"Prima lavoravo lontana da casa, oggi faccio la Tagesmutter" (I° PARTE)

tagesmutter

Silvana Bussolaro è mamma di due splendidi bambini e fondatrice dell'associazione "Tagesmutter Toscana". Dopo essersi divisa per lungo tempo tra famiglia e lavoro ha deciso di trasformare un'esigenza e una passione in un lavoro, orientandosi su un modello educativo di grande successo nei paesi del nord. Oggi vi presentiamo la prima parte dell'intervista a una Tagesmutter, "mamma di giorno". Buona lettura!

1. Gentile Silvana, prima e scontata domanda: chi è la Tagesmutter?

La Tagesmutter è una professionista con adeguata formazione che offre educazione e cura a bambini di altri presso il proprio domicilio. Il termine Tagesmutter deriva dalla lingua tedesca e significa letteralmente "mamma di giorno". Il servizio Tagesmutter si rivolge alla fascia 0-14 anni, si caratterizza per la domiciliarità, la flessibilità dell'orario e la personalizzazione del progetto educativo. Ogni Tagesmutter può accogliere fino al massimo di 5 bambini contemporaneamente, compresi i propri figli se presenti in orario di servizio.

2. Perché la Tagesmutter lavora in casa propria?

La Tagesmutter offre il servizio in casa propria perché la casa è il primo luogo in cui i bambini e i grandi si incontrano; è un luogo denso di relazioni e di significati, dove si svolge la quotidianità. Perché la casa è un luogo dove sentirsi protetti e in cui poter osare nuove avventure; un luogo in cui apprendere regole sociali in un contesto affettivamente rassicurante. 

3. Che differenza c'è tra Tagesmutter e baby-sitter?

A differenza della baby-sitter la Tagesmutter, pur lavorando da sola in casa propria, non è abbandonata a se stessa. Questa, dopo una formazione iniziale continua a essere supportata da una équipe di specialisti. Inoltre, entra a far parte di una rete di colleghe con cui si relaziona e confronta mensilmente.

4. E tra Tagesmutter e nido domiciliare?

In Toscana la Legge Regionale prevede la possibilità di aprire un nido domiciliare a casa propria, destinando una parte dell'abitazione ad uso esclusivo della famiglia ed una parte ad uso esclusivo del nido. La Tagesmutter invece accoglie i bambini in casa sua, mantenendo quindi i requisiti di familiarità e di domesticità che caratterizzano il servizio.

5. La legge italiana tutela e riconosce in modo adeguato il mestiere della Tagesmutter, oggigiorno a tutti gli effetti una vera e propria figura professionale?

A livello regionale la figura della Tagesmutter attualmente è riconosciuta, regolamentata e finanziata solo nelle province autonome di Bolzano e Trento, che per prime hanno importato in Italia questa figura. A livello nazionale, invece, manca un riconoscimento.

A prescindere da ciò, il servizio Tagesmutter è un esempio pratico di applicazione del principio di sussidiarietà, contenuto nell'articolo 118 della Costituzione: esso prevede che le istituzioni creino le condizioni favorevoli affinchè i cittadini, anche in forma associata come nel nostro caso, possano agire liberamente per soddisfare i bisogni della comunità.

6. “Tagesmutter Toscana”: com'è nata l'idea di avviare questo progetto?

E' nata da necessità familiari: io e mio marito non avevamo nonni vicini che ci potessero supportare, e già prima di diventare genitori eravamo consapevoli che avremmo avuto bisogno di aiuto, dato che lavoravamo entrambi; io per di più lavoravo a 100 km da casa e stavo fuori 12 ore al giorno, di cui 4 ore solo per gli spostamenti. Mentre aspettavo il mio primo bimbo ho scoperto che qualcuno aveva già trovato la soluzione e gradualmente ho maturato l'idea di portare le Tagesmutter anche in Toscana. Dopo la nascita del secondo figlio, ho lasciato il mio lavoro per seguire questo progetto: con altre persone ho fondato l'associazione Tagesmutter Toscana e sono diventata la coordinatrice del servizio. 

Please follow and like us:

5 comments

  1. Imelda Carpené 24 ottobre, 2015 at 11:54 Rispondi

    la beby sotter,viene da te,la taghesmuttertu porti il piccolo da lei e lei te lo tiene tutto il tempo che tu lavori,io c’avevo in germania,e nio figlio era piccolo,poi ragguinta l’eta’ dell’asilo non mi e’ servita piu’.costa meno del’Asilo nido.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.