Riciclo creativo: costumi da bagno diventano sacchetti profumati

costumi-da-bagno

"L'estate sta finendo", cantava un vecchio gruppo anni '80, anzi, in pratica è già bella e finita. L'ora di riporre abbigliamento e attrezzature per il mare è arrivata, ma prese da una stagionale voglia di decluttering, passiamo al setaccio costumi e asciugamani e ci rendiamo conto che sono troppo vecchi per vedere le luci della nuova stagione estiva che verrà? Bene, calme e non buttiamo via niente. Certo, se da una parte riciclare i vecchi asciugamani del mare è molto semplice, vuoi perché uno straccio in casa serve sempre, o perché il cane per l'inverno avrà una coperta in più, riciclare i costumi da bagno sembrerebbe non avere molto senso. Sbagliato! Ci sono tantissime idee su come riutilizzare i vecchi costumi da bagno senza riempire la casa di oggetti inutili.

Il modo più svelto ed economico di riciclare i vecchi costumi da bagno è quello di farne dei sacchetti profuma biancheria. Il tessuto grosso e resistente garantisce un'ottima tenuta del contenuto, ma al contempo permette alle varie profumazioni di permeare. Non serve nulla di troppo complicato, bastano delle forbici, dei nastrini, ma anche la buona vecchia lenza della canna da pesca del marito è perfetta, e dei fiori di lavanda o un altro aroma. Tagliamo quindi dei cerchi di stoffa dal costume (se sono quadrati nessuno protesterà), dal reggiseno ne verranno due, dallo slip, secondo il modello solo uno, e inseriamovi all'interno qualche fiore di lavanda e chiudiamo col nastrino o la lenza facendo un nodo ben stretto. Appendiamo all'interno dell'armadio.

Siete pigre e non avete alcuna intenzione di cimentarvi con le forbici? Ecco una soluzione ancora più facile. Prendete il reggiseno del vostro costume da bagno, se è imbottito ancora meglio, senza ritagliare nulla, versate qualche goccia di olio essenziale dell'aroma che preferite e appendete nell'armadio! Meglio in questo caso non avvicinarlo troppo al resto della biancheria in modo da evitare che si macchi o che profumi eccessivamente.