare tardi al lavoro…. io penso che essendo esseri umani, purtroppo può succedere….. Io questa mamma la comprendo! io Ho una bambina di 11 mesi che spesso mi fa ancora passare le notti in bianco. La mattina sono uno zombie, perché la mia sveglia delle 5.45 non perdona! Non siamo dei robot! Purtroppo nessuno è infallibile…

  31. Gjusi Prinzivalli 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    A chi scrive che non bisogna giudicare ,,ma come si può dimenticare la propria figlia in macchina??????non è un’oggetto,,è una bambina,,,e quando si chiude l’auto non vedi chi c’è all’interno????noooo non si può capire come si possa fare!!!

    • Serena Caravello 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      E quindi pensi che lo abbia fatto apposta…?!?!? Siamo sempre prese da mille pensieri! Sempre di corsa per non fare tardi al lavoro…. io penso che essendo esseri umani, purtroppo può succedere….. Io questa mamma la comprendo! io Ho una bambina di 11 mesi che spesso mi fa ancora passare le notti in bianco. La mattina sono uno zombie, perché la mia sveglia delle 5.45 non perdona! Non siamo dei robot! Purtroppo nessuno è infallibile…

  32. Gjusi Prinzivalli 27 luglio, 2016 at 17:05 Rispondi

    A chi scrive che non bisogna giudicare ,,ma come si può dimenticare la propria figlia in macchina??????non è un’oggetto,,è una bambina,,,e quando si chiude l’auto non vedi chi c’è all’interno????noooo non si può capire come si possa fare!!!

    • Serena Caravello 27 luglio, 2016 at 17:23 Rispondi

      E quindi pensi che lo abbia fatto apposta…?!?!? Siamo sempre prese da mille pensieri! Sempre di corsa per non fare tardi al lavoro…. io penso che essendo esseri umani, purtroppo può succedere….. Io questa mamma la comprendo! io Ho una bambina di 11 mesi che spesso mi fa ancora passare le notti in bianco. La mattina sono uno zombie, perché la mia sveglia delle 5.45 non perdona! Non siamo dei robot! Purtroppo nessuno è infallibile…

    • Manuela-Cristina Ababei 27 luglio, 2016 at 17:28 Rispondi

      È vero siamo esseri umani e ci sono certi momenti che il cervello è out.. Ma per 4 ore? Non giudico perché non ho nessun diritto però è triste e queste cose non devono capitare.. Una mamma se è stanca o ha mille pensieri non deve mettere in pericolo la vita di propria figlia,meglio chiedere aiuto…

    • Gjusi Prinzivalli 27 luglio, 2016 at 17:31 Rispondi

      Io leggo abbastanza e so che il cervello è una macchina e che può andare in tilt,,ma quando si parla di bambini e soprattutto così piccoli l’attenzione deve essere alta,,si tralasciano le altre cose ma i figli sono priorità assoluta!!!!!!!

    • Gjusi Prinzivalli 27 luglio, 2016 at 17:50 Rispondi

      Non si tratta di giudicare ma visto che tutti esprimono il proprio pensiero lo faccio anch’io e penso,,spero veramente che non sia stata crudele da lasciarla apposta perché se fosse così l’ergastolo ci vorrebbe,,ma sicuramente non è stata attenta,,,e con i figli bisogna ESSERLO,,SEMPRE, la piccola ha 17mesi,,,ma come si fa???”

    • Laura Zito 27 luglio, 2016 at 17:54 Rispondi

      Fabian Lorena anche l’arroganza accompagnata all ignoranza non è un pregio.. Non sono un giudice ne una psicologa, ma sono mamma di 3 figli, non si possono sentire certe notizie, come sentir dire tutte mamme perfettine, non sono una mamma perfetta anzi ho 1000 difetti, ho sbagliato e continuerò A farlo probabilmente,ma 4 ore in auto è veramente troppo come dimenticanza..

    • Cecilia Gassinelli 27 luglio, 2016 at 18:10 Rispondi

      Si chiama amnesia dissociativa…e può succedere a chiunque anche a voi maestrine…..basta unire stanchezza, stress, depressione…e succede che mentre guidi la bambina si addormenta…tu pensi a tutte le cose da fare e il cervello ti dice che tu la bimba l’hai gia lasciata per cui vai a lavoro..scendi di macchina la piccola continua a dormire…chiudi la macchina e vai a lavorare…non siamo robot…siamo umani…beate voi che avete tutte aiuti ad agevolare le vostre vite…ma non sentitevi migliori…perché non lo siete..anzi..facile giudicare….il giudizio più grande questa povera mamma dovrà subirlo da se stessa…per cui…o state zitte o quantomeno esprime