Il saluto di Papa Francesco ai bambini malati del San Giovanni di Roma

papa-francesco-san-giovanni-roma

Papa Francesco ci ha mostrato il suo grande cuore in tante occasioni. Lo ha fatto di nuovo con una bellissimo gesto dedicato ai bambini: una visita al reparto di neonatologia dell’ospedale di San Giovanni di Roma per conoscere 12 bambini con diverse patologie.

La visita di Papa Francesco ai bambini ricoverati

Con un personale emozionato e stupito del bellissimo gesto di Papa Francesco, il pontefice si è infilato camice e mascherina per dedicare il suo tempo ai bambini del San Giovanni.

La sua spontaneità ha scaldato il cuore di medici e personale sanitario e la visione di ogni gesto di questo grande uomo è stato un insegnamento di vita per tutti.

papa-francesco-san-giovanni-roma

L’amore e la fede di Papa Francesco per i bambini

Papa Francesco si è avvicinato a ogni incubatrice. Ha offerto parole confortanti ai genitori dei bambini malati, cinque in condizioni molto gravi che stanno vivendo i loro primi giorni di vita in terapia intensiva. Ha dato sorrisi e speranza per questi piccoli angeli bisognosi di tanto affetto e preghiere.

Questa visita commovente ci insegna quanto amore possiamo dare ai bambini che vivono momenti così delicati in un ospedale.

Please follow and like us:

29 comments

    • Alessandra Cusumano 19 settembre, 2016 at 13:22 Rispondi

      no, non dico che ne ho visti altri! Ho detto solo che non ha fatto niente di speciale… tutti lo guardate con ammirazione solo perche’ e’ il Papa! Beh, x me e’ solo una persona come lo sono io e come lo sei tu

    • Giusy Giordano 19 settembre, 2016 at 15:15 Rispondi

      Alessandra Cusumano certo cara…il papa è un essere umano come me e come te…non è Superman…e anche davanti agli occhi di Dio è uguale a ogni essere umano… È “semplicemente” il vescovo di Roma …successore di san Pietro… Voluto da Gesù… È andato a portare conforto… Come puoi farlo anche tu…e il tuo gesto non sarebbe da meno… È un uomo che ha fatto e fa del bene….nelle sue possibilità e questo è quello che lo porta ad essere …diciamo… “Lodato”… Cerca di vivere come dovrebbe vivere un cristiano… Ora credo che a volte ci riesca …a volte no…è pur sempre un essere umano…ma questo Dio lo sa…

    • Alessandra Cusumano 19 settembre, 2016 at 16:36 Rispondi

      esattamente Sabrina Zaniboni, perche’ tu sei una persona normale come me invece il Papa viene quasi visto come se lui fosse Dio. Carmen Piazza, chi sei tu x dire che il mio e’ un commento stupido? Solo xche’ non la penso come te

    • Lucia Canfora 19 settembre, 2016 at 23:58 Rispondi

      Il Papa fa le veci di Dio!ma sei credente o no???? Ma invece di apprezzare!!!vorei vedere se capitasse a te una cosa cosi brutta ti farebbe senz altro piacere ricevere una sua visita ed essere confortata!ma vai a criticare chi fa del male per piacere!

    • Giusy Giordano 21 settembre, 2016 at 08:18 Rispondi

      Gesù andò da Pietro e disse :” tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa…e tu avrai le chiavi del regno dei cieli…”…si può leggere nel vangelo Esther Meli… Ah per la cronaca… Io nn sono il miglior esempio di donna di fede perché ho mille dubbi…poi (Sabrina Zaniboni) in ospedale tutti possono entrare per dare conforto…pensa ai cagnolini o alla clown terapia.. Ovvio che se un bimbo nn può essere toccato neanche il papa metterebbe a rischio la sua vita e neanche i dottori glielo darebbero in braccio… Ginevra Scotti magari cara mia avessimo la certezza di essere salvati…da come vedo la situazione mondiale…la mia fiducia…vacilla…cmq mie care…alla fine la cosa importante è amare il prossimo …in nome di dio…in nome di Allah e in nome di nessuno…

  1. Ginevra Scotti 19 settembre, 2016 at 15:59 Rispondi

    Che scena struggente velata da ipocrisia consideri magari e consoli se puo servire a fare qcsa..si magari proseliti gli immigrati non solo quelli che vanno in piazza s pietro la mascherina ha fatto bene a metterla csi non contamina del Marcio i bambini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.