In vista del carnevale, pensiamo a dei lavoretti creativi con le stelle filanti

Il carnevale oltre a essere un periodo dell'anno molto colorato e divertente, è anche un momento di spunto per giocare e creare originali lavoretti con i nostri bimbi.

Tra qualche giorno le strade saranno ricoperte di coriandoli e stelle filanti, a testimonianza delle allegre ore trascorse tra mascherine e scherzetti. Per i primi, purtroppo, non c'è molto da fare; una volta caduti a terra è difficile poterli riciclare, ma per le stelle filanti, quelle per lo meno utilizzate dentro casa, c'è la possibilità di un riutilizzo simpatico e divertente.

Spazzarle via sarebbe veramente un peccato e, a meno che non siano proprio sporche o ridotte a pezzetti troppo piccoli, possiamo riciclarle. Raccogliamole e controlliamo che siano pulite e procuriamoci della colla vinilica.

Con molta pazienza, se abbiamo un po' di tempo a disposizione, creeremo degli oggettini fatti di stelle filanti arrotolate.

Prendiamone una e iniziamo ad arrotolarla su se stessa. Quando il nastro di carta colorato sarà finito, spennelliamo con la colla vinilica e, mentre è ancora fresca, appiccichiamo il lembo di un'altra stella filante e continuiamo ad arrotolare, non importa se il colore è diverso, anzi. Una volta ottenuta una "rotella" di stella filante, delle dimensioni che preferiamo, fermiamo la carta filante con un altra spennellata di colla vinilica e lasciamo asciugare qualche minuto. Premiamo con delicatezza sul centro, in modo che la rotella assuma la forma di una tazza. Arrotoliamo quindi un'altra stella filante per fare il manico che attaccheremo sempre con la colla vinilica e con un rotolo più grande faremo un piattino.

In breve tempo avremo un'originale tazzina da caffè colorata e allegra, a ricordo del carnevale.

Ma si possono faremoltissimi altri oggetti, in base alle dimensioni delle rotelle di carta ottenute e a come vorremo attaccarle tra loro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.