A Salerno si invertono i vestitini in clinica e si teme lo scambio in culla

scambio-abiti-in-culla

In una clinica di Salerno un operatore sanitario del Punto Nascita, in quel momento addetto al nido, mentre vestiva 2 neonati ha invertito, per distrazione, i loro vestitini. La tutina rosa è stata fatta indossare a un maschietto e quella celeste a una femminuccia.

Il risultato? La comprensibile rabbia dei genitori di entrambi, i quali, di fronte alla evidente sbadataggine del personale della clinica, hanno temuto che ci potesse essere stato uno scambio di bambini in culla.

Il braccialetto recante il nome e il cognome del neonato

In realtà a ciascuna mamma avevano consegnato il neonato giusto, ma con la tutina sbagliata. Più che di uno scambio in culla, in altri termini, si è trattato di uno scambio d’abiti. Il braccialetto indossato dai piccoli, infatti, e recante il nome e il cognome di ciascuno di loro, non lasciava alcun dubbio.

Eppure le 2 coppie di genitori coinvolti non hanno voluto sentire ragioni e hanno richiesto l’intervento di una volante della Questura.

Ad ogni modo, a parte la rabbia e il disappunto, non è stato provocato alcun danno: e voi come avreste reagito se vi foste trovati nei panni di questi neogenitori?

38 comments

  1. Trilly Jade 7 ottobre, 2016 at 18:14 Rispondi

    Il mio incubo. … grazie a Dio dove andrò ,dal travaglio alla messa in culla del bimbo si fa tutto nella stessa stanza …esce poco prima di me e sarà accolto da chi mi aspetta fuori di famiglia. ..

    • Pamey Pamy 7 ottobre, 2016 at 23:54 Rispondi

      Si.. ma è anche vero che cambiano in fretta.. io lho vista tutta vestita cn cappello. . Poi lho rivista dopo 30 ore e nel mentre solo foto .. mi sembrava già diversa.. poi io ho sempre avuto un ansia x queste cose. .

  2. Eleonora Rossi 7 ottobre, 2016 at 22:33 Rispondi

    Era peggio lo scambio dei bimbi che le tutine dai su… capisco al momento il panico ma visto che i braccialetti erano corretti e ogni pisello/patata era al suo posto pazienza 😂😂😂

  3. Titti Prisco 8 ottobre, 2016 at 07:14 Rispondi

    Il mio piccolo aveva il nome sbagliato sul braccialetto e poi gli si sfilava sempre (chi mi dice non sia successo anche in nido), un giorno gli misero una tutina sbagliata e in più il suo atto di nascita per un giorno scomparve… Fu ritrovato nella cartella clinica di un’altra mamma. Il suo viso l’ho stampato in testa in sala operatoria ma è inutile negarlo certe cose accadono e seppur sembri un errore banale bisognerebbe che ognuno, in ogni ambito e ad ogni livello, faccia attenzione sul posto di lavoro!

  4. Vncmhl Vnc 8 ottobre, 2016 at 09:50 Rispondi

    Da noi non si portano vestiti da casa.. se non quello per uscire dall’ ospedale.. in questo modo non esistono scambi d abito… e poi in questo caso raga’ erano un bimbo è una bimba.. se per sconvoltura post parto non ti accorgi dal viso che non è il tuo bambino… quando cambi il panno forse te ne accorgi

  5. Oriana Maugeri 8 ottobre, 2016 at 17:02 Rispondi

    A catania, non ho mai lasciato i miei figli, neanche per un istante dal parto alle dimissioni.
    Non ve ne è motivo…..e gli ospedali che tolgono i bimbi alle mamme andrebbero denuciati

  6. Silvia Nymeria Moraschi 8 ottobre, 2016 at 17:03 Rispondi

    Dove ho partorito io, una volta che il bimbo nasce non lo perdi più di vista. L’hanno lavato vestito e messo in culla in sala parto e poi è rimasto con me per le 2 ore del controllo di routine. Siamo usciti e il papà spinheva la cullina che è stata messa accanto al mio letto e ci è rimasta sempre..addirittura ci facevano andare in bagno con la culla, guai se lo lasciavi in stanza con l’altra mamma a guardarlo..per cui non ho dubbi che sia lui 😄 e poi lo guardi una volta e non lo scordi più 😍

  7. Barbara Bettega 8 ottobre, 2016 at 18:03 Rispondi

    genitori esagerati…erano un maschio e una femmina…. non sanno riconoscere il sesso oltre che il proprio figlio? lo scambio vestiti puo succedere, chiamare la volante è davvero assurdo o esagerato, magari speravano di spillar quattrini, che tristezza

  8. Caterina Ponziano Palermo 8 ottobre, 2016 at 19:40 Rispondi

    Io l avrei riconosciuta fra mille la mia bimba in sala operatoria subito quando e nata me l hanno fatta vedere poi la portarano al padre e me la riportarono tt lavata e inbraccalettata era lei mio marito era lì fiori come un mastino ha controllare gli e lo detto io guarda attentamente che ve la scambiano ahajjaj idem x la sexonda

Lascia un commento