Smart working: prorogato fino al 31 dicembre per i genitori con figli under 14

smart-working-prorogato-per-i-genitori-con-figli-under-14

Prorogato fino al 31 Dicembre lo smart working per i lavoratori fragili e i genitori con figli minori di 14 anni.
Una delle notizie più attese, arriva nelle ultime ore la conversione in legge del decreto sulle norme del lavoro Aiuti-Bis.

Lavorare da casa: ecco la proroga tanto voluta

Se fino a pochi giorni fa era ancora in bilico tra la scadenza di fine estate e la gestione di nuove normative sul lavoro da remoto, oggi il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha annunciato la proroga su Twitter.

L'approvazione della proroga dello smart working era infatti in attesa dopo la scadenza del 31 luglio, perché in mancanza di coperture finanziarie : il Ministro Andrea Orlando aveva annunciato che sarebbe stata riproposta questa modalità di lavoro in quanto estremamente vantaggiosa per i lavoratori fragili e per le famiglie.

Grazie infatti all'introduzione dello smart working nel nostro paese, oggi in Italia sempre più genitori con bambini piccoli riescono a gestire al meglio la loro vita lavorativa, conciliando con minori difficoltà gli impegni familiari e professionali.

Il video della settimana

Smart working: il programma e le nuove regole

L'attuazione della proroga, spiega il ministro, è stata possibile grazie all'impiego di risorse del Ministero del Lavoro: 18,66 milioni di Euro per l'esattezza, solo per il 2022.

Il programma prevede tuttavia due requisiti fondamentali: il primo, è che la professione sia compatibile con il suo svolgimento da casa; il secondo riguarda invece le famiglie ed in particolare i genitori di bambini under 14, questi difatti potranno lavorare da remoto solo nei casi in cui in famiglia non sia presente in genitore non lavoratore o percettore di ammortizzatori sociali, come Naspi o cig.

Per quanto riguarda i soggetti fragili si stabilisce che il lavoro agile è possibile nel caso di figli disabili senza limiti di età, oppure per i lavoratori con disabilità in situazione di gravità accertata o i caregivers.

Con il primo Settembre e il termine della fase emergenziale, si torna all'accordo individuale tra dipendenti e datori di lavoro, il ministero dovrà inoltre riceve i nominativi dei lavoratori in telelavoro e loro relative date di inizio e cessazione, insieme ai dettagli riguardanti i tempi di riposo e di disconnessione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.